Superbike Donington: Jonathan Rea, piano di fuga Mondiale

Superbike Donington: Jonathan Rea, piano di fuga Mondiale

Il Cannibale approda a Donington con 47 punti di vantaggio su Chaz Davies. Occhio anche a Tom Sykes, qui 9 volte vittorioso

di Redazione Corsedimoto
Jonathan Rea

Jonathan Rea domenica corre (quasi) in casa con l’obiettivo di dare un’altra forte spalla al Mondiale Superbike. Siamo al sesto round di tredici, quindi neanche a metà cammino, ma il Cannibale si è già portato avanti: cinque vittorie (in dieci gare…) per un vantaggio su Chaz Davies di 47 punti, quasi un round intero. Nonostante la limitazione di 1100 giri motore la Kawasaki resta temibilissima, specie su tracciati senza grandi rettilinei come Imola (doppietta di Rea) e Donington. Le due gare britanniche scatteranno sabato alle 14:15 e domenica alle 14, orario italiano.

STATISTICHE – Donington è uno dei tracciati sui cui Rea ha vinto meno. Con la Honda qui ha primeggiato solo nel 2012, nella famosa sfida contro le BMW di Melandri e Haslam risolta da una clamorosa sportellata all’ultima curva. Con la Kawasaki Jonathan ha primeggiando solo nel 2017, in gara 2. In tre stagioni (sei gare) vanta tre secondi posti, un terzo e accusa il ritiro in gara 1 anno scorso per cedimento dello pneumatico posteriore. Qui invece il compagno Tom Sykes ha vinto nove volte, consecutive: prima battuta d’arresto proprio nel 2017 ad opera del compagno di squadra.

Donington è un posto speciale, non vedo ora di correre” dice Jonathan Rea. “Quest’anno è ancora meglio, perchè arrivo dal week end di Imola che ci ha dato molta soddisfazione. Donington è molto impegnativo, c’è una parte velocissima e un’altra molto più guidata, con staccate violente. Servirà un compromesso, ma credo che la Kawasaki abbia buone carte da giocare. Ho il primato storico di vittorie nel mirino, il calore del pubblico di casa sarà una spinta extra per raggiungere il traguardo.”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy