Superbike: via oggi ai test collettivi al Motorland Aragon

Superbike: via oggi ai test collettivi al Motorland Aragon

Squadre pronte ai primi veri test in prospettiva 2011

Commenta per primo!

Da oggi e venerdì nel nuovissimo impianto Motorland Aragon situato nei pressi di Alcaniz in Spagna le principali squadre del World Superbike si ritroveranno per il primo “vero” test in proiezione 2011. Sei team della Superbike, tre della Supersport, almeno 16 piloti in pista per scoprire il tracciato dell’Aragona, dal layout leggermente diverso rispetto a quanto visto lo scorso 19 settembre nel Motomondiale.

Confermata la partecipazione alle prove della Aprilia con Max Biaggi al primo test da Campione del Mondo. Rinnovato per altri due anni l’accordo con la casa di Noale, il “Corsaro” affronterà queste prove insieme al compagno di squadra Leon Camier (al rientro dopo l’infortunio e conseguente operazione post-Nurburgring), al tester Alex Hofmann e Noriyuki Haga, schierato dal rinnovato Pata Racing Team del connubio tra DFX e Borciani.

Grandi attenzioni per la BMW con Troy Corser e Leon Haslam al lavoro con la S1000RR in configurazione 2011, nuova moto anche per la Kawasaki (comparative con la “vecchia” Ninja con Tom Sykes e Katsuaki Fujiwara), nuova… vita invece per Suzuki Alstare con Michel Fabrizio e per Althea Racing, praticamente la struttura di riferimento Ducati dopo il ritiro del team ufficiale.

La compagine italiana ha momentaneamente confermato la partecipazione ai test per la sola giornata odierna: Carlos Checa domani volerà verso Estoril per correre in MotoGP con Pramac Racing in sostituzione di Mika Kallio.

Tra le Supersport si segnala la presenza del team ufficiale ParkinGO Triumph BE1 (Luca Scassa e Chaz Davies) e delle due squadre Kawasaki: il Provec Motocard.com con Broc Parkes, il Lorenzini by Leoni con Fabien Foret e la squadra Superstock con Sheridan Morais. Ma non sono escluse sorprese dell’ultim’ora…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy