Superbike Misano Gara 1: Carlos Checa vince in solitaria

Superbike Misano Gara 1: Carlos Checa vince in solitaria

Podio completato da Biaggi e Melandri, quarto Sykes

Commenta per primo!

La prima gara Superbike di giornata, sul tracciato di Misano, è stata vinta dal favorito assoluto della corsa, ovvero Carlos Checa. Il pilota spagnolo ha compiuto un’ottima gara senza eccessive pressioni, avendo mostrato in pista una fiducia ottimale e una facilità di guida impareggiabile. Settima vittoria per il pilota Ducati Althea, dodicesima in carriera e terza consecutiva con i rivali per il titolo, Max Biaggi (Aprilia Alitalia) e Marco Melandri (Yamaha World Superbike), che chiudono il podio e vedono il loro svantaggio in classifica salire rispettivamente a 67 e 70 punti, con il pilota romano che si prende momentaneamente il secondo posto.

Quarto posto per un coriaceo Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), in difficoltà nella prima parte di gara ed a metà della stessa, ma capace di ottenere un buon passo nel finale che gli ha permesso di recuperare su Eugene Laverty (Yamaha World Superbike, quindo al traguardo) e di passarlo all’ultima curva. Sesto posto per Leon Camier (Aprilia Alitalia), il quale ha dovuto fare i conti con la sedicesima posizione di partenza che di certo lo ha limitato non poco. Il pilota del Kent è riuscito in ogni caso a compiere un’ottima rimonta, precedendo sul traguardo Sylvain Guintoli (Ducati Effenbert Liberty Racing), l’ottimo Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia), Joan Lascorz (Kawasaki Racing Team) e Maxime Berger (Ducati Supersonic Racing), al miglior risultato della sua prima stagione in Superbike, che chiude la top 10.

Cronaca di Gara

Non prende il via Jonathan Rea, caduto rovinosamente questa mattina nel Warm Up rimediando un trauma cranico e la frattura al radio del braccio destro. Alla partenza scatta ottimamente Tom Sykes, che transita per primo seguito da Leon Haslam e Carlos Checa. Quarto è Max Biaggi, che precede Jakub Smrz, Marco Melandri e Troy Corser. La leadership del pilota Kawasaki non dura molto, visto che viene infilato dal connazionale di casa BMW al “Curvone” e poco dopo viene passato anche da Biaggi.

Gran bagarre tra Sykes e Checa, con il #66 che tenta in ogni modo di tenere la posizione senza riuscirvi, visto che il leader del mondiale riesce a sopravanzarlo alla “Quercia”, nel corso del secondo giro. Giro più veloce per Max Biaggi, mentre il connazionale Michel Fabrizio nel passaggio seguente esce di scena. Melandri compie un buon sorpasso su Tom Sykes ed è quarto, mentre il compagno di squadra ha vita decisamente più dura. Per superare il pilota inglese però, il #58 trova parecchia difficoltà.

Brutto incidente di Jakub Smrz alla curva del “Tramonto”, con la 1198 del pilota ceco che resta in mezzo alla pista. Al sesto passaggio Melandri sopravanza Haslam ed è terzo, due giri più tardi Laverty riesce finalmente ad avere la meglio su Sykes, ma grazie ad uno spettacolare sorpasso all’esterno della curva 13. Brutta caduta per Leon Haslam alla tornata numero dieci, con l’inglese vittima di un highside alla curva 3 e l’inseguitore Laverty costretto a rallentare per evitare l’impatto con la S1000RR ufficiale.

Si accende la lotta per la prima posizione. Carlos Checa riprende Max Biaggi e gli sta a ruota, studiandone attentamente le mosse con apparente calma. All’improvviso però, ad inizio del dodicesimo giro, il “Toro” compie un aggressivo sorpasso all’interno della curva 5 e passa in testa. Il campione in carica prova disperatamente a stare con lui, allo stesso tempo il leader della classifica piloti sembra non voler forzare il passo.

Niente da fare, Carlos Checa allunga e Biaggi non può fare niente per evitare la fuga, rischiando grosso al passaggio numero 16 per un’incredibile escursione sull’erba sintetica al “Curvone”. Nel finale di gara si vede una bella lotta tra Badovini e Guintoli per il settimo posto, con il pilota piemontese che non riesce ad avere la meglio sul transalpino.

Riesce invece il sorpasso all’ultima curva da parte di Sykes su un Laverty in difficoltà. L’alfiere del team Yamaha ha fatto di tutto per tenere dietro il #66, andando leggermente largo alla “Misano” e vedendosi sorpassato in uscita dal rivale. Vince Carlos Checa, davanti a Max Biaggi e Marco Melandri. Quarto classificato è Tom Sykes, davanti a Eugene Laverty e ad un Leon Camier autore di un ottimo recupero. Completano la top ten Ayrton Badovini, Joan Lascorz e Maxime Berger, vanno a punti tutti i piloti arrivati al traguardo, a causa dell’alto numero di cadute. Dodicesimo e tredicesimo posto per Matteo Baiocco e Alex Polita, wild-card provenienti dal CIV schierati dal team Ducati Barni Racing.

Superbike World Championship 2011
Misano Adriatico, Classifica Gara 1

01- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – 24 giri in 39’03.132
02- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.984
03- Marco Melandri – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 17.124
04- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 18.652
05- Eugene Laverty – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 18.929
06- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 21.003
07- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 22.942
08- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 23.117
09- Joan Lascorz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 31.729
10- Maxime Berger – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 34.466
11- Ruben Xaus – Castrol Honda – Honda CBR 1000RR – + 36.683
12- Matteo Baiocco – Barni Racing Team – Ducati 1198 – + 37.692
13- Alex Polita – Barni Racing Team – Ducati 1198 – + 37.984
14- Chris Vermeulen – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 41.016
15- Lorenzo Lanzi – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 43.514

Valerio Piccini

Servizio Fotografico Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy