Superbike Losail Gara 2: la cronaca della corsa play by play

Superbike Losail Gara 2: la cronaca della corsa play by play

Riportate filo e per segno tutte le fasi della seconda manche di Losail

Commenta per primo!

Ben Spies ha fatto sua la terza vittoria consecutiva nel Mondiale Superbike, cogliendo una doppietta che lo porta a soli 10 punti da Noriyuki Haga in vetta alla classifica generale di campionato. L’americano ha preceduto proprio il portacolori Ducati Xerox, con Max Biaggi ancora sul podio in terza posizione riproponendo pari pari il podio di Gara 2. Una gara che ha offerto poche emozioni, ma una grande intensità, come si può ripercorrere nelle sue fasi salienti in questa cronaca “play by play”.

Partenza: Smrz parte dai box per un problema tecnico alla propria 1098, al via scatta nuovamente bene Max Biaggi che prende il comando su Haga, Spies e Byrne

Giro -1: al curvone Noriyuki Haga passa subito al comando davanti a Biaggi, ma dietro in quinta posizione troviamo clamorosamente Troy Corser, partito come una saetta con la BMW S1000RR

Giro -2: Troy Corser passa per la quarta posizione Shane Byrne, che si vede insidiato anche da Tom Sykes con la seconda Yamaha R1

Giro -3: la classifica recita Haga, Biaggi, Spies, Corser, Sykes, Nakano, Byrne, Kiyonari, Rea e Neukirchner decimo. Solo 14° Michel Fabrizio

Giro -4: Noriyuki Haga segna il nuovo giro record in 1’59″126. Ben Spies capisce il momento e sferra l’attacco su Max Biaggi per la seconda posizione, mentre dietro si nota Ryuichi Kiyonari, quarto dopo aver passato Sykes e Corser

Giro -5: Kiyonari avvicina sempre di più il terzetto di testa, mostrandoci decisamente competitivo con la Honda “ufficiale”

Giro -6: Spies attacca e passa Noriyuki Haga in fondo al rettifilo dei box, anticipando così la propria tattica rispetto alla prima manche

Giro -7: 1’59″041 di Ben Spies, nuovo record della pista. Vola l’americano, conquista la seconda posizione Biaggi nei confronti di Haga, con Kiyonari sempre più vicino

Giro -8: si ritira per un problema tecnico Tommy Hill su Honda Althea, 15° nella prima manche.

Giro -9: Ben Spies viaggia nuovamente sull’1’59” basso e va in fuga, considerando che siamo a 1″3 di vantaggio su Biaggi, secondo

Giro 10: adesso sono ben 2 i secondi di vantaggi di Ben Spies sugli inseguitori, davvero irraggiungibile

Giro 11: Michel Fabrizio rientra ai box indicando il posteriore della Ducati 1198

Giro 12: rientra in pista Michel Fabrizio, anche se doppiato di un giro

Giro 13: ormai la corsa ha preso una sua dimensione, con Spies vicino alla terza vittoria di fila, dietro Haga precede di poco Biaggi e Kiyonari

Giro 14: Ben Spies ha portato a 3 secondi il suo vantaggio dagli inseguitori, davvero incredibile

Giro 15: rientra nuovamente ai box Michel Fabrizio, che termina così la sua agonia

Giro 16: si scatena lotta per due posti sul podio con tre interpreti quali Haga, Biaggi e Kiyonari

Giro 17: siamo all’ultimo giro con Max Biaggi che in fondo al dritto passa Noriyuki Haga, ma questi risponde al curvone e conquista la seconda piazza

Finale: vince ancora Ben Spies, Haga secondo resta leader di campionato con Max Biaggi nuovamente sul podio. Brivido nella volata per la sesta posizione, con Neukirchner che ha la meglio per 2 millesimi. Nella top ten anche Leon Haslam e le due BMW di Corser e Xaus

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy