Superbike: lo spettacolo del Mondiale di scena a Monza

Superbike: lo spettacolo del Mondiale di scena a Monza

Al “Tempio della Velocità” il quarto round 2013

Commenta per primo!

All’Autodromo Nazionale di Monza è stata scritta la storia del Motorsport con tutte le premesse per assistere ad un nuovo, imperdibile weekend del Mondiale Superbike. Al “Tempo della Velocità” si torna in pista questo fine settimana per il quarto dei 15 eventi del calendario iridato, un’occasione unica per vedere sfrecciate le maxi-sportive derivate dalla produzione di serie ad oltre 330 km/h (339.5 km/h il record assoluto conseguito lo scorso anno da Tom Sykes) e lasciarsi alle spalle quanto accaduto lo scorso anno. Nonostante le previsioni metereologiche non siano delle migliori per il weekend, in Brianza è comprensibilmente atteso (secondo tradizione e consuetudine) il “pienone” di pubblico, legittimando un primo scorcio di campionato che ha proposto diverse sorprese ai vertici della classifica. Grazie ad un rendimento costante, pochi errori, tanti podi ed una vittoria, sarà Sylvain Guintoli il pilota da battere a Monza, capoclassifica di campionato a quota 111 punti con 28 lunghezze di vantaggio nei confronti del terzetto formato dal proprio compagno di squadra Eugene Laverty, il mattatore di Aragon Chaz Davies e Tom Sykes. La rincorsa alla leadership di questi tre agguerriti inseguitori è già la prima di diverse tematiche d’interesse da affrontare nel weekend con il confronto tra Aprilia, BMW e Kawasaki ad oltre 330 orari che produrrà gran spettacolo sin dalle prime sessioni di prove della giornata del venerdì. Se Guintoli punta a lasciar Monza nuovamente da leader del campionato, il trio d’Oltremanica Laverty, Davies e Sykes a ritrovare il vertice presentandosi nel miglior modo possibile per il quinto round in agenda a Donington Park, sul velocissimo impianto brianzolo è lecito attendersi una gran prova dei “nostri”. Marco Melandri punta al riscatto, altrettanto Michel Fabrizio ed un Davide Giugliano bravo ma sfortunato ad Assen. Ci saranno poi da seguire attesi protagonisti come Jonathan Rea (5° in campionato salvando il salvabile nei primi round), Loris Baz (6° e tornato sul podio ad Assen), gli sviluppi in casa Crescent Suzuki (Cluzel “rivelazione” di questo primo scorcio di campionato, Camier in ripresa dopo il KO di Aragon) ed in Ducati. Grazie al regolamento vigente in materia di “MWA” (acronimo di “Minimum Weights Allowance”) a seguito nei risultati raggiunti nei primi tre round, da Monza le tre Ducati 1199 Panigale R al via passeranno da un air-restrictor di 48 a 52mm. Una “spinta” in più per Carlos Checa, suo malgrado non al meglio per un problema alla spalla sinistra (edema osseo alla testa dell’omero), altrettanto per l’altro alfiere del Team Ducati Alstare Ayrton Badovini, chiamato a difendersi su un tracciato storicamente (quantomeno nel recente passato) ostico alle bicilindriche di Borgo Panigale. Cercheranno invece di rientrare nella top-15 i nostri Federico Sandi (Kawasaki Pedercini), Ivan Clementi (BMW HTM Racing) e Vittorio Iannuzzo (BMW Grillini), così come due “novità” del weekend: Fabrizio Lai, chiamato in sostituzione dell’infortunato Alexander Lundh al Team Pedercini, e Kousuke Akiyoshi, bi-Campione All Japan Superbike con tre affermazioni alla 8 ore di Suzuka in carriera, tester HRC convocato dal team Pata Honda per sostituire Leon Haslam atteso al rientro a Donington Park. eni FIM Superbike World Championship 2013 La Classifica di Campionato dopo i primi 3 round 01- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 111 02- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 83 03- Chaz Davies – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – 83 04- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 83 05- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – 63 06- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 58 07- Michel Fabrizio – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – 53 08- Marco Melandri – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – 51 09- Jules Cluzel – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 41 10- Davide Giugliano – Althea Racing – Aprilia RSV4 Factory – 33 11- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 30 12- Carlos Checa – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – 29 13- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – 29 14- Max Neukirchner – MR Racing – Ducati 1199 Panigale R – 29 15- Ayrton Badovini – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – 20 16- Ivan Clementi – HTM Racing – BMW S1000RR – 14 17- Federico Sandi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – 8 18- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – 7 19- Glenn Allerton – Next Gen Motorsports – BMW S1000RR – 6 20- Jamie Stauffer – Team Honda Racing – Honda CBR 1000RR – 4 21- Vittorio Iannuzzo – Grillini Dentalmatic SBK – BMW S1000RR – 2 22- Mark Aitchison – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1098R – 2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy