Superbike Imola Prove 1: Sykes su Giugliano per 0″072

Superbike Imola Prove 1: Sykes su Giugliano per 0″072

Bene Rea, Melandri e Fabrizio, in pista Noriyuki Haga

di Redazione Corsedimoto

Nuvoloni minacciosi sovrastano l’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” di Imola, ma la pioggia ha risparmiato l’inaugurale sessione di prove libere della Superbike sul celebre tracciato del Santerno. Nei primi 45 minuti di attività del weekend i piloti non si sono risparmiati a cominciare da Tom Sykes, proprio allo scadere autore del miglior riferimento cronometrico in 1’46″409 lasciando a soli 72/1000 un positivo Davide Giugliano, secondo assoluto con la Aprilia RSV4 Factory schierata dall’Althea Racing. Chiamato al riscatto a seguito della caduta al giro di formazione in griglia di Gara 2 a Portimao, il vice-Campione del Mondo in carica ha iniziato nel miglior modo possibile il weekend ritrovandosi in cima ad un “gruppone” di ben 9 piloti racchiusi nello spazio di soli 8/10. Tra questi non manca Jonathan Rea, vincitore ad Imola di Gara 1 nel 2011, terzo con la Honda CBR 1000RR Ten Kate iscritta sotto le insegne del Pata Honda World Superbike Team dopo essersi ritrovato a lungo al comando della graduatoria, seguito nell’ordine da Marco Melandri (4° sul tracciato di casa) e dal capoclassifica di campionato Sylvain Guintoli, quinto a precedere un’altra RSV4, nello specifico la #84 del team Red Devils Roma condotta da un altro “specialista” di Imola come Michel Fabrizio.

In piena top-10 non manca nemmeno un ritrovato Leon Haslam, sul podio lo scorso anno con BMW, in ripresa con la seconda Honda Ten Kate staccando il settimo crono, poco meglio rispetto alle Ducati 1199 Panigale R prive da questo round dell’air-restrictor imposto dal regolamento FIM affidate ad Ayrton Badovini (8°) ed al pluri-vincitore di Imola (5 affermazioni nelle ultime 6 gare disputate) Carlos Checa.

Se Eugene Laverty ha concluso soltanto in dodicesima posizione con i nostri Federico Sandi (16°) e Vittorio Iannuzzo (19°) più staccati, Imola ha proposto l’eccezionale ritorno in pista di Noriyuki Haga. Il leggendario “Nitronori” con la BMW S1000RR preparata da Feel Racing ed iscritta dal team Grillini ha staccato il 17esimo riferimento cronometrico a 4″8 dalla vetta, ma con la possibilità di scalare la classifica questo pomeriggio nella prima sessione di qualifiche ufficiali.

eni FIM Superbike World Championship 2013
Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” Imola, Classifica Prove Libere 1

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 1’48.409
02- Davide Giugliano – Althea Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 0.072
03- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 0.264
04- Marco Melandri – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 0.568
05- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.717
06- Michel Fabrizio – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 0.846
07- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 0.853
08- Ayrton Badovini – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 0.872
09- Carlos Checa – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 0.882
10- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.059
11- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1.094
12- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 1.125
13- Chaz Davies – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 1.334
14- Jules Cluzel – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.873
15- Max Neukirchner – MR Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 2.229
16- Federico Sandi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 3.920
17- Noriyuki Haga – Grillini Dentalmatic SBK – BMW S1000RR – + 4.827
18- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 6.107
19- Vittorio Iannuzzo – Grillini Dentalmatic SBK – BMW S1000RR – + 6.120

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy