Superstock 600 Magny Cours Gara: sorpresa Florian Marino

Superstock 600 Magny Cours Gara: sorpresa Florian Marino

Classifica rivoluzionata in vista di Portimao

Commenta per primo!

Una gara così emozionante, è davvero rara da vedersi e come al solito i protagonisti della Superstock 600 non deludono. La penultima tappa del campionato è stata senza dubbio la gara più incredibile e ricca di colpi di scena di tutta la stagione he ha compreso ride-through, cadute, sorpassi e controsorpassi ad ogni curva e risultato inaspettato fino all’ultimo secondo! La partenza si svolge in tutta tranquillità, salvo alcuni movimenti “sospetti” da parte di un paio di piloti, fatto che analizzeremo più avanti; Gino Rea prende il comando della gara, salvo poi cedere un paio di posizioni a causa di qualche incertezza, ma è proprio nel corso del secondo giro ad esserci il primo e vero colpo di scena, che potrebbe rivelarsi pesante per l’esito del campionato, il leader della classifica Danilo Petrucci, al momento decimo ma comunque ancora incollato al gruppo di testa, commette un errore e scivola, nonostante ciò ha provato a ripartire, ma inutilmente dato che la sua prestazione gli ha regalato 0 punti.

Intanto nelle posizioni di vertice Gino Rea e Vincent Lonois possono sfruttare l’errore dell’italiano a loro favore, ma i giudici di gara espongono la penalità di ride-through al pilota belga e alla wild card Stéphane Egea. Nonostante la penalità, Vincent chiuderà la sua gara in nona posizione. La corsa prosegue così a ritmi altissimi, con continui cambi di posizioni e con i primi 7 piloti in grado di giocarsi la vittoria, alla fine Jeremy Guarnoni riesce a prendere il comando davanti a Florian Marino e Gino Rea, giunti all’ultima chicane prima del traguardo, nel corso dell’ultimo giro. Il pilota di casa Marino tenta un attacco a sorpresa nei confronti dell’altro francese, Jeremy Guarnoni, il quale non può far altro che modificare la sua traiettoria, purtroppo quel poco che basta per toccare il cordolo e cadere a terra a pochi metri dal traguardo.

Il povero Jeremy ha così concluso la sua gara tra lacrime e disperazione, mentre Gino Rea, per la seconda volta di fila riesce a fare il colpaccio e si trova così ora addirittura in testa alla classifica, con 3 punti su Danilo Petrucci, 7 su Vincent Lonbois e 10 sul nostro Marco Bussolotti. Da evidenziare inoltre l’ottima prestazione del norvegese Fredrik Karlsen, sfortunato a cadere a soli 2 giri dal termine mentre si contendeva la vittoria con gli altri giovani centauri.

Ottima terza posizione per Marco Bussolotti, nonostante il distacco di 10 punti sia pesante trovandoci ora a una sola gara del termine, bravissimo come sempre anche Eddi La Marra 5° e sorprendente Nico Morelli, il quale ha chiuso 7°. Adesso Portimao.

Superstock 600 European Championship 2009
Magny Cours, Classifica Gara

01- Florian Marino – Race’s Junior – Honda CBR 600RR – 12 giri
02- Gino Rea – Ten Kate Honda Racing – Honda CBR 600RR – + 0.251
03- Marco Bussolotti – Yamaha Italia Jr Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 0.429
04- Baptiste Guittet – Coutelle Junior Team – Honda CBR 600RR – + 0.837
05- Eddi La Marra – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 0.953
06- Louis Bulle – Red Bulle Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 5.942
07- Nico Morelli – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 14.016
08- Stefan Kerschbaumer – BWIN Yoshimura Racing – Yamaha YZF R6 – + 14.368
09- Vincent Lonbois – MTM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 14.598
10- Randy Pagaud – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – + 15.189
11- Nelson Major – Team Nelson Evolution – Yamaha YZF R6 – + 16.245
12- Nans Chevaux – Team Horse – Honda CBR 600RR – + 19.747
13- Andrzej Chmielewski – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 21.026
14- Alex Schacht – Schacht Racing – Yamaha YZF R6 – + 23.232
15- Stephane Egea – Team Powerbike – Kawasaki ZX-6R – + 25.377
16- Michal Salac – MS Racing CZ – Yamaha YZF R6 – + 30.064
17- Mircea Vrajitoru – Team ASPI CSM Bucharest – Yamaha YZF R6 – + 31.920
18- Danilo Petrucci – Yamaha Italia Jr Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 34.533
19- Christian Von Gunten – TKR Suzuki Switzerland – Suzuki GSX-R 600 – + 35.548
20- Riccardo Cecchini – Azione Corse – Honda CBR 600RR – + 1’03.155
21- Bogdan Vrajitoru – Team ASPI CSM Bucharest – Yamaha YZF R6 – + 1’27.802

Marco Guizzardi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy