MXGP Patagonia Tim Gajser domina, Antonio Cairoli perde il primato

MXGP Patagonia Tim Gajser domina, Antonio Cairoli perde il primato

In Patagonia Tim Gajser domina, Antonio Cairoli cade in partenza e perde il primato

Lo sloveno Tim Gajser, ufficiale Honda HRC, ha dominato le due manche del GP Patagonia, terzo appuntamento della MXGP. Sfortuna nera per Antonio Cairoli, caduto in partenza e costretto a fuoriose rimonte. La prima si è conclusa in 9° posizione, la seconda in 5° piazza. Gajser ha strappato la tabella rossa di leader Mondiale al fuoriclasse italiano adesso secondo a dieci punti dalla vetta.

CLASSE – Gayser  è sembrato quello della passata stagione: velocissimo e spietato. Nella prima sfida si è lasciato dietro i belgi Jeremy Van Horebeek (Yamaha) e Clement Desalle, nella seconda ha messo in riga il russo Evgeny Bobrishev (Honda) e lo stesso van Horebeek.

TONY CAIROLI – “Purtroppo il fine settimana è stato piuttosto difficile per noi, sopratutto a causa delle brutte partenze” ha spiegato il messinese otto volte campione del Mondo. “Su una pista come questa, dove i piloti hanno una velocità molto simile tra loro, è difficile fare la differenza. Quindi, se parti male, devi prendere un po’ di rischi per passare gli altri piloti ed è esattamente quello che è successo oggi. Ho avuto due partenze difficili ed ho dovuto rimontare dal fondo due volte, ho commesso due errori e sono caduto due volte. In gara uno sono caduto nel corso del primo giro e da ultimo ho rimontato uno alla nona posizione finale, facendo del mio meglio. In gara due sono caduto durante il terzo giro, mentre ero undicesimo in rimonta e mi sono ritrovato ventesimo, riuscendo a recuperare fino al quinto posto, con un ottima velocità e facendo segnare il giro più veloce. Sono deluso, perché questa sarebbe potuta essere un’altra doppietta, come in Qatar, visto che la mia velocità era ottima e che ero in condizione di spingere dall’inizio alla fine. Il campionato è ancora molto lungo, abbiamo molte gare davanti a noi e tempo per riprendere la testa della classifica”.

ARRIVO GARA 1: 1. Tim Gajser (Honda), 35:25.581; 2. Jeremy Van Horebeek (Yamaha), +0:07.150; 3. Clement Desalle (Kawasaki), +0:10.968; 4. Romain Febvre (Yamaha), +0:12.239; 5. Evgeny Bobryshev (Honda), +0:14.082; 6. Gautier Paulin (Husqvarna), +0:15.046; 7. Max Anstie (Husqvarna), +0:18.326; 8. Maximilian Nagl (Husqvarna), +0:19.268; 9. Antonio Cairoli (KTM), +0:20.011; 10. Shaun Simpson (Yamaha), +0:31.372

ARRIVO GARA 2. 1. Tim Gajser (Honda), 34:07.642; 2. Evgeny Bobryshev (Honda), +0:05.315; 3. Jeremy Van Horebeek (Yamaha), +0:06.723; 4. Gautier Paulin (Husqvarna), +0:08.878; 5. Antonio Cairoli (KTM), +0:17.959; 6. Maximilian Nagl (Husqvarna), +0:22.477; 7. Jeffrey Herlings (KTM), +0:23.506; 8. Romain Febvre (Yamaha), +0:26.071; 9. Kevin Strijbos (Suzuki), +0:29.400; 10. Clement Desalle (Kawasaki), +0:35.513

CLASSIFICA FINALE: 1. Tim Gajser (HON), 50 points; 2. Jeremy Van Horebeek (YAM), 42 p.; 3. Evgeny Bobryshev (HON), 38 p.; 4. Gautier Paulin (HUS), 33 p.; 5. Romain Febvre (YAM), 31 p.; 6. Clement Desalle (KAW), 31 p.; 7. Antonio Cairoli (KTM), 28 p.; 8. Maximilian Nagl (HUS), 28 p.; 9. Jeffrey Herlings (KTM), 23 p.; 10. Max Anstie (HUS), 23 p.

MONDIALE DOPO TRE GP: 1. Tim Gajser  106 points; 2. Antonio Cairoli  96 p.; 3. Clement Desalle 91 p.; 4. Jeremy Van Horebeek 84 p.; 5. Evgeny Bobryshev 82 p.; 6. Gautier Paulin 72 p.; 7. Romain Febvre 65 p.; 8. Kevin Strijbos 56 p.; 9. Shaun Simpson  55 p.; 10. Max Anstie , 49 p.

MX2 DOMINIO LETTONE – Nella categoria cadetta botino pieno per il lettone Pauls Jonass, ufficiale KTM molto a suo agio sulla pista argentina. Continua a stupire il giovanissimo spagnolo Jorge Prado, due volte terzo. In classifica generale adesso comanda lo svizzero Jeremy Seewer (Suzuki), quinto e secondo di manche. Michele Cervellin (Honda) ha chiuso gara 1 al nono posto.

ARRIVO MX2 GARA 1: : 1. Pauls Jonass (KTM), 35:21.092; 2. Benoit Paturel (Yamaha), +0:04.318; 3. Jorge Prado Garcia (KTM), +0:07.107; 4. Thomas Kjer Olsen (Husqvarna), +0:08.386; 5. Jeremy Seewer (Suzuki), +0:10.398; 6. Darian Sanayei (Kawasaki), +0:24.237; 7. Brent Van doninck  (Yamaha), +0:27.793; 8. Thomas Covington (Husqvarna), +0:33.721; 9. Michele Cervellin ( Honda), +0:35.480; 10. Vsevolod Brylyakov (RUS, Kawasaki), +0:35.534

ARRIVO MX2 GARA 2 1. Pauls Jonass (KTM), 34:04.845; 2. Jeremy Seewer (Suzuki), +0:03.278; 3. Jorge Prado Garcia (KTM), +0:25.893; 4. Darian Sanayei (Kawasaki), +0:29.301; 5. Julien Lieber (KTM), +0:34.137; 6. Brent Van doninck (Yamaha), +0:36.225; 7. Thomas Kjer Olsen (Husqvarna), +0:40.989; 8. Vsevolod Brylyakov (Kawasaki), +0:42.865; 9. Benoit Paturel (Yamaha), +0:46.656; 10. Adam Sterry (Kawasaki), +0:48.515

MX2 MONDIALE DOPO TRE GP:  1. Jeremy Seewer (SUI, SUZ), 110 points; 2. Pauls Jonass (LAT, KTM), 107 p.; 3. Benoit Paturel (FRA, YAM), 104 p.; 4. Julien Lieber (BEL, KTM), 99 p.; 5. Thomas Kjer Olsen (DEN, HUS), 99 p.; 6. Brent Van doninck (BEL, YAM), 73 p.; 7. Samuele Bernardini (ITA, TM), 70 p.; 8. Jorge Prado Garcia (ESP, KTM), 67 p.; 9. Michele Cervellin (ITA, HON), 62 p.; 10. Vsevolod Brylyakov (RUS, KAW), 59 p

VIDEO La sintesi TV GP Patagonia MXGP e MX2

Diario Antonio Cairoli La viglia

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy