MXGP Patagonia Tim Gajser domina, Antonio Cairoli perde il primato

MXGP Patagonia Tim Gajser domina, Antonio Cairoli perde il primato

In Patagonia Tim Gajser domina, Antonio Cairoli cade in partenza e perde il primato

di Redazione Corsedimoto

Lo sloveno Tim Gajser, ufficiale Honda HRC, ha dominato le due manche del GP Patagonia, terzo appuntamento della MXGP. Sfortuna nera per Antonio Cairoli, caduto in partenza e costretto a fuoriose rimonte. La prima si è conclusa in 9° posizione, la seconda in 5° piazza. Gajser ha strappato la tabella rossa di leader Mondiale al fuoriclasse italiano adesso secondo a dieci punti dalla vetta.

CLASSE – Gayser  è sembrato quello della passata stagione: velocissimo e spietato. Nella prima sfida si è lasciato dietro i belgi Jeremy Van Horebeek (Yamaha) e Clement Desalle, nella seconda ha messo in riga il russo Evgeny Bobrishev (Honda) e lo stesso van Horebeek.

TONY CAIROLI – “Purtroppo il fine settimana è stato piuttosto difficile per noi, sopratutto a causa delle brutte partenze” ha spiegato il messinese otto volte campione del Mondo. “Su una pista come questa, dove i piloti hanno una velocità molto simile tra loro, è difficile fare la differenza. Quindi, se parti male, devi prendere un po’ di rischi per passare gli altri piloti ed è esattamente quello che è successo oggi. Ho avuto due partenze difficili ed ho dovuto rimontare dal fondo due volte, ho commesso due errori e sono caduto due volte. In gara uno sono caduto nel corso del primo giro e da ultimo ho rimontato uno alla nona posizione finale, facendo del mio meglio. In gara due sono caduto durante il terzo giro, mentre ero undicesimo in rimonta e mi sono ritrovato ventesimo, riuscendo a recuperare fino al quinto posto, con un ottima velocità e facendo segnare il giro più veloce. Sono deluso, perché questa sarebbe potuta essere un’altra doppietta, come in Qatar, visto che la mia velocità era ottima e che ero in condizione di spingere dall’inizio alla fine. Il campionato è ancora molto lungo, abbiamo molte gare davanti a noi e tempo per riprendere la testa della classifica”.

ARRIVO GARA 1: 1. Tim Gajser (Honda), 35:25.581; 2. Jeremy Van Horebeek (Yamaha), +0:07.150; 3. Clement Desalle (Kawasaki), +0:10.968; 4. Romain Febvre (Yamaha), +0:12.239; 5. Evgeny Bobryshev (Honda), +0:14.082; 6. Gautier Paulin (Husqvarna), +0:15.046; 7. Max Anstie (Husqvarna), +0:18.326; 8. Maximilian Nagl (Husqvarna), +0:19.268; 9. Antonio Cairoli (KTM), +0:20.011; 10. Shaun Simpson (Yamaha), +0:31.372

ARRIVO GARA 2. 1. Tim Gajser (Honda), 34:07.642; 2. Evgeny Bobryshev (Honda), +0:05.315; 3. Jeremy Van Horebeek (Yamaha), +0:06.723; 4. Gautier Paulin (Husqvarna), +0:08.878; 5. Antonio Cairoli (KTM), +0:17.959; 6. Maximilian Nagl (Husqvarna), +0:22.477; 7. Jeffrey Herlings (KTM), +0:23.506; 8. Romain Febvre (Yamaha), +0:26.071; 9. Kevin Strijbos (Suzuki), +0:29.400; 10. Clement Desalle (Kawasaki), +0:35.513

CLASSIFICA FINALE: 1. Tim Gajser (HON), 50 points; 2. Jeremy Van Horebeek (YAM), 42 p.; 3. Evgeny Bobryshev (HON), 38 p.; 4. Gautier Paulin (HUS), 33 p.; 5. Romain Febvre (YAM), 31 p.; 6. Clement Desalle (KAW), 31 p.; 7. Antonio Cairoli (KTM), 28 p.; 8. Maximilian Nagl (HUS), 28 p.; 9. Jeffrey Herlings (KTM), 23 p.; 10. Max Anstie (HUS), 23 p.

MONDIALE DOPO TRE GP: 1. Tim Gajser  106 points; 2. Antonio Cairoli  96 p.; 3. Clement Desalle 91 p.; 4. Jeremy Van Horebeek 84 p.; 5. Evgeny Bobryshev 82 p.; 6. Gautier Paulin 72 p.; 7. Romain Febvre 65 p.; 8. Kevin Strijbos 56 p.; 9. Shaun Simpson  55 p.; 10. Max Anstie , 49 p.

MX2 DOMINIO LETTONE – Nella categoria cadetta botino pieno per il lettone Pauls Jonass, ufficiale KTM molto a suo agio sulla pista argentina. Continua a stupire il giovanissimo spagnolo Jorge Prado, due volte terzo. In classifica generale adesso comanda lo svizzero Jeremy Seewer (Suzuki), quinto e secondo di manche. Michele Cervellin (Honda) ha chiuso gara 1 al nono posto.

ARRIVO MX2 GARA 1: : 1. Pauls Jonass (KTM), 35:21.092; 2. Benoit Paturel (Yamaha), +0:04.318; 3. Jorge Prado Garcia (KTM), +0:07.107; 4. Thomas Kjer Olsen (Husqvarna), +0:08.386; 5. Jeremy Seewer (Suzuki), +0:10.398; 6. Darian Sanayei (Kawasaki), +0:24.237; 7. Brent Van doninck  (Yamaha), +0:27.793; 8. Thomas Covington (Husqvarna), +0:33.721; 9. Michele Cervellin ( Honda), +0:35.480; 10. Vsevolod Brylyakov (RUS, Kawasaki), +0:35.534

ARRIVO MX2 GARA 2 1. Pauls Jonass (KTM), 34:04.845; 2. Jeremy Seewer (Suzuki), +0:03.278; 3. Jorge Prado Garcia (KTM), +0:25.893; 4. Darian Sanayei (Kawasaki), +0:29.301; 5. Julien Lieber (KTM), +0:34.137; 6. Brent Van doninck (Yamaha), +0:36.225; 7. Thomas Kjer Olsen (Husqvarna), +0:40.989; 8. Vsevolod Brylyakov (Kawasaki), +0:42.865; 9. Benoit Paturel (Yamaha), +0:46.656; 10. Adam Sterry (Kawasaki), +0:48.515

MX2 MONDIALE DOPO TRE GP:  1. Jeremy Seewer (SUI, SUZ), 110 points; 2. Pauls Jonass (LAT, KTM), 107 p.; 3. Benoit Paturel (FRA, YAM), 104 p.; 4. Julien Lieber (BEL, KTM), 99 p.; 5. Thomas Kjer Olsen (DEN, HUS), 99 p.; 6. Brent Van doninck (BEL, YAM), 73 p.; 7. Samuele Bernardini (ITA, TM), 70 p.; 8. Jorge Prado Garcia (ESP, KTM), 67 p.; 9. Michele Cervellin (ITA, HON), 62 p.; 10. Vsevolod Brylyakov (RUS, KAW), 59 p

VIDEO La sintesi TV GP Patagonia MXGP e MX2

Diario Antonio Cairoli La viglia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy