Campionato Italiano Minimoto: i verdetti dell’ultimo round a Codogno

Campionato Italiano Minimoto: i verdetti dell’ultimo round a Codogno

Commenta per primo!

Epilogo stagionale per il Campionato Italiano Minimoto che ha chiuso al “Motodromo Giacomo Premoli” di Codogno (Lodi), l’emozionante stagione 2011. I nuovi campioni italiani, che vanno ad arricchire il prestigioso albo d’oro della specialità, sono Simone Mazzola (Open A), Mattia Casadei (Junior C), Gennaro Izzo (Junior A) e Kevin Zannoni (Junior B), nomi che si vanno ad a aggiungere ai titoli, già assegnati nella precedente prova di San Mauro a Mare, a Raffaele Fusco e Andrea Forlani rispettivamente ne classi SAV e Open B. La classe Open B ha aperto la soleggiata giornata codognese ribadendo la supremazia del campione italiano 2011, il romagnolo Andrea Forlani (DM-BZM), che ha confermato anche oggi di essere il più forte grazie alla sesta vittoria stagionale. Forlani nei primi giri ha battagliato a lungo con Federico D’Angelo (Phantom-OR), autore di una partenza perfetta e capace di tenere testa a Forlani per circa metà gara, prima di cadere. Poi anche Luca Contadini (Pasini-Zocchi) ha cercato di scippare la leadership ad Andrea Forlani, impresa riuscita per una sola tornata prima di rivedere Forlani in testa sotto la bandiera a scacchi, seguito da D’Angelo e Contadini. In sede di prove fonometriche, poi, Contadini è stato squalificato e quindi al terzo posto troviamo Manuele Mantovani (DM-BZM), seguito da Daniel Merlante (Iame) e Remigio Bruno (Iame). Nella Open A il grossetano Alessio Chessa (DM-BZM) ha venduto cara la pelle fino all’ultimo giro aggiudicandosi la competizione dopo un appassionante confronto con Niko Barani (DM-BZM), in una classe che festeggia come nuovo campione italiano il laziale Simone Mazzola (Polini), oggi quinto, il quale ha voluto onorare il suo impegno con le “ruote piccole” nonostante le ormai regolari brillanti prestazione nella 125 Sport, categoria che vede anche Chessa ormai tra i protagonisti. Dopo lo stesso Chessa, tre le vittorie per lui quest’anno, e Barani, il podio è stato completato da Lorenzo Petrarca, a coronamento di un podio tutto DM-BZM e, dunque, quarto William Pisano (ZPF-Iame) vittima di una scivolata. La Junior C ha vissuto su altro splendido duello che ha visto ben quattro piloti darsi battaglia dal primo all’ultimo giro ed arrivare tutti nell’arco di meno di mezzo secondo. Se il casertano Salvatore Vargas (SG-Iame) si è aggiudicato la sua terza gara stagionale, non da meno il risultato del riminese Mattia Casadei (Pasini-Zocchi), giunto sullo scarico del vincitore ma laureatosi campione italiano, titolo che si va aggiungere dunque alla corono europea. Marco Bezzecchi (DM-BZM, terzo) e Niccolò Bianucci (Pasini-BZM, quarto) completano il fantastico quartetto di piloti che hanno deliziato i presenti; quinto Flavio Ferroni (DM-BZM). Ormai riduttivo chiamare la SAV “Scuola avviamento velocità”, almeno in questo contesto. Titolo già assegnato a Raffaele Fusco, ma gli esordienti del tricolore hanno lottato metro dopo metro. Ad aggiudicarsi la gara è stato il riminese Alessandro Arcangeli (GRC-Zocchi), alla sua terza vittoria stagionale che ha guidato sotto la bandiera a scacchi il quintetto composto nell’ordine anche da Manuel Mazzullo (Polini), Raffaele Fusco (SG Iame, leader della gara nella prima metà). Matteo Bertè (DM BZM) e Emanuele Vocino (ZPF Iame), tutti in poco meno di otto decimi! Nella Junior A il nuovo campione italiano, grazie al terzo posto di oggi, è Gennaro Izzo (ZPF-Iame), pilota di Castellamare di Sabia, in una gara che ha vissuto per gran parte sul duello tra il vincitore odierno – e già campione europeo- Celestino Vietti Ramus (Polini) e Dennis Foggia (ZPF), divisi da solo 98 millesimi. Il distacco tra Izzo e Nicholas Spinelli (SG-Iame, quarto) è ancora inferiore, 89 millesimi, a testimonianza della lotta per il gradino più basso del podio. Al quinto posto, Riccardo Rodigari (ZPF-Iame). Lotta all’ultima curva anche nella Junior B dove si è consumata la vittoria dell’abruzzese Bruno Ieraci, alias “ Valequarantasei”, che si imposto sul neo–campione italiano, il romagnolo Kevin Zannoni (SG-Zocchi) a cui i 20 punti del secondo posto sono stati sufficienti per firmare l’albo d’oro tricolore, proprio davanti al vincitore di tappa odierno Ieraci al suo primo successo stagionale. Podio completato da Luca Pasqulotto (Pasini-BZM) che ha anticipato Manuel Bastianelli (DM-Iame), e Giorgio Benfante (ZPF-Iame). Assente uno dei protagonisti del campionato, Jacopo Facco, ancora alle prese con il recupero da un infortunio. Dopo gli applausi di oggi, la festa per i nuovi campioni italiani proseguirà in premiazioni ufficiali del Campionato Italiano Minimoto 2011 fissate il prossimo 23 ottobre al Mugello in occasione dell’ultima prova del CIV, il Campionato Italiano Velocità. Saranno chiamati sul palco del famoso autodromo toscano i primi tre piloti di ogni categoria. Ufficio Stampa F.M.I.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy