CEV Sparisce la Superbike? Ci guadagna il RFME CEV

CEV Sparisce la Superbike? Ci guadagna il RFME CEV

Migrazione di massa avvenuta: Dorna fa scomparire la classe Superbike nel CEV, tutti i piloti si trasferiscono all’analoga (e più economica: 960 € l’iscrizione per tutto il campionato) serie targata RFME. Ecco come.

di Alessio Piana, @alessiopiana130

Lo si può ritenere un “male necessario”, ma col senno di poi anche un clamoroso autogol. La sparizione, voluta da Dorna per l’esiguo numero di iscritti registratosi nell’ultimo triennio, nel contesto del FIM CEV Repsol della classe Superbike ha giovato all’analoga (e concorrente…) serie promossa dalla RFME (Real Federación Motociclista Española): il Campeonato de España de Velocidad ha infatti accolto tutti, ma proprio tutti, gli ormai ex-protagonisti del CEV Superbike, presentando uno schieramento di partenza senza precedenti nella penisola iberica.

DAL CEV AL… CEV (BY RFME) – Per scelta del promoter Dorna Sports (e di conseguenza FIM e FIM Europe), quest’anno nel contesto del CEV sparirà dopo tre lustri di militanza la classe Superbike. Precedentemente riconosciuta (con differenti regolamentazioni) come Formula Extreme e Stock Extreme, la categoria ha chiuso i battenti venendo accorpata all’ormai ex-Superstock 1000 FIM Cup, prossimamente Campionato Europeo riconosciuto da FIM Europe. Una scelta dovuta all’esiguo numero di iscritti registratosi nell’ultimo biennio (mediamente inferiore alle 20 unità), lasciando di conseguenza un vuoto nei weekend di gara del CEV. Con la riconferma delle sole classi Moto3 (Mondiale Junior più European Talent Cup), Moto2 (Campionato Europeo) e Kawasaki Z Cup (monomarca organizzato da Kawasaki España), molti team e piloti dell’ormai defunta Superbike hanno dato vita ad un’effettiva migrazione di massa verso la classe Superstock 1000/Open 1000 del RFME CEV.

CHE SCHIERAMENTO! – Vuoi per i costi d’iscrizione e gestione bassi, vuoi per una copertura TV-media di rilievo, il RFME CEV Superstock 1000 presenta già una griglia di partenza senza precedenti. “Re” del CEV nelle più più disparate categorie (Formula Extreme, Moto2, Stock Extreme, Superbike), Carmelo Morales dopo 11 anni ha concluso il sodalizio di successo con il Team LaGlisse migrando verso il RFME CEV con la BMW S1000RR dell’EasyRace SBK Team. Discorso analogo per altri piloti dai trascorsi trionfali nella serie come Ivan Silva, atteso al via con Kawasaki PL Palmeto Racing, ma anche per il pluri-Campione CEV 125 e Supersport Angelo Rodriguez (con Yamaha Stratos), Santiago Barragan (Team Tack Kawasaki), una giovane promessa come Xavi Pinsach (Kawasaki Team Speed Racing by ETG) e persino un pilota dai trascorsi nel Motomondiale quale Ricky Cardus, iscritto con una Kawasaki Ninja ZX-10RR del Team Oneundret-EMS Competición.

Anche Anthony Delhalle (72) sarà al via del RFME CEV con la nuova Suzuki GSX-R 1000
Anche Anthony Delhalle (72) sarà al via del RFME CEV con la nuova Suzuki GSX-R 1000

Non bastano questi nomi? Il cinque volte Campione del Mondo Endurance Anthony Delhalle, parallelalmente all’impegno nel FIM EWC con Suzuki S.E.R.T., correrà nel RFME CEV con la nuova Suzuki GSX-R 1000 schierata dal JEG Racing, ripartendo dagli ottimi risultati maturati con la “vecchia” Gixxer nel CEV Superbike. A proposito di doppi-impegni: il cileno Maximilian Scheib, vice-Campione del CEV Superbike by Dorna e vincitore da wild card nella tappa della Superstock 1000 internazionale a Jerez, oltre a difendere i colori di Nuova M2 Racing Aprilia nell’Europeo Stock 1000 sarà al via del RFME CEV sempre con una Aprilia RSV4 RF gommata Pirelli schierata dall’inedito team DR7 Supercharger.

UNA FORMULA CHE FUNZIONA – Scorgendo un simile schieramento verrebbe da dire che il CEV Superbike by Dorna sia stata un’occasione sprecata o, semplicemente, RFME per il proprio Campeonato de España de Velocidad ha approntato una formula vincente. D’altronde i costi sono più che accessibili: in termini di iscrizione, 150 € ad evento, 960 € per tutto il campionato…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy