BSB: tutto è pronto per l’appuntamento di Knockhill

BSB: tutto è pronto per l’appuntamento di Knockhill

Il British Superbike si trasferisce sul tracciato scozzese

Commenta per primo!

L’estate “calda” del British Superbike, come da tradizione, inizia da Knockhill, prima di una serie di appuntamenti che manterranno vivo l’interesse degli appassionati sul campionato nazionale più competitivo del pianeta. Il BSB per la sesta tappa stagionale si trasferisce in Scozia a Knockhill, tracciato di poco più di 1 miglio dove i tempi sul giro sono sempre sotto i 50″. Diversi saliscendi, curve in appoggio ed in contropendenza caratterizzano un circuito dove, purtroppo, il maltempo fa sempre da padrone: pioggia, nebbia, anche d’estate. D’altronde siamo in Scozia e, nonostante i ripetuti spostamenti di calendario di questi ultimi anni (sia ai tempi della gestione Dorna che dell’attuale MSVR), il clima non ha mai dato pace, rovinando anche l’evento “Superbikes in the Square” della vigilia nel centro di Glasgow, dove piloti e moto del British Superbike si esibiscono proprio davanti agli appassionati.

Knockhill sarà comunque un appuntamento interessante, se non altro per verificare la bontà degli sviluppi della concorrenza di Airwaves Yamaha, compagine che ha vissuto lo scorso weekend l’appuntamento di Donington Park del mondiale come wild-card. Leon Camier, capoclassifica di campionato, ha raccolto un 13° ed un 6° posto nelle due manche, risultando il migliore della “British Invasion” nel WSBK. Ci si aspettava di più? Forse sì, ma d’altronde quest’anno il livello del mondiale è altissimo ed il team GSE Racing non aveva nelle priorità di quest’anno puntare a far saltare il banco in queste gare “spot”.

Ad ogni modo i protagonisti del BSB si son ben difesi nel confronto con gli abituali protagonisti della serie iridata: tre iscritti, tre nella top ten in Gara. Leon Camier al sesto, Leon Camier all’ottavo e Simon Andrews al decimo posto, risultando quest’ultimo il più veloce tra i piloti Kawasaki. Risultati che confortano in vista di Knockhill, dove è lecito e doveroso attendersi un riscatto dei team Honda. HM Plant ha lavorato nell’approntare le Fireblade in vista delle prossime gare, dove si confida in una migliore resa sulla distanza per consentire all’ottimo Joshua Brookes di non lottare soltanto per piazzamenti a podio, ma anche per qualcosa di più.

In casa Hydrex sono riusciti a far addirittura… meglio, svolgendo una giornata di prove proprio a Knockhill. D’altronde l’idolo di casa sarà Stuart Easton, scozzese, più volte a podio quest’anno, terzo in campionato e con un sogno: vincere nel round di casa. Al di là della coppia Airwaves, un euro (pardon, una sterlina..) sul vincitore del Macau GP dello scorso anno lo si può anche puntare.

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy