BSB: test a Snetterton con Michael Laverty al top, indietro Haga

BSB: test a Snetterton con Michael Laverty al top, indietro Haga

Tempi ufficiosi con Luca Scassa in classifica sull’1’50”

di Redazione Corsedimoto

Il primo vero confronto della stagione 2012 e con i nuovi regolamenti. I principali protagonisti del British Superbike si sono ritrovati sul tracciato di Snetterton 300 per una giornata di test organizzati dal promoter MSVR (acronimo di MotorSportVision Racing), con la presenza di tutti i “big” (e non) della categoria, finalmente riuniti dopo settimane di test “alla spicciolata” tra Spagna e Regno Unito. Con la presenza di 11 squadre per una ventina di piloti, la classifica “ufficiosa” dei tempi comunicati dal circuito e dai team ha proposto al vertice Michael Laverty, nuovo acquisto di casa Samsung Honda (ex-HM Plant) con la nuova CBR 1000RR Fireblade 2012 preparata dallo staff di Neil Tuxworth e Havier Beltran. Già campione British Supersport, nell’ultimo biennio nel BSB tra TAS Suzuki e Swan Yamaha, M-Lav ha fermato i cronometri su un significativo 1’48″5 confermando che, almeno sulla carta, la Honda CBR è la moto maggiormente indicata per le nuove regole, con un buon equilibrio per sopperire alla mancanza dei controlli elettronici (traction e launch control, anti-wheelie), adattandosi perfettamente alla centralina MoTeC M170 imposta dagli organizzatori. Michael, fratello maggiore di Eugene e futuro “cognato” di Chaz Davies, si presenta così nel miglior modo possibile in vista dell’esordio stagionale del prossimo 9 aprile a Brands Hatch Indy, incontrando i soliti noti nelle posizioni di vertice: Shane Byrne, ex-di Honda UK passato (tornato) al Paul Bird Motorsport (oggi Rapid Solicitors Kawasaki), ha fermato i cronometri su un “ufficioso” 1’49” basso, lasciandosi alle spalle in questa classifica “a spanne” il campione in carica Tommy Hill (Swan Yamaha) e Alex Lowes, ormai non più una sorpresa del BSB, al ritorno con il Team WFR Honda. La notizia di questi test, almeno stando ai tempi comunicati dalle squadre, è la difficoltà di Noriyuki Haga a ritrovare il passo giusto per competere nelle posizioni di testa del più competitivo campionato nazionale Superbike del pianeta. “Nitronori”, alla terza presa di contatto con la Yamaha YZF R1 del team Swan-SMR di Shaun Muir e all’esordio a Snetterton, non è andato oltre l’1’51″7, sostanzialmente 2″2 dalla miglior performance del proprio team-mate Tommy Hill. Tattiche o non tattiche, il tre volte vice-campione del mondo a fine giornata si è detto soddisfatto dei progressi compiuti rispetto ai test nella penisola iberica, trovando una soluzione al problema di mancanza di grip che lo ha attanagliato tra Cartagena ed Almeria. Con Haga, vestendo per la prima volta i colori ufficiali Swan Yamaha, fuori dalla top-10, nelle posizioni di testa figura anche la seconda Samsung Honda di Jon Kirkham (vittima di una brutta caduta all’altezza della Brudle Curve), le due Tyco Suzuki del TAS Racing di Joshua Brookes e Alastair Seeley (entrambi non soddisfatti del bilanciamento trovato con la GSX-R 1000), ma anche Luca Scassa con la Padgett’s Honda #99 sul passo dell’1’50”, di buon auspicio a due settimane dal via della stagione 2012. Se per l’ex Campione Italiano Superbike si è trattato del terzo test con la Fireblade del pluridecorato Padgett’s of Batley, a Snetterton si è registrato l’esordio ufficiale da pilota del British Superbike per Alex Polita ai comandi della Ducati 1199 Panigale (seguita dallo staff di Ducati Corse, Ernesto Marinelli in primis) del Jentin Doodson Motorsport. Il “Pirata”, con una moto “laboratorio”, ha macinato kilometri in vista dell’esordio stagionale, portando avanti lo sviluppo della nuova Panigale in configurazione Superbike. Per i Ducatisti la priorità è trovare un buon compromesso con le mappature imposte dalla centralina elettronica unica MoTeC M170, stesso discorso per le due Aprilia RSV4 del Splitlath Redmond affidate all’ex protagonista di Superstock 600 e Supersport Florian Marino (1’51″2) e John Laverty (1’53″1), indietro nella classifica dei tempi nonostante due stagioni di esperienza della squadra con Aprilia e con le regolamentazioni “Evo”. In linea con questi tempi anche i due piloti di MSS Colchester Kawasaki, il leggendario Michael Rutter (1’51″2) ed il nuovo acquisto Peter Hickman (1’52″2), non sono stati comunicati invece i tempi dei piloti di Pr1mo Bournemouth Kawasaki (Chris Walker e James Hillier), GBmoto Racing Honda (Tristan Palmer e Luke Quigley) e, stranamente, anche di Stuart Easton con la seconda Kawasaki-PBM. Tempo due settimane e a Brands Hatch il cronometro non farà più sconti a nessuno… MCE Insurance British Superbike Championship 2012 Test MSVR Snetterton, Classifica Tempi 01- Michael Laverty – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – 1’48.5 02- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1’49.0 03- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’49.5 04- Alex Lowes – Team WFR – Honda CBR 1000RR – 1’49.5 05- Jon Kirkham – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – 1’49.8 06- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 1’50.0 07- Luca Scassa – Padgett’s Racing – Honda CBR 1000RR – 1’50.0 08- Ian Lowry – Padgett’s Racing – Honda CBR 1000RR – 1’50.0 09- Alastair Seeley – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 1’50.2 10- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – 1’50.3 11- James Westmoreland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – 1’50.4 12- Michael Rutter – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1’51.2 13- Florian Marino – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – 1’51.2 14- Noriyuki Haga – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’51.7 15- Peter Hickman – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1’52.2 16- John Laverty – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – 1’53.1

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy