BSB: la situazione (aggiornata) della classe Evo

BSB: la situazione (aggiornata) della classe Evo

Già battuto il numero di iscritti della stagione 2010

Commenta per primo!

A due mesi dal via della stagione 2011 la classe “Evo” del British Superbike ha già battuto i numeri dello scorso anno. Dopo un anno di “rodaggio”, inevitabilmente si registra un boom tra gli iscritti, segno della piena riuscita di una formula sperimentale del regolamento: preparazione tecnica poco più di una Superstock, centralina elettronica MoTec con un netto abbattimento dei costi.

Per quest’anno ad ogni gara ci saranno almeno 13 piloti al via, la maggior parte dei professionisti a tutti gli effetti. Questo il caso di Simon Andrews, ingaggiato dal team PR Kawasaki con una Ninja preparata da MSS Colchester, che se la dovrà vedere con il terzetto del Team WFR Honda composto da Glen Richards (già campione Supersport e Superstock 1000), Alex Lowes e Graeme Gowland.

Da non sottovalutare Josh Day, campione britannico Superstock 600 all’esordio nel BSB con la Kawasaki AIR Racing, Barry Burrell con la Buildbase BMW ed il nostro Matteo Mossa che rappresenterà l’Italia con la Suzuki del 777 RR Motorsport.

MCE Insurance British Superbike Championship 2011
Gli iscritti della classe “Evo”

12- Josh Day – AIR Racing – Kawasaki ZX-10R
17- Simon Andrews – PR Kawasaki – Kawasaki ZX-10R
20- Tom Tunstall – Doodson Motorsport Team – BMW S1000RR
22- Alex Lowes – Team WFR – Honda CBR 1000RR
24- Patric Muff – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR
37- James Hillier – Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R
45- Glen Richards – Team WFR – Honda CBR 1000RR
55- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Kawasaki ZX-10R
64- Aaron Zanotti – Spike Racing Team – BMW S1000RR
75- Craig Fitzpatrick – Close Print Finance – Honda CBR 1000RR
77- Barry Burrell – Buildbase BMW – BMW S1000RR
78- Matteo Mossa – 777 RR Motorsport – Suzuki GSX-R 1000
81- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy