American Superbike: Martin Cardenas resta in M4 Suzuki

American Superbike: Martin Cardenas resta in M4 Suzuki

Secondo anno tra le Superbike, punta al titolo

Commenta per primo!

Nonostante qualche possibilità (concreta o meno) di tornare a correre in Europa per la prossima stagione, Martin Cardenas ha deciso per il quinto anno consecutivo di correre con il Team Hammer Inc., oggi M4 Suzuki. Il pilota colombiano, campione Daytona SportBike 2010, ha rinnovato l’accordo con la formazione di John Ulrich anche per il 2012, convinto di poter lottare per il titolo dell’American Superbike dopo un più che positivo esordio quest’anno.

Quarto in campionato, Rookie of the Year con una vittoria all’attivo al Barber Motorsports Park, Cardenas conta con il team M4 Suzuki di giocarsi le proprie chance di vincere il campionato nel 2012, vantando un anno di esperienza in sella alle potenti 1000cc dell’AMA/American Superbike.

Va ricordato che dal 2007 Martin Cardenas è legato al Team Hammer, dopo esser stato campione del CEV Supersport (2004) e per un biennio pilota del mondiale 250cc con i team Aprilia Germany, Repsol Honda e Blusens BQR.

Nel 2010 per Cardenas, dopo un lungo inseguimento, è arrivato il primo titolo AMA Pro Road Racing nella Daytona SportBike, tanto da guadagnarsi una promozione “anticipata” tra le Superbike complice la dipartita di John Hopkins verso il BSB.

Martin è uno dei piloti più veloci del circus AMA“, spiega Keith Perry, responsabile tecnico M4 Suzuki. “Ogni volta che scende in pista da sempre il massimo, ed è per questo che abbiamo voluto trattenerlo con noi anche nel 2012. Siamo convinti con lui di poterci giocare la vittoria finale di campionato, ha tutto il potenziale per centrare questo obiettivo“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy