American Superbike Daytona Prove: Josh Hayes a 328 orari

American Superbike Daytona Prove: Josh Hayes a 328 orari

2° Roger Hayden, due EBR 1190RS nella top ten

di Redazione Corsedimoto

Con l’inaugurale sessione di prove libere dell’American Superbike è iniziata ufficialmente la “Daytona 200 Week”, tradizionale evento di apertura del motociclismo targato AMA Pro Road Racing. Nei 45 minuti a disposizione, mitigati da condizioni climatiche favorevoli, i 23 piloti al via della 37esima stagione nella storia dell’AMA Superbike sono scesi in pista nel “Short Course” (privo del “West Banking”) di Daytona da 2.9 miglia/4.67 kilometri, arrivando subito ai primati assoluti del tracciato della Florida. Il bi-campione in carica Josh Hayes, ai comandi della Yamaha YZF R1 ufficiale di Yamaha Motor Corp. USA preparata dal Graves Motorsports, ha fermato i cronometri sull’1’38″670, distante soltanto 4 decimi dalla pole 2011 da lui stesso detenuta in 1’38″228. Una prestazione di rilievo, a maggior ragione se pensiamo all’incredibile top-speed registrata dalla R1 #1 vestita dei colori Monster Energy: 204 mph, oltre 328 km/h. Non una novità a Daytona, anche se lo scorso anno soltanto Suzuki e Kawasaki, seppur di poco, avevano infranto il muro delle 200 mph di velocità massima. Si viaggia già su buoni tempi in Florida, con tre piloti racchiusi nello spazio di 3 decimi. Oltre a Hayden, nella top-3 figurano l’ex campione AMA Supersport (con trascorsi in MotoGP, World Superbike e Moto2) Roger Hayden, alla seconda stagione consecutiva con il team Jordan Suzuki, questa volta con una GSX-R 1000 con un’inedita grafica “camo” di National Guard (la guardia nazionale americana). Alle spalle di RLH sconta 3/10 dalla vetta il vice-campione in carica e pupillo di Kevin Schwantz, Blake Young, al quarto anno con Yoshimura Suzuki in sella alla nuova GSX-R 1000 L2 priva del doppio title-sponsor Rockstar Energy Drink e Makita Tools (programma finanziato esclusivamente da American Suzuki Corporation e Yoshimura Research & Development of America Inc). Scorrendo la classifica, sconta 1″5 il “rookie di lusso” Josh Herrin, quarto all’esordio in Superbike con la seconda Graves-Yamaha, presentandosi al via a Daytona dove vinse nel 2010 la 200 miglia. A seguire il vice-campione DSB in carica figura Ben Bostrom, riconfermato in Jordan Suzuki nonostante un’anonima stagione 2011, e la prima delle due EBR 1190RS ufficiali dell’Erik Buell Racing: Geoff May, con i colori AMSOIL e del colosso indiano Hero, è 6° a 2″ dalla vetta, il bi-campione Daytona SportBike Danny Eslick chiude la prima sessione di prove in 9° posizione davanti ad un altro ex-vincitore della 200 miglia come Steve Rapp (Attack Kawasaki, sicuro di correre soltanto il primo round 2009). A precedere ‘Slick figurano in settima posizione il primo effettivo pilota “privato” in classifica, David Anthony con la Suzuki del Fly Racing, ed il sempreverde Larry Pegram, ex-bandiera Ducati nei campionati AMA, al secondo anno con BMW e vittima di una scivolata senza conseguenze. Fuori dalla top-10 l’attesissima KTM RC8R ufficiale dell’HMC Racing con supporto del reparto corse KTM Racing di Matthigofen condotta dal campione XR1200 Series in carica Chris Fillmore, esordio stagionale problematico per il secondo portacolori Yoshimura Suzuki Chris Clark (soltanto 12° con la GSX-R ex-Tommy Hayden, appiedato per ragioni di budget), Jake Holden (BMW ESP), chiude 15esimo Robertino Pietri con la Suzuki del Team Venezuela, atteso quest’anno in MotoGP con cinque partecipazioni da wild card con la CRT FTR-Kawasaki dell’Avintia Racing. Conclusa la prima sessione di prove libere, a Daytona spazio ora alle prime prove riservate alla 200 miglia, mentre nel pomeriggio il primo turno di qualifiche ufficiali consentirà ai piloti dell’AMA Superbike di anticipare le tematiche da affrontare domani con la prima delle due gare in programma nella “Daytona 200 Week”. AMA Pro National Guard SuperBike 2012 Daytona International Speedway, Classifica Prove Libere 01- Josh Hayes – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’38.670 02- Roger Hayden – National Guard Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.257 03- Blake Young – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.300 04- Josh Herrin – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 1.512 05- Ben Bostrom – Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.596 06- Geoff May – Team AMSOIL Hero – EBR 1190RS – + 2.044 07- David Anthony – Kneedraggers.com Motul Fly Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.194 08- Larry Pegram – Foremost Insurance Pegram Racing – BMW S1000RR – + 2.326 09- Danny Eslick – Team Hero – EBR 1190RS – + 2.412 10- Steve Rapp – Attack Performance – Kawasaki ZX-10R – + 2.619 11- Chris Fillmore – KTM/HMC Racing – KTM RC8R – + 2.675 12- Chris Clark – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.712 13- Jake Holden – Evan Steel Performance – BMW S1000RR – + 3.246 14- Taylor Knapp – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.247 15- Robertino Pietri – Team Venezuela – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.891 16- Chris Ulrich – M4 Broaster Chicken Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.019 17- Jordan Burgess – Kneedraggers.com Motul Fly Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.329 18- Jeffrey Lampe – Kissimmee Motorsports – Kawasaki ZX-10R – + 5.556 19- Trent Gibson – Seven Sports – Suzuki GSX-R 1000 – + 6.471 20- Shawn Higbee – Higbee Racing – EBR 1190RS – + 6.807 21- Johnny Rock Page – Kneedraggers.com Motul Fly Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 8.589 22- Lloyd Bayley – LB Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 8.971 23- Felipe Maclean – Kissimmee Motorsports – Kawasaki ZX-10R – + 11.406 Alessio Piana

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy