Superbike Misano: Centralina unica 2018, la BMW non è d’accordo

Superbike Misano: Centralina unica 2018, la BMW non è d’accordo

La Superbike Commission pronta a cambiare registro sull’elettronica. Ma c’è un grosso ostacolo….

Commenta per primo!

Nell’ultima riunione della Superbike Commission, di cui fanno parte Dorna, la FIM e la MSMA (l’ente dei costruttori da corsa) si è parlato dell’adozione della centralina unica in Superbike a partire dalla prossima stagione. Ma non sarà facile far passare il concetto: la BMW è assolutamente contraria. Ecco perchè.

CONTROSENSO – Nel Mondiale Superbike al momento c’è piena libertà in campo elettronico. Ciascun costruttore può utilizzare la centralina che crede, e non ci sono limiti nello sviluppo dei software di controllo. In MotoGP invece, dal 2016, è   obbligatoria la centralina  unica (Marelli) e la base del software è fornito dal promoter Dorna. La scelta del British Superbike è stata ancora più radicale: centralina MoteC uguale per tutti e divieto di qualsiasi controllo elettronico. C’è un motivo preciso per cui in Superbike non ci sono limiti: per i Costruttori è rimasto l’unico campionato dove poter sviluppare sistemi di gestione veicolo da trasferire sulla produzione di serie. E’ per questa specifica ragione che BMW Motorrad è assolutamente contraria a qualsiasi restrizione.

POSIZIONE TEDESCA – “La libertà di sviluppo è uno dei motivi per cui prendiamo parte al Mondiale” spiega il direttore tecnico Marc Bogers, (a sinistra nella foto d’apertura) “Sulla S1000RR che chiunque può acquistare nelle nostre concessionarie è montato lo stesso identico sistema di controllo che abbiamo sviluppato nel Mondiale 2015. Obbligare i Costruttori ad usare una centralina comune può andare bene per la MotoGP, che ha minori ripercussioni sulla produzione, o per campionati locali come il BSB. Nel Mondiale non avrebbe senso, sarebbe un autogol.” A dispetto dei risultati ultimamente non esaltanti, BMW Motorrad è fortemente coinvolta nel Mondiale: Althea Racing riceve moto, ricambi, assistenza tecnica (in particolare per l’elettronica…) e un cospicuo appoggio economico. E’ difficile che  l’accordo con la formazione romana venga rinnovato, ma i responsabili delle gestione sportiva BMW stanno già parlando con altre squadre  di primo piano come IodaRacing di Giampiero Sacchi.

CONSEGUENZE – In occasione del round di Imola Luigi Dall’Igna aveva aperto all’adozione della centralina unica (“Se va bene in MotoGP perchè non può funzionare in Superbike”) e, non certo casulmente, dopo l’apertura Ducati le discussioni sul regolamento 2018 hanno preso grande impulso. Ma il diktat tedesco è un ostacolo non di poco conto. Per altro BMW è un partner di primissimo livello per Dorna sul fronte MotoGP, dove i tedeschi non corrono ma sono fortemente presenti a livello promozionale. Sarà difficile far passare una decisione tecnica che ai tedeschi non piace proprio…

Superbike Centralina Unica Ducati è favorevole

Esclusivo Ecco il reparto motori competizioni BMW

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy