MotoE: Ecco LCR E-Team con Randy De Puniet e Niccolò Canepa

Lucio Cecchinello abbraccia il progetto elettrico: ecco presentato il suo LCR E-Team, pronto per il campionato MotoE con Randy De Puniet e Niccolò Canepa.

28 febbraio 2019 - 9:42

LCR E-Team si presenta ufficialmente per la prima stagione nel campionato MotoE. Il ristorante Areadocks di Brescia è stato la sede scelta per questo evento, che ha sancito la ‘nascita’ della squadra elettrica di Lucio Cecchinello. Oltre a lui, presenti anche i due piloti chiamati ad essere protagonisti in sella alle Energica Ego Corsa (in foto la nuova livrea), Randy De Puniet e Niccolò Canepa.

“Da anni siamo parte del Mondiale MotoGP” ha dichiarato Lucio Cecchinello. “Da quest’anno la Dorna ha deciso di affiancare alle tre categorie del Motomondiale la Coppa del Mondo con moto elettriche. Disputeremo cinque tappe per un totale di sei gare, due di queste a San Marino. Siamo molto contenti di essere tra i team al via in questa nuova categoria, con due piloti fortissimi e dalla grande esperienza. Si tratta di una formula nuova, ma non vuol dire che non sarà una bella novità. Siamo sicuri che verrà apprezzato anche dalle giovani generazioni, che cresceranno con l’elettrico nella loro quotidianità.”

“Sono rimasto davvero sorpreso dalla moto elettrica” ha aggiunto Niccolò Canepa. “A novembre ho svolto i miei primi veri test in sella ad una moto di questo tipo ed è stato molto emozionante. La squadra ha svolto davvero un ottimo lavoro. Eravamo un po’ tutti preoccupati dai dati tecnici, soprattutto per il peso, molto superiore ad una moto ‘classica’. Devo dire però che una volta in pista questo aspetto non si nota più di tanto, quindi non c’era particolare differenza rispetto ad una moto tradizionale.”

Non nasconde la sorpresa iniziale neanche Randy De Puniet, che aveva avuto l’occasione di testare la MotoE più volte rispetto al compagno di squadra. “Avevo già provato la moto a maggio a Le Mans, realizzando un giro dimostrativo durante il Gran Premio. Sei mesi dopo ecco i primi test e devo dire che ci sono stati miglioramenti importanti. Come ha già detto Niccolò, la moto è molto bella da guidare. Per il pubblico sarà una novità: certo, non sentiranno il classico rumore, ma sicuramente non mancheranno le battaglie in pista.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi: “Yamaha lenta sul rettilineo, così dal 2004”

MotoGP: Alex Rins regala il suo casco ai commissari di pista

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Tutto bene tranne il risultato”