MXGP Lettonia: Jeffrey Herling domina la qualifica, Tony Cairoli 3° in rimonta

L'olandese scatenato domina i 20 minuti più due giri. Il nostro fuoriclasse coinvolto in un groviglio alla prima curva risale al terzo posto

12 maggio 2018 - 14:45

Jeffrey Herlings ha dominato la qualifica del GP Lettonia, settimo round del Mondiale Motocross MXGP. Sulla sabbia di Kegums, vicino Riga, l’olandese della KTM è partito davanti e ha impresso alla corsa il suo incrediibile ritmo, infliggendo oltre 50 secondi di distacco al belga Clement Desalle (Kawasaki).  Faticosa vigilia per Antonio Cairoli (KTM) che è rimasto coinvolto in una caduta di gruppo alla prima curva, è spronfondato in 24° posizione ma ha recuperato brillantemente fino alla terza posizione. Ci vorrà il miglior Tony per arginare Herlings leader Mondiale: le due sfide domenica alle 13 e alle 14, sempre in diretta web accessibile da Corsedimoto.com Si accede alla diretta dai bottoni qui sotto.

[fnc_embed]<div style=“height:0;padding-bottom:56.25%;position:relative;”> <iframe src=”http://www.mxgp-tv.com/embed/next?ref=corsedimoto&width=100%25″ width=”100%” height=”100%” style=”border:0;left:0;position:absolute;top:0;” frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe> </div>[/fnc_embed]

RIMONTONA – Cairoli non si è perso d’animo dopo la caduta: è ripartito staccatissimo dai primi ma ha macinato sorpassi infilando nel finale pezzi grossi quali Glenn Coldenhoff, Jeremy van Horebeek e Romain Febvre: bellssimo! Italiani: Alessandro Lupino (Kawasaki) 13., Ivo Monticelli (Yamaha) 20.

MX2 – Lo spagnolo Jorge Prado (KTM) ha vinto la qualifica MX2 con il favoritissimo padrone di casa, campione in carica e leader del Mondiale Pauls Jonass (KTM) relegato in 12. posizione. Italiani: 15. Cervellin (Honda); 16. Furlotti (Yamaha); 17. Bernardini (TM); 18. Lesiardo (KTM); 29. Bertuzzi (KTM).

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Alvaro Bautista scopre Imola “La pioggia? Non ho paura”

MotoGP: Aprilia con lo spoiler già a Jerez?

CIV Superbike: Michele Pirro-Ducati V4R, chi li batte al Mugello?