Supersport 2018: Niki Tuuli passa al team PTR Honda

Nel 2018 Niki Tuuli correrà nel Mondiale Supersport col team CIA Landlord Insurance Honda.

23 novembre 2017 - 15:50

Per il Mondiale Supersport 2018 il team PTR Honda, conosciuto da alcuni anni come CIA Landlord Insurance Honda, ha deciso di puntare su piloti giovani e dopo l’ingaggio del vicecampione britannico Supersport Andrew Irwin è stato annunciato quello del finlandese Niki Tuuli, proveniente dal team Kallio Racing.

Sul podio in tutte e tre le gare corse lo scorso anno come wild card, quest’anno Tuuli ha disputato una prima stagione completa nel Mondiale Supersport a due facce. Se le prime due gare e la parte finale di stagione sono state positive grazie soprattutto al podio di Buriram e alla vittoria di Magny Cours, nei cinque round da Aragon a Misano il finnico ha sempre mancato la zona punti e questo lo ha fatto scivolare indietro in campionato dopo un inizio molto promettente.

Ora per il 22enne di Myrskyla inizia una nuova avventura in sella a una Honda CBR600RR, moto mai provata prima. “Sono davvero contento di unirmi al team PTR Honda” ha detto Tuuli. “Per me ci saranno moltissime novità e non vedo l’ora di iniziare i test. Honda è una moto nuova per me, ma so che è molto performante e inoltre il team la conosce molto bene. Sono sicuro che faremo grandi cose e ringrazio Simon Buckmaster, il team e i miei sponsor per questa opportunità.

Molto contento per questo accordo anche Simon Buckmaster: “È da un paio di stagioni che seguo Niki Tuuli e credo che con noi possa giocarsi il podio e lottare per il titolo. Questo accordo, assieme all’ingaggio di Andrew Irwin, permetterà al team di schierare una formazione giovane e talentuosa e per noi ciò è motivo di grande soddisfazione e fiducia. A gennaio faremo i primi test e l’obiettivo sarà quello di arrivare pronti a Phillip Island e fare una bella stagione 2018.

Foto: Yamaha Racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Frattura del femore per Aleix Espargaró

Jorge Lorenzo e HRC: matrimonio d’interesse

Jonathan Rea avverte: “Anche Yamaha è diventata un problema”