Jonathan Rea: “Andiamo dentro e vediamo che succede”

Jonathan Rea in Thailandia ha vinto sei gare su otto, Buriram sarà il tracciato ideale per attaccare il primato di Alvaro Bautista con la Ducati

12 marzo 2019 - 22:04

Jonathan Rea aspetta la Ducati al varco. In Thalandia, dove si corrono tre gare questo week end, il Cannibale ha centrato sei vittorie su otto. Ha mancato il bersaglio nel 2016 (secondo posto) ed è finito fuori dal podio (quarto posto) solo lo scorso anno, per un problema ai freni nella frazione finale. Sono risultati che dimostrato l’affiatamento del 32enne nordirlandese con il tracciato di Buriram. Nell’apertura in Australia Rea è arrivato tre volte secondo dietro il dominatore Alvaro Bautista, con la Ducati V4R.

Acclamato come un Re(a)

Jonathan Rea arriverà nella piccola città vicino al confine con la Cambogia  all’ultimo momento, dopo una kermesse di alcuni giorni a Bangkok. Ospite di Kawasaki Thailandia, il quattro volte iridato ha visitato lo stabilimento e partecipato al “Kawasaki Day” acclamato da una moltitudine di tifosi. Fra le altre cose, Jonathan si è pure esibito in una partita di calcio, nella foto d’apertura.

“Andiamo dentro e vediamo che succede”

 “La Thailandia è un luogo eccezionale, è una gara calda non solo per le temperature ma anche per la passione degli apassionati, che qui sono sempre tantissimi” afferma Jonathan Rea.  “La pista è molto veloce, sicuramente sul dritto avremo qualche difficoltà ma qui siamo sempre andati molto bene e confido di potermela giocare anche stavolta. Sarà importante venerdi, quest’anno il tempo per mettere a punto la moto è meno che in passato ed è fondamentale non perdere la direzione. Sono molto carico, andiamo dentro e vediamo che succede.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alvaro Bautista: “Imola è stato un campanello d’allarme”

Futuro Superbike: Dorna vs FIM, sta scoppiando la guerra?

Jonathan Rea: “Ora ho fiducia, ma Alvaro Bautista ha alzato il livello”