BSB Cadwell Park Gara 2: vince Hill, Laverty e Byrne sul podio

Gran rimonta di Kiyonari da 18° a 9°, KO Rutter

29 agosto 2011 - 10:56

Dopo lo sfortunato epilogo di ieri, che lo ha visto a ridosso del vincitore e compagno di squadra Micheal Laverty quando quest’ultimo ha fatto segno della presenza di pioggia in pista ed ha portato al termine anticipato della gara, Tommy Hill conquista il successo in gara 2 a Cadwell Park. Il pilota londinese, ex conoscenza del Mondiale Superbike, ha ottenuto quindi la sesta vittoria stagionale (undicesima in carriera nel BSB) grazie ad una performance esente da sbavature e precedendo al termine proprio il compagno di squadra Laverty e il leader della classifica Shane Byrne (HM Plant Honda).

Scattato benissimo dalla prima fila dello schieramento, Hill ha preso il controllo della corsa a metà gara, piegando le resistenze degli avversari ed accumulando un gap di un secondo mantenuto bene o male inalterato per tutta la seconda parte. Grazie a questo successo, Hill sale a quota 26 podium credits, contro i 22 di Byrne e i 18 di John Hopkins (Samsung Crescent Suzuki, assente a causa dell’operazione al dito infortunato nella trasferta di Brno MotoGP). Appena fuori dal podio troviamo Joshua Brookes (Relentless Suzuki by TAS) il quale, dopo il caso del sorpasso su Michael Rutter (Ducati Rapid Solicitors Bathams) che ha provocato la caduta di quest’ultimo, ha tentato in ogni modo di agguantare il podio ed a metà gara sembrava pure in grado di farlo. L’australiano, assieme al più diretto inseguitore Peter Hickman (Tyco Honda), hanno mollato la presa nella seconda parte della corsa e si sono giocati il quarto posto fino alla fine.

Conclude invece in sesta posizione lo scozzese Jon Kirkham (Samsung Crescent Suzuki), con cinque secondi di vantaggio su un terzetto di piloti composto da Martin Jessopp (Rapid Sollicitors Bathams Ducati), Graeme Gowland (Honda Team WFR, vincitore della classe “Evo”), e dal campione in carica Ryuichi Kiyonari (HM Plant Honda). Il giapponese, partito addirittura dalla sesta fila, è stato autore di un ottimo recupero mancando però la settima posizione: ripreso il duo davanti a sé, grazie anche ad un passo di gara simile a quello dei piloti di testa, non è riuscito a passare Gowland dopo aver perso la pedona in un tentativo di sorpasso più che azzardato al penultimo giro. Ritiro invece per Michael Rutter (Rapid Solicitors Bathams Ducati), costretto alla resa con la clavicola destra infortunata a seguito dell’incidente di ieri con Brookes.

Aspettando Gara 3 (secondo regolamento Hill scatterà dalla pole affiancato in prima fila da Byrne e Laverty), è praticamente definita la situazione dello Showdown: con 4 piloti già qualificati (Byrne, Hill, Hopkins e Laverty in rigoroso ordine di classifica), restano due posti da assegnare con Brookes e Kiyonari favoriti rispettivamente a 159 e 153 punti (può bastare in Gara 3 un 15° posto per l’australiano, un 8° invece per King Kiyo), lasciando a 135 Kirkham, Mason a 131 e lo sfortunatissimo Rutter fermo a quota 130.

MCE Insurance British Superbike Championship 2011
Cadwell Park, Classifica Gara 2

01- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 18 giri in 26’23.316
02- Michael Laverty – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 1.700
03- Shane Byrne – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – + 3.460
04- Joshua Brookes – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 6.067
05- Peter Hickman – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR – + 6.581
06- Jon Kirkham – Samsung Crescent Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 18.892
07- Martin Jessopp – Rapid Solicitors Bathams Racing – Ducati 1098R – + 23.495
08- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 24.300 (Evo)
09- Ryuichi Kiyonari – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – + 24.424
10- Gary Mason – MSS Colchester Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 33.228
11- James Ellison – Team Sorrymate.com – Honda CBR 1000RR – + 33.534
12- Scott Smart – Moto Rapido – Ducati 1198R – + 34.091 (Evo)
13- Glen Richards – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 36.832 (Evo)
14- Karl Harris – Splitlath Motorsport – Aprilia RSVV4 – + 50.012 (Evo)
15- Barry Burrell – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 50.145 (Evo)
16- Steve Brogan – Jentin Racing – Honda CBR 1000RR – + 57.517
17- James Hillier – Bournemouth Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’00.013 (Evo)
18- Patric Muff – Tyco Racing – Honda CBR 1000R – + 1’06.134 (Evo)
19- Matteo Mossa – 777RR Motorsport – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro (Evo)

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Max Biaggi: “Valentino coraggioso, ha la mia ammirazione”

La 24 ore di Le Mans Moto 2019 in diretta TV su Eurosport 2

24h Le Mans: Honda in pole provvisoria, YART Yamaha 2°