North West 200: a Seeley (Supersport) e Farquhar (Supertwin) le prime gare

North West 200: a Seeley (Supersport) e Farquhar (Supertwin) le prime gare

Posticipata la STK

Commenta per primo!

La prima giornata delle due in programma per l’edizione 2015 della North West 200 ha proposto giovedì 14 maggio tre gare, ossia le prime riservate alle classi Supersport, Supertwins e Superstock. Supersport Gara 1: Alastair Seeley da dominatore C’è un pallido sole e la strada è asciutta per la Gara1 della Supersport prevista sulla distanza dei 5 giri. Alla partenza Alastair Seeley (Tyco by Tas Suzuki) parte non proprio benissimo dalla pole mentre l’esordiente Glenn Irwin (Gearlink Kawasaki) parte dalla seconda fila e con uno scatto prodigioso si porta in testa. Il numero 69 è seguito da Bruce Anstey (Valvoline Racing by Padgett’s Honda) e Michael Dunlop (MD Racing Yamaha). Sul rettilineo che porta ad University Corner Anstey passa Irwin, ma il giovane Glenn passa il “Kiwi” alla variante di Mather’s Cross. In scia si avvicina Seeley che si porta al comando alla frenata della variante di Magherabuoy. Il primo giro si conclude con Seeley seguito da Irwin, Anstey e Dunlop che chiude il quartetto, dietro tutti gli altri. Seeley e Irwin si passano a vicenda sull’allungo che porta ad University Corner con Seeley che conduce. Dunlop in scia attacca Anstey prima della variante di Magherabuoy mentre i primi due fanno un piccolo vuoto. Irwin passa Seeley alla chicane finale e si porta in testa. Seeley ripassa il pilota numero 69 e si riporta di nuovo al comando. L’alfiere TAS Racing allunga assieme a Irwin e c’è un leggero strappo del duo verso la coppia Anstey-Dunlop. Il giro 3 vede avvicinarsi sempre di più dalle retrovie Lee Johnston con la sua Triumph 675 del team East Coast Constructions, con il quartetto di testa rmai diviso in due coppie con Seeley e Irwin che allungano. Di colpo però quest’ultimo rallenta sull’allungo verso University Corner, un problema tecnico lo esclude dalla lotta. Dunlop passa Anstey a Mather’s Cross mentre Seeley è ormai lontano e Anstey vede sempre più vicino Johnston. Il quarto giro vede l’attacco di Johnston a Anstey a Mather’s Cross con la classifica all’ultimo giro che dice Seeley, Dunlop, Johnston e Anstey. L’ultimo giro vede Alastair che deve solo preoccuparsi di qualche doppiato prima di involarsi vero la sua 13° vittoria alla North West 200. Seeley trionfa davanti a Dunlop e a Johnston e raggiunge nella classifica dei vincitori di tutti i tempi alla North West Michael Rutter e Joey Dunlop, anche loro a 13 vittorie. 2015 Vauxhall International North West 200 Classifica EventServ Supersport Race (Supersport Gara 1) 01- Alastair Seeley – Tyco by TAS Racing – Suzuki GSX-R 600 – 6 giri in 27’43.982 (116.136 mph) 02- Michael Dunlop – MD Racing – Yamaha YZF R6 – + 7.583 (115.609 mph) 03- Lee Johnston – East Coast Construction/Burdens – Triumph Daytona 675R – + 14.766 (115.114 mph) 04- Bruce Anstey – Valvoline Racing by Padgett’s – Honda CBR 600RR – + 17.868 (114.902 mph) 05- Dean Harrison – Mar-Train Racing – Yamaha YZF R6 – + 26.356 (114.325 mph) 06- Conor Cummins – Jackson Racing – Honda CBR 600RR – + 34.325 (113.789 mph) 07- Keith Amor – Rig Deluge Road Racing – Honda CBR 600RR – + 34.961 (113.746 mph) 08- James Hillier – Quattro Plant Muc-Off Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – + 41.349 (113.320 mph) 09- Jamie Hamilton – Cookstown BE Racing – Honda CBR 600RR – + 41.519 (113.309 mph) 10- John McGuinness – Jackson Racing – Honda CBR 600RR – + 43.902 (113.151 mph) 11- Ben Wilson – Gearlink Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – + 50.207 (112.734 mph) 12- Derek McGee – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – + 51.661 (112.639 mph) 13- Horst Saiger – saiger-racing.com – Kawasaki ZX-6R – + 1’18.802 (110.885 mph) 14- Russ Mountford – Silicone Engineering – Triumph Daytona 675R – + 1’19.568 (110.836 mph) 15- Christian Elkin – Team Wylie Racing – Triumph Daytona 675R – + 1’24.554 (110.520 mph) 16- Michael Sweeney – Tracblast Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’27.253 (110.350 mph) 17- Tom Weeden – Tom Weeden Racing – Triumph Daytona 675R – + 1’32.379 (110.027 mph) 18- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave Trade – Yamaha YZF R6 – + 1’47.639 (109.080 mph) 19- Paul Jordan – Moira MRC – Honda CBR 600RR – + 1’47.832 (109.068 mph) 20- Jonathan Howarth – DTR – Honda CBR 600RR – + 1’58.981 (108.386 mph) 21- Philip Wakefield – Sandbach Scrap Metal – Yamaha YZF R6 – + 2’03.176 (108.131 mph) 22- Graham English – Team Superdream – Yamaha YZF R6 – + 2’26.506 (106.738 mph) 23- Matthew Rees – GT Superbikes – Kawasaki ZX-6R – + 2’27.600 (106.674 mph) 24- Billy Redmayne – Billy Redmayne Racing – Honda CBR 600RR – + 2’27.735 (106.666 mph) 25- Neil Gregory – Trickbits/FBM Performance – Triumph Daytona 675R – + 2’28.482 (106.622 mph) 26- Xavier Denis – Optimark Road Racing Team – Honda CBR 600RR – + 2’34.577 (106.264 mph) 27- Darren Cooper – Flue Stox – Kawasaki ZX-6R – + 2’34.812 (106.251 mph) 28- Craig Neve – Callmac Flexi Hydraulic – Honda CBR 600RR – + 2’35.419 (106.215 mph) 29- James Neesom – Centurion Windows – Kawasaki ZX-6R – + 2’36.971 (106.125 mph) 30- Gareth Evans – Joe Evans Garage – Suzuki GSX-R 600 – + 3’11.967 (104.124 mph) 31- Paul Cranston – Collision Recovery – Kawasaki ZX-6R – + 3’17.664 (103.805 mph) 32- Chris Dixon – Chris Dixon Racing – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (101.719 mph) 33- Phil Archer – Phill Archer Racing – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (101.614 mph) 34- Rhys Hardisty – RH Racing – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (101.445 mph) 35- Andrew Taylor – Kings Inn – Triumph Daytona 675R – a 1 giro (98.657 mph) Supertwin Gara 1: Ryan Farquhar ritorna alla vittoria Condizioni meteo migliorate, sole pieno per le pepate bicilindriche che si affrontano sulla distanza dei 4 giri Al via partenza anticipate di Martin Jensopp che anticipa lo start e si prende la penalità di 60″ prevista. Ryan Farquhar (SGS/Manx Gas by KMR) e Jamie Hamilton (Cookstown BE Racing) si portano al comando con le loro Kawasaki. La bicilindrica dell’esperto Ryan si dimostra fin da subito veloce sugli allunghi mentre Hamilton si vede braccato da un arrembante Jeremy McWilliams, compagno di team di Farquhar, che risale dalle retrovie. All’inizio del secondo giro Hamilton viene braccato da Christian Elkin (McKinstry Racing Kawasaki) mentre le Kawasaki del team KMR allungano sugli avversari. Ryan vede sempre più vicino l’ex pilota MotoGP, dietro al duo KMR Elkin passa Hamilton, ma Jamie ripassa immediatamente il suo avversario. Al terzo giro McWilliams recupera sempre di più qualcosa su Farquhar. Hamilton ed Elkin continuano la loro battaglia e si passano varie volte prima di University Corner, ma Jamie rimane davanti a Christian e sembra allungare dopo il sorpasso alla chicane di Mather’s Cross. McWilliams si avvicina a Farquhar ed è sempre più vicino al suo compagno di squadra. Alla variante di Magherabuoy Jeremy si avvicina realmente a Farquhar e alla curva del Metropole McWilliams passa Farquhar con quest’ultimo che riesce a tornare davanti al suo compagno di squadra. Le posizioni restano invariate con Farquhar che torna alla vittoria su McWilliams e Christian Elkin. 2015 Vauxhall International North West 200 Classifica Vauxhall Supertwin Race (Supertwin Gara 1) 01- Ryan Farquhar – SGS Manx Gas by KMR – Kawasaki 650 – 4 giri in 19’59.741 (107.243 mph) 02- Jeremy McWilliams – SGS Manx Gas by KMR – Kawasaki 650 – + 1.268 (107.130 mph) 03- Jamie Hamilton – Cookstown BE Racing – Kawasaki 650 – + 9.851 (106.370 mph) 04- Christian Elkin – McKinstry Racing – Kawasaki 650 – + 30.011 (104.626 mph) 05- Derek McGee – McGee Racing – Kawasaki 650 – + 32.365 (104.426 mph) 06- Michael Sweeney – Kiely Heating Racing – Kawasaki 650 – + 35.160 (104.190 mph) 07- Martin Jessopp – VRS Performance – Kawasaki 650 – + 1’07.974 (101.493 mph) 08- Jamie Coward – Scott Racing Motorcycles – Aprilia 550 – + 1’10.842 (101.264 mph) 09- Darren James – SGS Manx Gas by KMR – Kawasaki 650 – + 1’11.494 (101.212 mph) 10- Ian Morrell – Morrell Motorcycle Repairs – Suzuki 650 – + 1’12.146 (101.160 mph) 11- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave Trade – Kawasaki 650 – + 1’18.114 (100.687 mph) 12- Michael Russell – Emerald Road Racing – Kawasaki 650 – + 1’18.936 (100.623 mph) 13- Xavier Denis – Optimark Road Racing Team – Kawasaki 650 – + 1’42.099 (98.832 mph) 14- Adrian Clark – BHR – Kawasaki 650 – + 1’42.556 (98.798 mph) 15- Paul Gartland – Rod Lee Racing – Kawasaki 650 – + 1’52.546 (98.046 mph) 16- David Madsen Mygdal – Full Factory Winnerswear – Kawasaki 650 – + 1’53.173 (97.999 mph) 17- Sandy Berwick – Berm Shotblasting – Suzuki 650 – + 3’05.937 (92.863 mph) 18- Stephen Beattie – Stephen Beattie Racing – Kawasaki 650 – + 4’34.017 (87.303 mph) Superstock Gara 1: bandiera rossa Condizioni meteo stabili per la classe più importante di questa prima giornata, gara prevista sui 6 giri. Partenza delle BMW di Alastair Seeley (Tyco BMW Motorrad Racing) e di Lee Johnston (ECC/Burdens) subito al comando seguite dalla nuova Yamaha R1 di Michael Dunlop (MD Racing). Seeley e Johnston vicinissimi nell’allungo verso University Corner con Johnston che passa Seeley prma della chicane di Mather’s Cross con Dunlop sempre terzo. Seeley si riavvicina a Johnston e lo passa prima della variante di Magherabuoy tornando al comando. La lotta fra i due alfieri della Casa bavarese favorisce il riavvicinarsi di Dunlop. Johnston attacca Seeley e lo passa prima dell’ultima chicane. Il secondo giro vede Johnston davanti a Seeley e a Michael Dunlop, ma la gara viene interrotta con la bandiera rossa per l’incidente di Sandor Bitter al Ballysally Roundabout, risoltosi fortunatamente senza conseguenze. La gara non riparte e viene messa nel programma delle gare di sabato. Giuseppe Corona

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy