Red Bull Rookies Cup Silverstone Gara 2: Scott Deroue torna alla vittoria

Red Bull Rookies Cup Silverstone Gara 2: Scott Deroue torna alla vittoria

Festa posticipata per Hanika

Commenta per primo!

Un incredibile ultimo giro di Gara 2 della Red Bull MotoGP Rookies Cup a Silverstone riporta sul gradino più alto del podio Scott Deroue e posticipa la festa-campionato di Karel Hanika. In una gara in puro stile “Rookies Cup” con una dozzina di talenti emergenti del motociclismo internazionale in piena corsa per il podio, due distinti colpi di scena hanno consegnato al pilota olandese, già sotto contratto RW Racing GP e con diverse presenze all’attivo in sella ad una KALEX-KTM Moto3 nell’IDM, la prima affermazione stagionale e quarta in carriera nel monomarca che affianca nei principali round il Motomondiale, in grado di rilanciare le proprie quotazioni in classifica, ma non per la corsa al titolo. Vincitore di Gara 1 e ad un soffio dalla matematica conquista della Rookies Cup, nel corso dell’ultimo giro Karel Hanika, a seguito di un contatto con Diego Perez, è volato a terra ritrovandosi costretto a posticipare la festa di un paio di settimane a Misano anche a seguito di un secondo colpo di scena nell’incredibile finale di Silverstone: Jorge Martin, suo più diretto inseguitore in classifica, è stato costretto ad abbandonare i sogni di gloria non potendo evitare Joe Roberts, incappato in un highside proprio davanti a sé. Ripartito il pilota iberico ha concluso dodicesimo, ma scontando ora 72 punti di svantaggio da Hanika con più 75 in palio tra Misano e nelle due gare in programma ad Aragon. Festa soltanto rimandata per il pilota ceco che potrà accontentarsi di un modesto piazzamento a punti a Misano dove cercheranno di tornare sul gradino più alto del podio i nostri portabandiera, in piena corsa per il podio anche a Silverstone: Manuel Pagliani, in lizza per la vittoria in Gara 1, ha concluso 4° a precedere Stefano Manzi, mentre Enea Bastianini dopo una combattiva prima manche ha concluso 9°. Fuori dai punti invece Mario Tocca, 19°. Cronaca di Gara Allo spegnimento del semaforo conserva la pole alla “Stowe” Hanika seguito dal nostro Pagliani, Martin, Ray, Ramirez e Razgatlioglu, ma i giochi delle scie in pieno “Hangar Straight” permettono a Martin e Pagliani, con quest’ordine, di portarsi al comando delle operazioni. Il pilota iberico, sfortunatissimo in Gara 1, prova subito a scappar via tanto da chiudere il primo giro con un discreto vantaggio su Hanika, Pagliani, Ramirez, Ray e Deroue, Manzi è 10°, Bastianini 12°, Tocca figura in 23esima posizione. Niente da fare invece per Corentin Perolari, incappato in un’escursione fuori pista e conseguente caduta alla “Stowe”. Mentre viene mostrato il replay del volo del giovane pilota transalpino, là davanti si scatena la bagarre con Hanika che si riappropria della prima posizione a scapito di Martin, ma questa lotta permette a Ramirez e Deroue di rifarsi sotto, il tutto mentre Felix Nassi è il secondo pilota a salutare la compagnia. Come in Gara 1, all’avvio l’americano Joe Roberts è a dir poco scatenato, in 2’18″235 fa registrare il giro più veloce della contesa e si ricongiunge al gruppetto di testa. Secondo consuetudine nella Rookies Cup lo spettacolo non manca mai tanto che i primi 6 piloti sono compresi in un fazzoletto, ma anche il secondo gruppo con i nostri Pagliani, Manzi e Bastianini sono “in scia”. Risulta pertanto oggettivamente impossibile raccontare ogni singolo sorpasso, basti pensare che una dozzina di piloti sono in fila indiana con gli iberici Ramirez e Martin a far l’andatura. Con una media di due sorpassi ad ogni curva, al giro di boa della contesa sono addirittura 15 i piloti potenzialmente in corsa per il podio con la necessità per Jorge Martin di conservare la leadership per tenere aperti i giochi a scapito di Hanika che lo segue a ruota. Grazie a staccate “acrobatiche” (soprattutto all’ingresso della variante “Vale”), a 5 giri dal termine è Joe Roberts a condurre la corsa ora con Hanika secondo a precedere Roberts e Martin, a ruota anche i nostri Pagliani e Manzi mentre Bastianini si è staccato da questo “gruppone” di pretendenti alla vittoria. A 3 giri dall’esposizione della bandiera a scacchi è sempre Roberts in testa, dietro Martin e Hanika sono a stretto contatto impensieriti da Perez, Ramirez e Deroue. Prova così a forzare l’attacco Hanika, ci riesce alla “Stowe” per la leadership, ma Roberts gli risponde all’ingresso della “Abbey”. In un lampo il pilota ceco si ripresenta al comando all’inizio del penultimo giro con il poker di testa formato dallo stesso Hanika, Roberts, Martin e Perez che ha guadagnato qualche metro “di respiro” su Deroue, Ramirez, Manzi e Pagliani, tutt’altro che esclusi dai giochi-vittoria. Quando inizia l’ultimo giro, grazie ad una perentoria staccata alla “Brooklands”, è Roberts a presentarsi in prima posizione su Martin, Hanika, Perez e Deroue, ma all’ingresso del “Complex” delle Becketts-Maggotts-Chapel è il nativo di Brno a riappropriarsi del comando ritrovandosi ad un soffio dall’aritmetica conquista del titolo. I giochi di scia in pieno “Hangar Straight” permettono a Deroue di sorprender tutti e passar in un sol colpo dalla quarta alla prima posizione, ma tutto si deciderà in un clamoroso colpo di scena alla “Arena”: Perez all’interno si porta al comando, ma al momento di aprire il gas perde il controllo della propria KTM con il risultato di sbarrare la strada ad Hanika che vola a terra. Fuori gioco il pilota ceco, ma non è finita qui: alla “Brooklands” Deroue conserva la leadership, in uscita Roberts è protagonista di un pauroso highside e Martin non può far nulla per evitarlo. Porte spalancate così a Deroue che conquista la vittoria su Mir, Ramirez ed i nostri Pagliani e Manzi, Martin riuscirà a ripartire per chiudere dodicesimo, abbastanza per posticipare la festa di Hanika che si dispera. Red Bull MotoGP Rookies Cup 2013 Silverstone Circuit, Classifica Gara 2 01- Scott Deroue – NED – KTM RC 250 R – 14 giri in 32’34.882 02- Joan Mir – SPA – KTM RC 250 R – + 0.646 03- Marcos Ramirez – SPA – KTM RC 250 R – + 0.983 04- Manuel Pagliani – ITA – KTM RC 250 R – + 0.991 05- Stefano Manzi – ITA – KTM RC 250 R – + 1.109 06- Soushi Mihara – JPN – KTM RC 250 R – + 1.739 07- Diego Perez – SPA – KTM RC 250 R – + 1.790 08- Toprak Razgatlioglu – TUR – KTM RC 250 R – + 5.254 09- Enea Bastianini – ITA – KTM RC 250 R – + 12.532 10- Jordan Weaving – RSA – KTM RC 250 R – + 12.657 11- Bradley Ray – GBR – KTM RC 250 R – + 12.942 12- Jorge Martin – SPA – KTM RC 250 R – + 17.379 13- Lukas Trautmann – AUT – KTM RC 250 R – + 25.511 14- Aris Michail – GER – KTM RC 250 R – + 25.569 15- Yui Watanabe – JPN – KTM RC 250 R – + 25.836 16- Darryn Binder – RSA – KTM RC 250 R – + 25.901 17- Tarran Mackenzie – GBR – KTM RC 250 R – + 28.742 18- Anthony Alonso – USA – KTM RC 250 R – + 32.183 19- Mario Tocca – ITA – KTM RC 250 R – + 49.827 Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy