Moto2: tutti a caccia di Rabat per il 4° round 2014 a Jerez

Moto2: tutti a caccia di Rabat per il 4° round 2014 a Jerez

Rabat già in fuga mondiale al ritorno in Europa

Ben 28 punti di vantaggio sul suo più diretto inseguitori dopo soltanto 3 gare. Campionato finito? Questa la sensazione dando uno sguardo alla classifica di campionato dopo Termas de Rio Hondo, ma in Moto2, oltretutto con ancora 15 round da affrontare da qui alla “finale” di Valencia del prossimo mese di novembre, tutto è possibile. Lo sa bene Tito Rabat, dominatore, mattatore domenica scorsa del Gran Premio d’Argentina facendo sua dopo Losail la seconda affermazione stagionale (e da portacolori del Marc VDS Racing Team), di fatto il grande protagonista della formula monomotore Honda 600cc 4 tempi sin dai test invernali dello scorso mese di febbraio. Passato dal Pons Racing al Marc VDS Racing Team con un contratto biennale in tasca (e con già prevista la promozione in MotoGP, classe “Open”, per il 2015?…), il forte pilota iberico si presenterà a Jerez con una concreta chance di allungare ulteriormente in classifica. Tutt’uno con la propria KALEX #53, vivendo un vero e proprio stato di grazia, a Jerez de la Frontera Tito Rabat potrà vantare trascorsi a dir poco favorevoli ripensando al successo dello scorso anno, all’epoca il primo trionfo nel Motomondiale. Tutto sembra pertanto volgere a favore dell’alfiere Marc VDS, con gli avversari chiamati doverosamente a fermare la sua corsa al titolo in Andalusia. Questo il caso del suo compagno di squadra Mika Kallio, secondo a -28 nella generale complice un modesto 7° posto in Argentina, ma anche e soprattutto di Maverick Vinales, l’unico finora in grado di spezzare l’egemonia del trinomio Rabat-KALEX-Marc VDS. Vincitore ad Austin al suo secondo gettone di presenza nella categoria, il Campione del Mondo Moto3 in carica a Jerez ha vinto lo scorso anno nella “entry class” e ben figurato nei test invernali con la propria Pons KALEX. Maverick Vinales avrà così una concreta chance di riscattare l’errore nelle prime fasi di gara a Termas de Rio Hondo che ha spalancato le porte del podio ad un sempre più convincente Xavier Simeon, secondo con la Suter MMX2 del team Gresini, ed al compagno di squadra Luis Salom, terzo conquistando il primo podio in Moto2 (e da “rookie”), mostrandosi tra i piloti più veloci sulla distanza di gara. Saranno loro gli osservati speciali del weekend in Andalusia insieme a Dominique Aegerter (sul podio ad Austin con la Suter Technomag carXpert), Johann Zarco (inspiegabilmente indietro in gara a Rio Hondo con la Caterham Suter), Thomas Luthi (Suter Interwetten) e Takaaki Nakagami, dal rendimento altalenante con la KALEX dell’IDEMITSU Honda Team Asia di Tadayuki Okada, ma dai trascorsi da rimarcare a Jerez con diverse “prime file” all’attivo. Accanto a loro Jerez offrirà una chance di salire sul podio sfumato tra Austin e Rio Hondo al nostro Simone Corsi, quarto in campionato con la Forward KLX sviluppata su base KALEX 2013 dal Forward Racing, tra i piloti più “decisi” in fase di sorpasso in Argentina. Il pilota capitolino capeggia la pattuglia dei nostri portacolori in ascesa nella “middle class”: Alex De Angelis (Suter Tasca Racing) andrà a caccia di punti importanti, Mattia Pasini (Forward KLX) del riscatto dopo lo stop forzato in Argentina. Da seguire anche i nostri due “rookie” da sempre protagonisti a Jerez: conquistati i primi 3 punti iridati a Termas de Rio Hondo, Franco Morbidelli (KALEX Italtrans) punterà al tris sul tracciato dove, lo scorso mese di ottobre, conquistò il titolo Europeo Superstock 600. Vinse invece nella Red Bull MotoGP Rookies Cup 2012 su questo tracciato Lorenzo Baldassarri (Suter Gresini), bravo, ma altrettanto sfortunato in questo suo esordio in Moto2. Da seguire doverosamente nel weekend anche il Campione del Mondo Supersport in carica Sam Lowes (Speed Up, vincitore a Jerez lo scorso anno proprio tra le derivate di serie), la coppia del team Aspar formata da Jordi Torres e Nico Terol (problemi definitivamente risolti?) e due “novità” del weekend: il rientrante Ratthapark Wilairot, convocato dalla Caterham in sostituzione dell’infortunato Josh Herrin, ed Edgar Pons, figlio d’arte e vincitore del primo round del CEV Moto2 2014 proprio a Jerez, al via in qualità di wild card con una terza Pons KALEX. Moto2™ World Championship 2014 La Classifica di Campionato dopo il 3° Round 01- Tito Rabat – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – 70 02- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – 42 03- Maverick Vinales – Pons HP 40 – KALEX Moto2 – 38 04- Simone Corsi – NGM Forward Racing – Forward KLX – 33 05- Dominique Aegerter – Technomag carXpert – Suter MMX2 – 29 06- Thomas Luthi – Interwetten Paddock Moto2 – Suter MMX2 – 26 07- Xavier Simeon – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMX2 – 20 08- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up SF14 – 20 09- Luis Salom – Pons HP 40 – KALEX Moto2 – 18 10- Sam Lowes – Team Speed Up – Speed Up SF14 – 18 11- Alex De Angelis – Tasca Racing Moto2 – Suter MMX2 – 18 12- Sandro Cortese – Dynavolt Intact GP – KALEX Moto2 – 18 13- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – 14 14- Marcel Schrotter – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – 12 15- Ricky Cardus – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – 10 16- Louis Rossi – SAG Team – KALEX Moto2 – 6 17- Takaaki Nakagami – IDEMITSU Honda Team Asia – KALEX Moto2 – 6 18- Randy Krummenacher – Iodaracing Project – Suter MMX2 – 6 19- Jonas Folger – AGR Team – KALEX Moto2 – 5 20- Mattia Pasini – NGM Forward Racing – Forward KLX – 4 21- Franco Morbidelli – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – 3 22- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – 2 23- Hafizh Syahrin – Petronas Raceline Malaysia – KALEX Moto2 – 2 Il Programma del Gran Premio bwin de España 2014 Venerdì 2 maggio 10.55 – 11.40: Prove Libere 1 15.05 – 15.50: Prove Libere 2 Sabato 3 maggio 10.55 – 11.40: Prove Libere 3 15.05 – 15.50: Qualifiche Domenica 4 maggio 09.10 – 09.30: Warm Up 12.20: Gara (26 giri) Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy