Moto2: Toni Elias “Motivato per vincere il campionato”

Moto2: Toni Elias “Motivato per vincere il campionato”

Il pilota Gresini non la vede come una retrocessione

Commenta per primo!

Può un pilota che ha vinto 1 gara in MotoGP, corso ininterrottamente dal 2005 al 2009 riuscendo a concludere lo scorso campionato al 7° posto non vedere la Moto2 come una “retrocessione”? Sì, possibile se si parla di Toni Elias, che a Motociclismo ha spiegato le ragioni che l’hanno portato a firmare con il team Gresini, ma per la nuova “middle class” del Motomondiale.

Il mio obiettivo è sempre stato quello di correre per un team ufficiale in MotoGP“, afferma Toni Elias. “Dopo cinque anni non ci sono riuscito, per cui ho cercato la miglior soluzione. Potevo probabilmente continuare a correre in MotoGP, ma non con una moto factory. A questo punto ho pensato alla Moto2, è una categoria nuova e diversa rispetto alla 250: mi sono interessato e l’accordo con Gresini per me è stata la miglior soluzione, mi trovo bene, conosco tutti a partire da Cecchini che sarà nuovamente il mio capo tecnico“.

Già veloce nel primo test con la Moriwaki Moto2 a Valencia, Toni Elias ammette di pensare il campionato, anche perchè è indicato dalla maggioranza come favorito per la conquista del titolo.

Correrò con la mentalità di provare a vincere. Di certo arriverò alla prima gara molto motivato, so che ci sono avversari competitivi, ma confido nella mia squadra. Sulla moto ho bisogno di girare di più, ho percorso solo 5 ore in sella, ma so che in Giappone (alla Moriwaki Engineering, ndr) stanno lavorando bene. Proverò nuovamente la moto a metà febbraio e sono molto carico“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy