Moto2 Misano Gara: straordinario Marquez, Iannone è 3°

Moto2 Misano Gara: straordinario Marquez, Iannone è 3°

Ennesima vittoria a +53 su Espargaro, 3° Iannone

Commenta per primo!

Ecco perchè da anni viene definito come il nuovo “craque” del motociclismo iberico, presto spiegato il perchè si è guadagnato una Honda RC213V ufficiale in MotoGP per il prossimo biennio. In una gara “sprint” di soli 14 giri dovuta ad una precedente interruzione con bandiera rossa per l’olio disperso dalla Suter di Gino Rea al primo via, Marc Marquez al “Misano World Circuit Marco Simoncelli” centra l’ennesima vittoria capolavoro. In difficoltà nelle prime fasi di gara, prendendosi a suo solito qualche rischio di troppo, ben presto l’ex iridato 125 GP ha recuperato terreno sferrando l’attacco decisivo per la vittoria nei confronti di Pol Espargaro soltanto all’ultimo giro e alla celebre staccata della “Quercia”. In un serie di tre batti-e-ribatti, sorpassi e contro-sorpassi, il pupillo di Emilio Alzamora si è aggiudicato così la sesta affermazione stagionale (terza consecutiva, quinta nelle ultime sei gare), la 14esima in Moto2 in 27 presenze nell’ultimo biennio, la 24esima in carriera nel Motomondiale.

Con questo nuovo centro il portacolori del Monlau Competicion vola a +53 in campionato rispetto a Pol Espargaro, secondo e ormai l’unico potenziale avversario del pilota di Cervera nella corsa al titolo iridato. “Polyccio” ha lottato e si è difeso egregiamente, un pò come Andrea Iannone, terzo dopo aver comandato la corsa per 11 dei 14 giri previsti (14 in tutto contando il primo start), penalizzato un pò sulla distanza di gara come già accaduto in altre circostanze (vedi Assen). Per l’abruzzese resta un più che dignitoso podio in casa con la Speed Up S12 contraddistinta dalla livrea “promozionale” del nuovo film “Step Up 4 Revolution” in uscita nelle sale italiane il prossimo mese di ottobre, celebrando così la recente firma con Ducati per la MotoGP 2013.

Giù dal podio hanno invece concluso Nell’ordine Mika Kallio (4°, KALEX Marc VDS), Tito Rabat (5°, Pons KALEX) e Dominique Aegerter (6°, Suter Technomag CIP), poche soddisfazioni per gli altri nostri portacolori: in casa il sammarinese Alex De Angelis non è andato oltre un tredicesimo posto vincendo per soli 13/1000 la volata con Claudio Corti (14°), a terra Simone Corsi, fuori dalla zona punti Alessandro Andreozzi (23°) ed il ticinese Marco Colandrea (24°).

Cronaca di Gara

Scatta dalla pole per la quattordicesima volta in 27 presenze nel mondiale Moto2 Marc Marquez, accanto a lui in prima fila Pol Espargaro e Scott Redding, dalla seconda Andrea Iannone, non prende il via Randy Krummenacher (caduto ieri nelle qualifiche ufficiali), c’è invece nonostante il rovinoso volo della mattinata Ratthapark Wilairot: soltanto una contusione alla coscia sinistra, davvero eroico il buon “Feem”! Allo spegnmento del semaforo Marquez non si fa trovar impreparato, leader alla “Variante del Parco” su Espargaro, Iannone, Redding, Nakagami e Kallio, fortunatamente il gruppo passa indenne il primo settore, non al “Tramonto” con Steven Odendaal (sostituto dell’infortunato Ricky Cardus con la AJR dell’Arguiñano Racing Team) a terra a seguito di un contatto con un altro piloti. Va in archivio il primo giro con posizioni invariate se non per il sorpasso di Nakagami su Redding per il quinto posto: in men che non si dica Iannone decide di rompere gli indugi su Espargaro al “Rio” per la seconda piazza, fa altrettanto proprio il buon Takaaki alla tornata seguente.

La classifica al terzo giro propone così Marquez al comando su Iannone, Espargaro si riporta al terzo posto davanti a Nakagami, Redding, Rabat, Redding, Luthi, Simon, Kallio e Aegerter a completare la top-ten con Corti 15°, De Angelis 18°, Corsi 22° con Andreozzi e Colandrea in fondo al gruppo. Proprio in questa tornata Iannone, al culmine del “Curvone”, attacca-e-passa Marquez per il primato suggellando questa manovra con il giro più veloce in 1’39″106. La gara si infiamma, ma purtroppo al quarto giro viene esposta la bandiera rossa: olio in pista alla “Misano” lasciato dal motore in fumo della Suter MMXII di Gino Rea.

Si ripartirà alle 12:54 con la formazione di una nuova gara da disputarsi sulla distanza di 14 giri, Iannone (da regolamento) scatta dalla pole affiancato in prima fila da Marc Marquez e Pol Espargaro, in seconda Nakagami, Redding e Rabat, in terza Luthi, Simon e Kallio. Al restart Iannone conserva la prima posizione su Marquez, Rabat, Espargaro, Luthi, Aegerter e Kallio, sfila compatto il gruppone anche in questa occasione senza senza alcun contatto. Nessun stravolgimento di classifica nei primi giri, Iannone prova a scappar via e Marquez a.. stendersi, perdendo per un attimo il controllo della propria Suter MMXII alla “Misano” tanto da vedersi filare in un sol colpo dalle due Pons KALEX di Rabat ed Espargaro. Proprio “Polyccio” in pieno “Curvone” passa il proprio compagno di squadra per il ruolo di primo inseguitore del fuggitivo Iannone, autore di un sensazionale 1’38″815 che gli consente di viaggiare con 1″3 rispetto al folto gruppo degli inseguitori dove si intravede l’arancione MotoBI di Johann Zarco, ora settimo ed in bagarre tra le due KALEX del Marc VDS Racing di Kallio e Redding.

Giunti al quarto giro Marquez decide che è arrivato il momento giusto per rompere gli indugi ed alla “Quercia”, con una decisa staccata, si lascia alle spalle l’amico ed ex-compagno di squadra Rabat per il terzo posto lanciandosi all’inseguimento dell’altra Pons KALEX di Pol Espargaro. Le posizioni al giro di boa della contesa sembrano ormai definite, ma i due iberici Espargaro e Marquez rosicchiano decimo su decimo nei confronti della Speed Up di testa, con la prospettiva di assistere ad un confronto a tre per la vittoria nel finale. Fuori gioco invece Xavier Simeon, Yuki Takahashi e Simone Corsi, tutti ritrovatisi a terra quando mancano 5 giri dall’esposizione della bandiera a scacchi. Passa un giro ed inizia il “crollo” sul piano velocistico di Iannone, subito raggiunto e superato dai suoi più diretti inseguitori: da Espargaro dal “Tramonto”, da Marquez al “Carro”. Distanti da questo contesto il folto gruppo dei piloti in lotta per la “medaglia di legno” con Kallio in piena bagarre con Rabat, Redding, Luthi, Zarco, Aegerter e Smith.

Si va verso il “rush finale” con l’acceso confronto tra Espargaro e Marquez: il futuro pilota HRC si presenta all’ultimo giro con il giro più veloce e nuovo record della pista in 1’38″453 e lo passa subito alla “Quercia”. Primo tentativo di risposta di Polyccio al “Tramonto”, secondo al “Carro”, ma il pupillo di Emilio Alzamora resiste e conquista l’ennesima vittoria e vola a +53 in campionato. Sul podio Iannone (3°), a seguire Kallio, Rabat, Aegerter con De Angelis 13°, Corti 14°, Andreozzi è 23° davanti a Colandrea.

Moto2 World Championship 2012
Misano World Circuit Marco Simoncelli, Classifica Gara

01- Marc Marquez – Team CatalunyaCaixa Repsol – Suter MMXII – 14 giri in 23’11.278
02- Pol Espargaro – Pons 40 HP Tuenti – KALEX Moto2 – + 0.359
03- Andrea Iannone – Speed Master Team – Speed Up S12 – + 1.634
04- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 5.078
05- Tito Rabat – Pons 40 HP Tuenti – KALEX Moto2 – + 5.246
06- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMXII – + 5.570
07- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 6.364
08- Bradley Smith – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 6.853
09- Thomas Luthi – Interwetten Paddock – Suter MMXII – + 7.480
10- Johann Zarco – JiR Moto2 – MotoBI – + 7.989
11- Takaaki Nakagami – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 8.560
12- Julian Simon – Blusens Avintia – Suter MMXII – + 11.509
13- Alex De Angelis – NGM Mobile Forward Racing – FTR Moto M212 – + 18.329
14- Claudio Corti – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 18.342
15- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team – Suter MMXII – + 18.568
16- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team – Suter MMXII – + 18.687
17- Axel Pons – Pons 40 HP Tuenti – KALEX Moto2 – + 18.862
18- Mike Di Meglio – Kiefer Racing – KALEX Moto2 – + 25.645
19- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Gresini Moto2 – Suter MMXII – + 30.003
20- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up S12 – + 32.439
21- Tomoyoshi Koyama – Technomag CIP – Suter MMXII – + 33.121
22- Marcel Schrotter – Desguaces La Torre SAG – Bimota HB4 2012 – + 33.258
23- Alessandro Andreozzi – Speed Master Team – Speed Up S12 – + 33.532
24- Marco Colandrea – SAG Team – FTR Moto M211 – + 47.303

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy