Moto2 Assen Gara: Pol Espargaro batte Scott Redding

Moto2 Assen Gara: Pol Espargaro batte Scott Redding

Aegerter completa il podio davanti a Kallio e Rabat

di Redazione Corsedimoto

Un duello… mondiale. Al TT Circuit Van Drenthe di Assen Pol Espargaro, al culmine di una perfetta strategia di gara, bissa il trionfo conseguito due settimane or sono al Circuit de Catalunya di Montmelò regolando all’ultimo giro Scott Redding, secondo e sì battuto, ma pur sempre capoclassifica di campionato con 30 lunghezze di vantaggio su un “Polyccio” in rimonta. Scattato dalla pole il vice-Campione del Mondo in carica ha gestito al meglio la situazione e, al giro di boa della contesa, si è involato al comando in compagnia del forte pilota britannico. I due, con un passo inavvicinabile per i loro più diretti inseguitori, si son dati battaglia fino all’inizio dell’ultimo giro: Espargaro con decisione attacca-e-passa alla “Haarbocht” il rivale, manovra vincente che vale la seconda affermazione consecutiva, la terza stagionale, la settima in Moto2 e la dodicesima in carriera nel Motomondiale.

Bella vittoria per il portacolori del Pons Racing, prezioso secondo posto ai fini-campionato per Scott Redding, secondo con la KALEX del Marc VDS Racing Team guadagnando 20 preziosi punti per il traguardo-mondiale al culmine di un problematico inizio di weekend. Se Espargaro e Redding hanno fatto il vuoto, la volata per il terzo posto ha premiato Dominique Aegerter, con la Suter MMX2 del Technomag carXpert al secondo podio in carriera nel Motomondiale (concluse 3° nel 2011 a Valencia) riuscendo a spuntarla su Mika Kallio (KALEX Marc VDS, 4°), Tito Rabat (in crisi nel finale, 5°), Johann Zarco (6° con la Suter di Iodaracing Project) e Xavier Simeon (7°).

Gara da dimenticare invece per i nostri portabandiera, tutti clamorosamente fuori dai punti. Simone Corsi dopo un’ottima partenza è volato a terra nel corso del sesto giro, non è andata meglio ai suoi compagni di squadra Alex De Angelis (16°) e Mattia Pasini (19°), chiamati al riscatto tra due settimane al Sachsenring, ultimo evento prima della pausa estiva.

Cronaca di Gara

Non prende il via Takaaki Nakagami, costretto alla resa per la frattura alla clavicola sinistra rimediata a seguito di una brutta caduta nel Warm Up, ma nemmeno Toni Elias: al giro di ricognizione, clamorosamente, incappa in una scivolata alla “Ramshoek”. Irriconoscible il Campione del Mondo 2010, sempre il solito invece Pol Espargaro che dalla pole inventa una gran spunto al via anche se al tornantino “De Strubben” è Redding a portarsi avanti. In men che non si dica “Polyccio” risponde a questo affronto all’ingresso dell’ultima variante “Geert Timmer Bocht” archiviando il primo giro in testa su Redding, Rabat, Simeon, Aegerter, Zarco ed un Corsi partito benissimo, già settimo con Pasini 11° e De Angelis 14°. Al secondo giro Redding non ci sta e, sfruttando una piccola sbavatura di Espargaro alla “Ossebroeken”, si riporta in testa, alle loro spalle invece Simeon sorprende Rabat guadagnando la terza piazza.

Nei primi giri Redding prova a scappar via, anche perchè alle sue spalle c’è un plotone di ben 10 piloti in fila indiana racchiusi in poco meno di 1″. Scende sotto il muro dell’1’40” Scott Redding, fa lo stesso Espargaro ora alle prese con un determinatissimo Aegerter che spezza l’egemonia KALEX guadagnando la terza piazza riuscendo in 1’39″217 a far registrare il miglior riferimento cronometrico della contesa nel corso del 5° giro. La corsa prosegue con il poker di testa formato da Redding, Espargaro, Aegerter e Rabat che riesce a staccarsi dal quinto (Zarco) in giù, purtroppo tra loro non c’è Simone Corsi, a terra al tornantino “De Strubben” salutando anzitempo la compagnia nel corso del sesto giro.

Là davanti intanto si scatena la bagarre con Redding che attacca con decisione Espargaro alla “Madijk, questa manovra presenta ad Aegerter l’opportunità di portarsi davanti sebbene ben presto “Polyccio” rimette le cose in ordine riprendendosi la prima posizione. Questa bagare consente ad una vasta schiera di “outsider” di rifarsi sotto, ma al giro di boa della contesa tutto torna secondo le premesse iniziali: Espargaro e Redding viaggiano sotto l’1’39” e si staccano da Aegerter, Rabat, Zarco e Kallio ora a confronto per il gradino più basso del podio con Simeon e Di Meglio non distanti.

Si va verso il “rush finale” della contesa e Redding decide che è arrivato il momento giusto per attaccare: il sorpasso su Espargaro arriva a cinque giri dal termine, ma il vice-Campione del Mondo prepara la risposta. Prevedibilmente Pol aspetta l’ultimo giro: alla “Haarbocht” in fondo al rettilineo dei box con una decisa staccata è davanti, chiude tutte le porte e si assicura la seconda vittoria consecutiva davanti a Redding (2° e a +30 in campionato), completa il podio Dominique Aegerter che “beffa” nel finale Mika Kallio, Tito Rabat, Johann Zarco e Xavier Simeon mentre Mike Di Meglio vola a terra.

Moto2 World Championship 2013
TT Circuit Van Drenthe Assen, Classifica Gara

01- Pol Espargaro – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – 24 giri in 39’51.883
02- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 0.117
03- Dominique Aegerter – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 3.509
04- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 3.656
05- Tito Rabat – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 3.993
06- Johann Zarco – CAME Iodaracing Project – Suter MMX2 – + 4.073
07- Xavier Simeon – Desguaces La Torre Maptaq – KALEX Moto2 – + 9.095
08- Thomas Luthi – Interwetten Paddock Moto2 Racing – Suter MMX2 – + 12.271
09- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 13.745
10- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – + 16.288
11- Julian Simon – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 16.312
12- Randy Krummenacher – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 16.773
13- Louis Rossi – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 17.247
14- Marcel Schrotter – Desguaces La Torre SAG – KALEX Moto2 – + 17.980
15- Sanro Cortese – Dynavolt Intact GP – KALEX Moto2 – + 22.296
16- Alex De Angelis – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 25.825
17- Ricky Cardus – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 26.126
18- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 29.943
19- Mattia Pasini – NGM Mobile Racing – Speed Up SF13 – + 32.967
20- Danny Kent – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 33.066
21- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Gresini Moto2 – Suter MMX2 – + 33.108
22- Axel Pons – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 40.301
23- Steven Odendaal – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 45.433
24- Alberto Moncayo – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 48.616
25- Gino Rea – Gino Rea Race Team – FTR Moto M212 – + 48.913
26- Yuki Takahashi – IDEMITSU Honda Team Asia – Moriwaki MD600 – + 1’00.853
27- Doni Tata Pradita – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMX2 – + 1’25.946
28- Rafid Topan Sucipto – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – a 1 giro

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy