Rossi: “Siamo peggiorati, ho rischiato di cadere come Hayden”

Rossi: “Siamo peggiorati, ho rischiato di cadere come Hayden”

Si ritrova “braccato” dalle due ART CRT, undicesimo

Commenta per primo!

Una delle peggiori qualifiche di sempre della propria carriera. Non tanto per il risultato (11°), ma per Valentino Rossi questa definizione è motivata dal ritrovarsi stretto nella morsa delle due ART-Aprilia CRT di Randy De Puniet (10° e più veloce di 3/10) e Aleix Espargaro (distante 4 centesimi). Una qualifica ad Indianapolis da dimenticare, come raccontato dal diretto interessato.

Peccato perchè questa mattina è andata meglio“, spiega Valentino Rossi ai microfoni di Italia 1. “Nelle ultime libere siamo riusciti a fare dei giri buoni sia con la morbida che con la dura, non eravamo poi così lontano dai 4-5 piloti del secondo gruppo, eravamo persino ottimisti.

Purtroppo nelle qualifiche oggi pomeriggio non c’era grip, la moto scivolava troppo sia con la gomma morbida che con la dura. Speravo di partire un pò più avanti e di girare in 1’39”, ma in realtà ho girato più lento di questa mattina… Per domani niente, è difficile dire cosa possiamo aspettarci, cercheremo di apportare delle modifiche per trovare più grip.

Con temperature più basse non siamo lontani rispetto al secondo gruppo, ma in realtà questo pomeriggio loro si sono migliorati, noi siamo andati peggio.”

In merito alle condizioni della pista, Valentino Rossi non ha dubbi. “Indy non ha tanto grip rispetto a dove siamo abituati a correre: si scivola tanto, gli standard sono sicuramente più bassi. Qui per noi della MotoGP oltre a non avere tanto grip incontriamo un asfalto molto abrasivo: la Bridgestone ha portato gomme di mescola molto dura in termini di carcassa, penso sia dipeso da questo l’alto numero di high-side. Nel mio ultimo giro ho inoltre rischiato di cadere come è accaduto a Nicky (Hayden), mi è andata bene questa volta…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy