MotoGP: al via i primi test della stagione 2014 a Sepang

MotoGP: al via i primi test della stagione 2014 a Sepang

Tutto è pronto a Sepang per i primi test 2014

Commenta per primo!

A 47 giorni dalla prima gara della stagione 2014 in programma il 23 marzo prossimo a Losail, trascorsi 83 giorni dall’ultima giornata di test 2013 a Valencia, al Sepang International Circuit squadre e piloti della MotoGP sono pronti ad affrontare la prima, probante sessione di test invernali. Da martedì 4 a giovedì 6 febbraio sostanzialmente tutti gli attesi protagonisti della “top class” si ritroveranno in pista offrendo ad appassionati e addetti ai lavori diversi spunti da analizzare nelle prossime settimane, per una classe regina che presenta diverse tematiche d’interesse in una stagione all’insegna del rinnovamento. Marc Marquez punta al bis, ultima chance per Dani Pedrosa? Il più giovane vincitore e poleman di sempre, ma soprattutto a 20 anni e 266 giorni il più giovane Campione del Mondo nella storia della top class. Marc Marquez si presenterà a Sepang con il chiaro intento di riconfermarsi il #1 della MotoGP, proseguendo lo sviluppo della Honda RC213V Factory Spec. iniziato con largo anticipo nella passata stagione. Operato al setto nasale il 2 dicembre scorso per migliorare la respirazione, grande protagonista del “Superprestigio Dirt Track” sfidando il #1 della disciplina Steve Baker entusiasmando il pubblico di Barcellona, in Malesia il fenomeno di Cervera tornerà “back-to-business” cercando, ove possibile, di intaccare il sensazionale primato di 1’59″607 siglato nel 2012 dal suo predecessore in Repsol Honda, Casey Stoner. Più che al “tempone”, a MM93 spetterà il compito di affinare la nuova RC213V 2014 giudicata a Valencia lo scorso mese di novembre “Dal gran potenziale“, ma che necessita di kilometri per una valutazione più veritiera in previsione dell’inizio del campionato. Tanto lavoro in vista per Marquez, altrettanto per Dani Pedrosa, alla sua nona stagione consecutiva in MotoGP e da portacolori Repsol Honda, tuttora alla ricerca di quel titolo iridato che risulta esser un “tabù”: sarà la volta buona? Yamaha, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi al lavoro con la M1 2014 Cercherà di rifarsi dopo l’amaro epilogo della stagione 2013 Jorge Lorenzo, mostratosi già nei Test di Valencia velocissimo con la M1 2014. A questi livelli cercherà di attestarsi anche Valentino Rossi, supportato per la seconda occasione dal nuovo capo-tecnico Silvano Galbusera dopo un “esordio” a Cheste tutto sommato apprezzabile: 1’31″414 a 93 millesimi da Jorge Lorenzo, focalizzando il lavoro soprattutto nella “Gestione dei consumi” e di una maggior incisività in fase di staccata, uno dei suoi proverbiali punti di forza, ma non (per sua stessa ammissione) per tutto l’arco del 2013. Anno di cambiamenti in DucatiIl nuovo corso Ducati “Factory” o “Open”? In Ducati si studierà anche a Sepang il da farsi per la prima stagione del “nuovo corso” intrapreso da Luigi Dall’Igna, Direttore Generale Ducati Corse in carica dallo scorso mese di novembre, impegnato nel rilanciare le quotazioni di Borgo Panigale nella top class. Da qui al 28 febbraio prossimo, deadline per scegliere la categoria di appartenenza tra “Factory” e “Open”, in Ducati avranno l’opportunità di verificare tutte le possibili strade per la stagione 2014 con un dispiegamento di forze notevole: il neo-acquisto Cal Crutchlow accanto al ritrovato Andrea Dovizioso con il team ufficiale, Andrea Iannone e Yonny Hernandez (già iscritto nella classe “Open”) sotto le insegne del Pramac Racing più Michele Pirro, riconfermato collaudatore Ducati MotoGP, già sceso in pista nei giorni scorsi proprio a Sepang portando avanti il lavoro di sviluppo della Desmosedici GP14 effettuando prove comparative con la GP13. Factory Vs Open La grande novità del 2014, tuttora argomento di discussione tra le varie parti interessate. Accantonata dopo soltanto un biennio la classe “CRT”, da quest’anno in MotoGP vi sarà la suddivisione tra due differenti “status” dei prototipi 1000cc 4 tempi: “Factory” (massimo quattro piloti designati per i costruttori impegnati) e “Open”, categoria che dovrebbe rappresentare un primo “step” in vista di modifiche regolamentari più significative nel futuro breve-medio termine. La MotoGP “Open”, che già a partire da questa stagione potrà vantare la presenza di ben 13 tra i 24 piloti iscritti al campionato, presenta diverse concessioni non di poco conto rispetto ai prototipi “Factory”: 12 e non 5 motori per affrontare tutti e 19 gli eventi del calendario iridato, serbatoio da 24 litri a dispetto dei 20 delle moto dei piloti designati “Factory”. Le nuove MotoGP “Open” dovranno adottare la centralina unica (comprensiva di software) Magneti Marelli fornita dall’organizzazione, mentre le “Factory” saranno libere di sviluppare ed utilizzare il software sviluppato direttamente dalle case costruttrici. Due distinte classi per un confronto che inizierà a Sepang con tanti attesi protagonisti della “Open” in pista: l’ex iridato Nicky Hayden con la Honda RCV1000R del team Aspar, il vice-Campione del Mondo Scott Redding su Honda RCV1000R del team Gresini, ma anche le due FTR-Yamaha del Forward Racing condotte da Aleix Espargaro e Colin Edwards, senza scordarci delle FTR Kawasaki (con nuovo motore a valvole pneumatiche preparato da Akira Technologies) di Avintia Blusens con Hector Barbera e Mike Di Meglio. Mancherà all’appello il team Iodaracing Project (in pista con le ART 2014 affidate a Danilo Petrucci e Leon Camier soltanto per i test di Sepang-2), mentre il Paul Bird Motorsport diversificherà il lavoro tra Michael Laverty (con la ART 2013) e Broc Parkes (con la PBM motorizzata Aprilia RSV4). Suzuki presente a SepangGrande attesa per la Suzuki Inizia la stagione 2014, ma a Sepang ci sarà un “antipasto” del 2015. Accanto alle squadre e piloti titolari della MotoGP scenderà in pista il Suzuki MotoGP Test Team capitanato da Davide Brivio, impegnato nel lavoro di sviluppo del prototipo XRH-1 in vista dell’anno prossimo. Riconfermato in qualità di tester Randy De Puniet, Suzuki cercherà nei tre giorni di test malesi di verificare il livello di competitività della MotoGP sviluppata a Ryuyo secondo le specifiche “Factory” in previsione, chissà, di alcune apparizioni da wild card già nella seconda metà del 2014. Tre giorni di prove Alle 10:00 in punto (le 3:00 italiane) domani semaforo verde per l’inizio dei Test di “Sepang-1” con 8 ore di prove a disposizione per ogni giornata da qui a giovedì 6 febbraio. Conclusa questa prima tre-giorni di prove, le squadre e piloti della MotoGP torneranno nuovamente in pista al Sepang International Circuit dal 26 al 28 febbraio prossimi prima di trasferirsi a Losail per i test pre-gara dal 7 al 9 marzo ad anticipare il primo GP stagionale nel fine settimana del 23 marzo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy