MotoGP Octo Pramac Racing si presenta con Petrucci e Redding

MotoGP Octo Pramac Racing si presenta con Petrucci e Redding

A Napoli la Presentazione del team Octo Pramac Racing, al via della MotoGP 2017 con le Ducati affidate a Danilo Petrucci (GP17) e Scott Redding (GP16).

Il team Octo Pramac Racing è pronto per il 2017: nella splendida cornice del Castel dell’Ovo, a Napoli, la squadra italiana ha mostrato a tutti piloti e moto con cui disputerà una nuova stagione nel Motomondiale. Danilo Petrucci e Scott Redding hanno così tolto i veli alla Desmosedici, come grafica non troppo diversa rispetto alla scorsa stagione, con cui i due piloti sono pronti ad affrontare un impegnativo 2017.

Cerchiamo di fornire alla nostra squadra il materiale migliore e tutto il supporto possibile“, ha dichiarato Luigi Dall’Igna, top manager di Ducati Corse, “soprattutto grazie alla Desmosedici 2017 che sarà a disposizione di Danilo Petrucci. È la stessa moto usata dal team ufficiale, sarà un test anche per loro e potremo condividere tutti i dati. Nel corso dei test in Australia per la prima volta abbiamo sentito la mancanza delle ali sulla moto: abbiamo fatto più fatica e l’assetto non era dei più idonei, ma siamo riusciti a capire quali sono i limiti delle moto senza le ali e dobbiamo correre ai ripari. Non siamo soddisfatti, ma sono stati test importanti“.

Dobbiamo migliorare ogni anno, compiendo continuamente qualche passo avanti“, ha poi aggiunto Francesco Guidotti, Team Manager di Pramac Racing. “I test in Australia sono stati la dimostrazione che le nuove regole richiedono tempo, bisogna abituarsi. Per superare i costruttori giapponesi Ducati avrà bisogno di trovare alternative in campo ingegneristico, cosa che abbiamo già fatto in passato, ed abbiamo bisogno di ripeterci“.

La parola poi a Scott Redding: “L’anno scorso è stato più facile fin da subito, tutto è andato come ci aspettavamo. Ora invece stiamo lavorando molto per capire meglio la moto perché sono cambiate tante cose. Il feeling nel box è sempre molto familiare, ci troviamo molto bene assieme e non vedo l’ora che inizi la stagione. Gli obiettivi quest’anno cambiano, sono molti i team che hanno fatto passi avanti: credo che sia possibile mantenersi in top ten e, perché no, qualche volta magari anche tra i primi otto. La differenza ormai è minima, siamo tutti molto vicini, ma penso sia possibile trarre qualche vantaggio in condizioni difficili, per esempio con la pioggia“.

Danilo Petrucci per il terzo anno consecutivo pilota Ducati Pramac in MotoGP
Danilo Petrucci per il terzo anno consecutivo pilota Ducati Pramac in MotoGP

Chiude il giro di dichiarazioni Danilo Petrucci: “Da quando ho esordito in MotoGP l’obiettivo era quello di non arrivare ultimo, devo dire che questo team mi ha cambiato la vita. Ho una grande opportunità, con la moto più competitiva che abbia mai guidato, e voglio dare tutto quest’anno perché sarà un momento cruciale per la mia carriera“. Le prime differenze notate: “Io avevo la GP15, è stato un doppio passo avanti: abbiamo testato su due piste diverse ma per me il potenziale è già molto alto. Sono riuscito ad essere costantemente veloce, sono più stabile soprattutto in frenata e questo mi ha dato molta fiducia“. Per quanto riguarda il nuovo compagno di marca Lorenzo, “ha guidato per otto anni la Yamaha e ha contribuito molto allo sviluppo. Ha testato la Ducati per soli sei giorni ed è normale che non sia così veloce subito, ma i dubbi sulle sue capacità non ci sono“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy