MotoGP Casey Stoner diventa coach di Jorge Lorenzo (e non solo)

MotoGP Casey Stoner diventa coach di Jorge Lorenzo (e non solo)

Mistero risolto: nel 2017 l’asso australiano farà il “personal coach” di tutti i piloti Ducati in MotoGP, Jorge incluso.

Commenta per primo!

Cosa farà Casey Stoner nel 2017? Tormentone risolto: il primo e unico campione del Mondo con la Ducati sarà il  personal coach di tutti i piloti in rosso, incluso il neoacquisto Jorge Lorenzo.  

COACH – CS27 lavorerà al fianco di  Lorenzo, seguendolo  da bordo pista per tutta la stagione, un po’ come sta facendo Luca Cadalora con Valentino Rossi.  Ma Stoner non sarà esclusiva di Jorge, darà i suoi preziosi consigli anche a tutti gli altri i piloti Ducati, a cominciare da Dovizioso arrivando ai piloti Pramac e delle altre strutture satellite. Special tester e supervisore, un impegno a “tutta pista” per l’ex Canguro Mannaro,  un ruolo importante per portare la Rossa a due ruote ai vertici della MotoGP. Stoner è già pienamente operativo in questo ruolo. E’ stato infatti lui stesso a spingere la candidatura di Cristian Gabarrini come capotecnico di Jorge Lorenzo  convincendo sia Luigi Dall’Igna, direttore di Ducati Corse, che lo stesso Jorge.  Stoner ha proposto  il tecnico con il quale ha vinto il Mondiale nel 2007, un uomo che conosce il “metodo” Ducati, ovvero un sistema operativo diverso da ogni altra squadra della MotoGP.

GARANZIA – Gabarrini, marchigiano di Senigallia e una laurea in ingegneria meccanica conseguita all’università di Ancona,  adesso è in orbita Honda in qualità di capotecnico dell’arrembante Jack Miller, proprio il giovanissimo australiano che nel recente GP d’Olanda ha festeggiato la prima vittoria in MotoGP.  Calmo, sereno, sempre razionale, Cristian è l’uomo giusto per gestire al meglio le tensioni che potrebbero arrivare tra l’esuberante centauro spagnolo e i vertici Ducati se non arrivassero, in tempi brevi, le vittorie tanto desiderate e che hanno spinto la casa bolognese a ingaggiare il campione del Mondo in carica.  Una scelta perfetta, quella di Stoner. Da coach vincente. 

Caso alette: Luigi Dall’Igna infuriato coi giapponesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy