Moto3: Complicazioni fisiche per Nicolò Bulega, stagione finita?

Moto3: Complicazioni fisiche per Nicolò Bulega, stagione finita?

Nicolò Bulega ha accusato qualche complicazione alla lesione occorsagli prima del Gran Premio del Giappone. La sua stagione potrebbe essere al capolinea.

di Charlotte Guerdoux/paddock-gp.com

Il pilota italiano, assente negli ultimi due Gran Premi a causa di un infortunio, quasi sicuramente non sarà in grado di tornare in pista nel corso di questa stagione.

Nicolò Bulega è stato vittima di un incidente domestico quasi tre settimane fa e ha riportato una lesione ai tendini della mano destra. Operato tempestivamente, non è stato in grado di prendere parte alla cosiddetta tripletta asiatica, che comprende i Gran Premi di Giappone, Australia e Malesia.

Sfortunatamente per l’italiano, la lesione è peggiorata ed è probabile che la sua stagione sia finita, come annunciato dal team manager del team Sky Racing VR46, Pablo Nieto, stamattina al microfono di Eurosport: “Nicolò ha sofferto di complicazioni ai suoi tendini e dovrà essere operato di nuovo per risolvere questi problemi. Non possiamo ancora dirlo in modo definitivo, ma in vista del tempo di recupero che i medici si aspettano, non vedo come possa tornare per il Gran Premio di Valencia, in programma tra sole due settimane.”

Molto probabilmente quindi Bulega ha disputato la sua ultima gara in Moto3 in Thailandia. Dopo due stagioni complicate, era tornato a competere nelle zone alte della classifica e aveva concluso al settimo posto al Buriram. Avrebbe potuto finire in maniera positiva la sua carriera in Moto3, ma il destino ha deciso diversamente. A meno che non si tratti di un recupero miracoloso, lo ritroveremo già in Moto2 l’anno prossimo.

A questo punto il giovane Celestino Vietti Ramus continuerà a sostituirlo: è già in azione questo fine settimana in Malesia e, come detto, quasi sicuramente disputerà anche il Gran Premio di Valencia.

L’articolo originale su paddock-gp.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy