Marc Marquez stratega con la soft. “Lorenzo? Serve sangue freddo”

Marc Marquez stratega con la soft. “Lorenzo? Serve sangue freddo”

Marc Marquez vince ad Aragon grazie ad un’azzardata strategia gomme. Nel dopogara prime scintille con Jorge Lorenzo che pretende delle scuse: “Serve sangue freddo”.

di Luigi Ciamburro
Marc Marquez

A cinque gare dal termine Marc Marquez porta a 72 il gap in classifica da Andrea Dovizioso. La vittoria di Aragon ha messo il timbro di Cervera sul titolo mondiale di MotoGP, il settimo in carriera, dopo un week-end di velocità e strategia. Stavolta non bastava essere al limite per avere la meglio sulla Ducati, serviva quel tocco di follia materializzatosi nella scelta della gomma soft. L’aveva provata nel warm-up, ma in molti credevano che fosse un’opzione dovuta alle basse temperature e che il Cabroncito fosse al lavoro solo sul setting  (qui cronaca e classifica del GP)

LA GOMMA SOFT – Con temperature prossime ai 30°C nell’orario di gara, quando erano attesi almeno 5°C in più, la soft è calzata a pennello. Era l’unico modo per tenere il passo del Dovi e interrompere la scia positiva di vittorie Ducati che andava avanti dalla ripresa dopo la pausa estiva. Un trionfo importante non tanto per i cinque punti in più, quanto sotto l’aspetto psicologico. Ancora una volta Marc Marquez si rivela il “Napoleone” della MotoGP. “Sapevo di avere buone possibilità in Aragon, ma Dovi è stato molto veloce per tutto il weekend. Domenica mattina, quando mi sono alzato, ho detto sono pronto a rischiare. Quindi ho optato per la gomma posteriore morbida, che ha portato ad enormi discussioni nel team e con HRC – ha raccontato lo spagnolo -. Non avevo mai provato la gomma morbida a temperature calde nel pomeriggio, ma ho assicurato che avrei potuto farlo. Inoltre, quella era la mia unica possibilità di combattere Dovi. Con la gomma posteriore dura mi sentivo bene durante il weekend ma non benissimo. Non era buono per il mio stile di guida, specialmente all’entrata di curva“.

PRIME SCINTILLE CON LORENZO – Alla partenza del GP di Aragon Jorge Lorenzo è stato protagonista di un high-side che gli ha causato la lussazione dell’alluce e una microfrattura del secondo dito del piede destro. Il maiorchino ha accusato Marc Marquez di essere responsabile della sua caduta. “Il sorpasso di Marc mi ha impedito di entrare in curva, sono dovuto andare lungo, largo sullo sporco. Per evitare che mi passassero quattro o cinque piloti, ho dovuto aprire il gas con la moto inclinata sullo sporco“. Prima di queste dichiarazioni il leader del Mondiale aveva dato la sua versione dei fatti: “E’ chiaro che sono partito sul lato sporco della pista e che ho bloccato l’anteriore. E’ allora che ho visto Jorge all’esterno. Per evitare di avere contatti, ho lasciato i freni per andare sullo sporco. Non ci siamo toccati, io sono andato all’interno e lui all’esterno. Sono incidenti di gara: quando si va sullo sporco, con l’adrenalina della partenza, bisogna avere il sangue freddo e non aprire tutto il gas“. Ma Lorenzo pretende delle scuse. La convivenza nel box Honda si preannuncia infuocata.

MXGP Imola Superfinale: Tutte le info sui biglietti 29-30 settembre

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy