Superbike: Sylvain Guintoli “Una stagione per imparare”

Superbike: Sylvain Guintoli “Una stagione per imparare”

All’esordio nel WSBK si trova bene con il Team Alstare

di Redazione Corsedimoto

Protagonista assoluto a Phillip Island, Sylvain Guintoli si è successivamente un pò “perso” in questa sua prima stagione nel World Superbike. Brutte prestazioni in Superpole gli hanno condizionato il rendimento il gara, costretto a partire indietro in un campionato così combattuto. Per sua fortuna, insieme al Team Suzuki Alstare, sembra aver trovato una soluzione nelle ultime gare tornando protagonista della Superbike come ha confermato nel proprio “Blog” sul sito ufficiale Suzuki Racing.

La stagione è iniziata molto bene a Phillip Island e poi in seguito ci sono stati dei weekend positivi, ma non sempre è stato così facile metter tutto insieme e a punto, probabilmente perchè ho dovuto imparare tanti nuovi circuiti quest’anno. Per me questa stagione è stata un lungo processo di apprendimento dove ho dovuto imparare molto. In più dopo l’infortunio dello scorso anno avevo bisogno di ricostruire la mia fiducia in sella e non è di certo facile farlo in uno dei campionati più competitivi del pianeta, dove a volte ci si giocano le posizioni in griglia per pochi centesimi di secondo.

Se non altro nelle ultime tre gare si sono visti segnali di progresso e sta tornando la mia fiducia. Il team mi ha aiutato tantissimo in questa stagione, il rapporto è fantastico e migliora giorno dopo giorno. Sicuramente mi aiuta il fatto che in molti all’interno del mio box parlino francese, è più facile nel briefing dopo le prove. E’ la prima volta che mi succede dal 2007, anche se sono abituato a parlare in inglese.

Ho un rapporto molto buono anche con il mio boss, Francis Batta, lui è di madrelingua francese è questo rende la comunicazione molto facile. Mi ha dato sempre buoni consigli ed è anche merito suo se sono riuscito a progredire molto nelle ultime gare“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy