Superbike: novità su Lascorz, l’ultimo comunicato ufficiale

Superbike: novità su Lascorz, l’ultimo comunicato ufficiale

Sensibilità agli arti superiori, ricorda l’incidente

Commenta per primo!

Provec Racing, formazione ufficiale Kawasaki del World Superbike, ha rilasciato un nuovo comunicato in merito alle condizioni di Joan Lascorz, sfortunato protagonista di un drammatico incidente nei test post-gara all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola lo scorso 2 aprile. In quest’ultimo “bollettino” è stato confermato che “Jumbo” ha ripreso sensibilità agli arti superiori (braccia, mani), ma non a quelli inferiori (gambe) e alla zona addominale.

Lascorz lunedì 14 maggio sarà trasferito dall’Ospedale Vall d’Hebron all’Istituto Guttmann di Barcellona, dove il giovane pilota catalano potrà proseguire il programma di recupero a quasi 2 mesi dall’incidente di Imola. A questo proposito, Lascorz ricorda appieno l’accaduto, ma soltanto in un secondo momento il Provec Racing racconterà così successo lo scorso lunedì 2 maggio al Santerno.

Di seguito il nuovo comunicato (tradotto in italiani) di Provec Racing, ricordiamo che Joan Lascorz è stato sostituito al Kawasaki Racing Team dapprima da Sergio Gadea (a Monza) e, da questo week-end, dal giovane Loris Baz, protagonista della Superstock 1000 FIM Cup.

Joan Lascorz sta proseguendo il programma di recupero presso l’unità per il trattamento delle lesioni spinali dell’Ospedale Universitario Vall d’Hebron di Barcellona e, lunedì 14 maggio, sarà trasferito presso l’Istituto Guttmann.

Dall’ultimo comunicato rilasciato lo scorso 27 aprile, Joan ha ripreso pienamenta la capacità respiratoria, superando eventuali complicazioni post-traumatiche. Nell’ultima settimana lo staff medico dell’Ospedale Vall d’Hebron ha potuto rimuovere la cannula tracheostomica, grazie ai progressi mostrati del sistema respiratorio.

In questo momento Joan è cosciente, parla e ricorda tutto dell’incidente di Imola, che a tempo debito sarà analizzato e spiegato pubblicamente. Joan ha sensibilità nelle braccia e mani, ma non alle gambe e alla zona addominale. Una volta trasferito presso l’Istituto Guttmann, sarà possibile per i medici programmare il piano di recupero e valutare appieno le lesioni del midollo spinale.

Con questo comunicato cogliamo l’occasione per ringraziare tutti i medici che hanno seguito Joan in quest’ultimo periodo, così come i piloti che hanno voluto mostrare il loro supporto nelle ultime settimane: da Sykes ad Haslam, così come piloti della MotoGP come Lorenzo, Espargaro, Marquez. E’ stato emozionante vedere proprio Espargaro e Marquez confrontarsi per la vittoria a Estoril (in Moto2, ndr) con l’adesivo “Animo Joan!” nel cupolino”

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy