Superbike Miller Gara 2: Spies ottiene un’indiscussa doppietta

Superbike Miller Gara 2: Spies ottiene un’indiscussa doppietta

Lo statunitense riduce il gap in classifica su Haga

Commenta per primo!

Ben Spies vince anche Gara 2 al Miller Motorsports Park e riapre il mondiale: 53 sono i punti che separano ora il giapponese Noriyuki Haga, leader del mondiale e ottavo in questa seconda manche. L’americano al via scatta in modo fulmineo, staccando per primo e cominciando un forcing quasi irresistibile che lo ha portato a tagliare in traguardo in solitaria e mettere il sigillo indelebile sul round di casa. L’unico in grado di reggere il passo di “Texas Terror” (così recitava la scritta sul suo casco) è stato l’italiano Michel Fabrizio con la Ducati 1198 F09 ufficiale. Il pilota di Frascati ha mantenuto un gap di un secondo e mezzo per quasi tutta la gara, tirando i remi in barca nel finale seppur mantenendo la seconda posizione. Il centauro Ducati ufficiale sale così a 201 punti in classifica, a 64 punti dal compagno di squadra.

Terzo classificato è Jonathan Rea, capace di mantenere la posizione per due terzi della gara, resistendo agli attacchi di Max Biaggi prima e Leon Haslam nella seconda metà di gara (quest’ultimo autore di una caduta proprio all’ultimo giro, nel tentativo disperato di sopravanzare Rea). Il nord irlandese del team Ten Kate, dopo il podio ottenuto a Kyalami, sta dimostrando di essere il pilota del futuro per la squadra olandese, ottenendo grazie alla performance odierna il quarto posto in classifica generale, a distanza comunque abissale dai primi.

Quinto al traguardo è Ryuichi Kiyonari con l’altra Honda del team Ten Kate, che precede un Max Biaggi sempre veloce sul rettilineo ma sofferente quanto a chattering con la sua Aprilia RSV4. Dietro a lui si piazza il ceco Jakub Smrz del team Guandalini, che precede l’altra Aprilia di Shinya Nakano e l’altro giapponese Noriyuki Haga, con la seconda Ducati ufficiale, in grande difficoltà in questo weekend statunitense.

Chiudono la top 10 il duo inglese composto da Tom Sykes con la Yamaha ufficiale e Shane Byrne su Ducati preparata dal team Sterilgarda, autore di una buona prima parte di gara. Da segnalare l’uscita di Luca Scassa, toccato da dietro dal compagno di marca Jamie Hacking durante il quarto giro e rimasto dolorante a bordo pista. Il tutto è avvenuto poco dopo l’uscita di pista dello spagnolo Carlos Checa.

HANNspree Superbike World Championship 2009
Salt Lake City, Classifica Gara 2

01- Ben Spies – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – 21 giri in
02- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F09 – + 9.080
03- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 14.357
04- Max Biaggi – Aprilia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 14.636
05- Ryuichi Kiyonari – Ten Kate Honda Racing – Honda CBR 1000RR – + 17.156
06- Jakub Smrz – Guandalini Racing – Ducati 1198 RS – + 17.546
07- Shinya Nakano – Aprilia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 19.659
08- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F09 – + 23.455
09- Tom Sykes – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 30.489
10- Shane Byrne – Team Sterilgarda – Ducati 1198 RS – + 31.775
11- Broc Parkes – Kawasaki World Superbike Racing Team – + 33.246
12- Yukio Kagayama – Suzuki Alstare BRUX – Suzuki GSX-R 1000 K9 – + 36.758
13- Fonsi Nieto – Suzuki Alstare BRUX – Suzuki GSX-R 1000 K9 – + 36.887
14- Lorenzo Lanzi – DFX Corse – Ducati 1198 RS – + 37.290
15- Jake Zemke – Stiggy Racing Honda – Honda CBR 1000RR – + 42.639
16- Ruben Xaus – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 42.777
17- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 45.596
18- David Salom – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 1’09.237
19- Jamie Hacking – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 1’26.703

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy