Superbike: Michel Fabrizio “Sappiamo dove lavorare”

Superbike: Michel Fabrizio “Sappiamo dove lavorare”

Due cadute a Portimao, ma test positivi per il romano

Commenta per primo!

Nell’unica, effettiva, sessione di prove a Portimao, Michel Fabrizio ha portato la Suzuki GSX-R 1000 del team Alstare a ridosso della prima posizione. Sono mancati soltanto 3 decimi per spiccare il miglior tempo, ma è mancata soprattutto la possibilità di girare a lungo nel corso delle prove in Algarve, complice un meteo ballerino con asfalto bagnato e temperature molto basse. Il pilota romano è stato inoltre protagonista di due scivolate senza conseguenze, tanto che il bilancio per il Team Suzuki Alstare resta positivo.

Complessivamente sono soddisfatto di come sono andati i test, anche se sono dispiaciuto per la pioggia che ha rovinato l’esito di queste prove“, spiega Michel Fabrizio. “Questa dovrebbe essere la regione più soleggiata d’Europa, ma in realtà ha piovuto per quasi tutto il tempo: con queste condizioni è molto difficile lavorare, ma insieme al team siamo comunque riusciti a svolgere un ottimo lavoro.

In classifica sono settimo, ma in realtà pago 3 decimi dal più veloce e questo è molto positivo, specie dopo le due cadute: sono stati due high-side, ma per fortuna non mi sono fatto male, mi dispiace soltanto che i miei meccanici hanno dovuto fare gli straordinari…

Parlando della moto, il propulsore va bene, ci siamo concentrati sul set-up e settaggi delle sospensioni perchè devo ancora imparare dalla moto dopo anni su di una bicilindrica. La Suzuki va bene in curva, è molto agile, ma fatichiamo in uscita. Prima di Phillip Island abbiamo due giornate di prove molto importanti dove speriamo di incontrare il bel tempo.

E’ stato un peccato non riuscire qui a girare abbastanza, ma alle volte va così. Pensando che da novembre non scendevo in pista posso ritenermi soddisfatto, sono fiducioso in vista di Phillip Island, un circuito che mi piace moltissimo“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy