Superbike: a Portimao Biaggi, Melandri e Sykes all’attacco

Superbike: a Portimao Biaggi, Melandri e Sykes all’attacco

Penultimo round con il pensiero al titolo mondiale

Commenta per primo!

Il miglior finale possibile per celebrare il 25esimo anniversario del Mondiale Superbike: cinque piloti tuttora aritmeticamente in corsa per la conquista del titolo iridato in rappresentanza di cinque differenti case costruttrici, una “doppia” finale imperdibile a cominciare da questo fine settimana con il penultimo round 2012 in agenda all’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão. Con questa premessa si tornerà in pista per il quinto anno consecutivo sul celebre tracciato lusitano, pronti ad assistere all’ennesimo confronto al vertice con realisticamente tre pretendenti al mondiale di categoria racchiusi in 26.5 punti, in rigoroso ordine di classifica Max Biaggi (Aprilia), Marco Melandri (BMW) e Tom Sykes (Kawasaki), con buona pace del Campione del Mondo in carica Carlos Checa (Ducati Althea) e Jonathan Rea (Honda Ten Kate), distanti rispettivamente 70.5 e 92.5 lunghezze dalla vetta. Con vivo il ricordo delle due gare andate in archivio al Nurburgring contraddistinte da una serie infinita di colpi di scena, Max Biaggi, nonostante il mezzo-passo falso di Gara 2, si è riportato al comando della graduatoria passando da -18.5 a +9.5 punti nei confronti di Marco Melandri, a terra nelle due manche all’Eifel, ora costretto a ricominciare daccapo la missione-mondiale. Sulla carta è questo confronto tutto italiano la principale tematica d’interesse del week-end in Algarve, con i nostri due portabandiera già in trionfo a Portimao nel recente passato (doppietta del “Corsaro” nel 2010, vittoria in Gara 2 lo scorso anno su Yamaha per il ravennate), ma costretti a guardarsi bene da un Tom Sykes “terzo incomodo” della sfida al vertice, pur sempre con “una gara” (26.5 punti) da recuperare. L’imprevedibilità della 25esima stagione del WSB non lascia spazio a pronostici della vigilia, con la consapevolezza che per i tre candidati al titolo ogni gara rappresenta una vera e propria “finale”: vietato sbagliare, impossibile lasciar nulla di intentato nemmeno per Aprilia, BMW e Kawasaki, a lavoro a pieno regime per raggiungere il traguardo finale. Saranno due gare imperdibili a Portimao in programma alle 13:00 e 16:30 italiane (rispetto al Portogallo bisogna tener conto di un’ora di fuso orario), con una serie di potenziali, credibili e, perchè no, decisivi “arbitri” di questo confronto mondiale. Si inizia in questa lunga lista da Carlos Checa, certo di proseguire con Ducati Althea anche per la prossima stagione (con la nuova 1199 Panigale), allo stesso tempo determinato a chiuder al meglio un lustro di successi della 1098/1198. Punta a tornare alla vittoria anche Jonathan Rea, reduce da un buon (e promettente) esordio in MotoGP a Misano da sostituto dell’infortunato Casey Stoner in Repsol Honda (8° sul traguardo, ma a 43″ dal vincitore: meglio in prova), di nuovo in sella alla Fireblade preparata da Ten Kate cercando di ritrovare la retta via dopo una serie di eventi sfortunati dell’ultimo periodo. Punta invece a proseguire la sequenza di risultati utili consecutivi Chaz Davies, neo-pilota BMW per il 2013, in trionfo al Nurburgring con la Aprilia RSV4 del team ParkinGO scavalcando nella graduatoria di miglior “Rookie” il nostro Davide Giugliano. Oltre al pilota gallese, gli altri piloti d’Oltremanica sono attesi protagonisti a Portimao e, come nel caso di Eugene Laverty (Aprilia) e Leon Haslam (BMW), potenziali alleati dei rispettivi compagni di squadra e capitani nella corsa al mondiale. Da rivedere in Algarve anche Leon Camier, tra gli assoluti protagonisti in Germania con una Suzuki in… Crescent come evidenziato dal podio di Gara 2 ed un incredibile “passo” in una prima manche tutta in rimonta. Oltre ai duellanti al titolo Biaggi e Melandri, a Portimao ci sarà spazio per i nostri Lorenzo Zanetti (Ducati PATA), la coppia di BMW Motorrad Italia Ayrton Badovini e Michel Fabrizio, Lorenzo Lanzi (1 punto all’esordio con il Team Effenbert-Liberty Racing), ma non per Niccolò Canepa, fuori dai giochi in quest’ultimo scorcio di campionato per la frattura alla gamba destra rimediata al ‘Ring, sostituito al team Red Devils Roma dal bi-Campione CIV Superbike in carica Matteo Baiocco. Un protagonista in più per il week-end di Portimao del Mondiale Superbike, la “finale d’andata” per il titolo al culmine di una stagione emblema della spettacolarità di un quarto di secolo di storia della categoria. eni FIM Superbike World Championship 2012 La Classifica di Campionato 01- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 318.5 02- Marco Melandri – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – 308.5 03- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 291.5 04- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – 247.5 05- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – 225.5 06- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 213.5 07- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – 189 08- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory – 156.5 09- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198 – 143.5 10- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198 – 125 11- Michel Fabrizio – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – 119.5 12- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 104.5 13- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – 99 14- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 98 15- Jakub Smrz – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – 92.5 16- Maxime Berger – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – 74 17- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198 – 61 18- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – 51.5 19- Niccolò Canepa – Red Devils Roma – Ducati 1198 – 42.5 20- John Hopkins – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 35 21- David Salom – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – 19 22- Joan Lascorz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 17 23- Leandro Mercado – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – 9 24- Peter Hickman – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 7 25- Matteo Baiocco – Barni Racing Team – Ducati 1198 – 7 26- Bryan Staring – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – 6 27- Alex Polita – Red Devils Roma – Ducati 1198 – 4 28- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – 4 29- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR – 3 30- Mark Aitchison – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR – 3 31- Lorenzo Lanzi – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – 1 32- Brett McCormick – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – 1 33- Joshua Brookes – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy