Superstock 1000 Imola Gara: vince Barrier, cade La Marra

Superstock 1000 Imola Gara: vince Barrier, cade La Marra

Canepa è secondo ora a -12 in campionato

di Redazione Corsedimoto

Un colpo di scena con inevitabili ripercussioni nella corsa al titolo della FIM Cup. All’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” di Imola il Campione in carica Sylvain Barrier fa sua la terza affermazione stagionale dopo Aragon e Portimao mentre Eddi La Marra, presentatosi al Santerno con più soltanto 1 punticino da recuperare, incappa in una scivolata nel corso del 9° giro alle “Acque Minerali” rimediando un pesante “zero” ai fini campionato. Legittimo e comprensibile il disappunto del portacolori Ducati Barni Racing Team, ora costretto a recuperare ben 26 punti di svantaggio in una FIM Cup che vede la riconferma al vertice di Barrier, con la BMW HP4 Feel Racing schierata sotto le insegne del BMW Motorrad GoldBet STK Team giunto all’ottava affermazione in carriera nella Superstock 1000 internazionale, ora secondo nella graduatoria “All Times” ad ex-aequo con Claudio Corti e Xavier Simeon, preceduto soltanto da Ayrton Badovini fermo a quota 11 successi.

Il pupillo di James Toseland marca così una vittoria preziosissima per l’obiettivo finale ritrovandosi prima della prolungata sosta estiva (si tornerà in pista soltanto ad inizio agosto a Silverstone con ben due manche in programma) con ben 12 lunghezze di vantaggio rispetto al suo più diretto inseguitore Niccolò Canepa, secondo sul traguardo con l’altra Ducati 1199 Panigale R del Barni Racing Team distanziando un sorprende Ondrej Jezek, terzo con un’altra Panigale portata in pista dal SK Energy Racing Team. Podio per certi versi inedito in un round ad Imola che non ha regalato grandi soddisfazioni ai piloti Kawasaki: la miglior Ninja ZX-10R sul traguardo è la numero 32 del Team Pedercini condotta da Lorenzo Savadori, quarto distanziando il proprio compagno di squadra Leandro Mercado (5°), Jeremy Guarnoni (6° e ora a -25 da Barrier nella generale) e Fabio Massei, settimo al ritorno con la Honda Fireblade del Ten Kate Junior Team.

Nella top-10 c’è spazio anche per i nostri Alessandro Andreozzi (Kawasaki Pedercini, 8°) e Marco Bussolotti (BMW Rider Promotion by Team Trasimeno, 9°), primi punti in questa sua nuova esperienza tra le STK1000 per Simone Grotzkyj Giorgi, buon 12° con una delle cinque Kawasaki schierate dal Team Pedercini. Un punticino invece per Massimo Parziani, passato da Aprilia a BMW transitando sul traguardo in quindicesima posizione, 20esimo e penalizzato con un “ride through” per partenza anticipata Alberto Butti. Con Barrier leader e Canepa primo inseguitore a -12, si tornerà in pista nel weekend del 2-4 agosto prossimi a Silverstone per un “doppio round” con due gare in programma nella stessa giornata di domenica.

Cronaca di Gara

Allo spegnimento del semaforo dalla pole scatta benissimo Barrier, ma alla staccata del “Tamburello” le Panigale di La Marra e Canepa conquistando la leadership seguiti da Jezek, Savadori, Mercado e Guarnoni, mentre vola a terra a seguito di un contatto con un altro pilota Santiago Barragan, da questo weekend schierato dal Team GoEleven. La corsa prosegue con Barrier che prevedibilmente alla variante “Villeneuve” si riprende quantomeno il secondo posto a scapito di Canepa, anche se è La Marra a chiudere il primo giro in testa con il terzetto di testa racchiuso in pochi decimi e Jezek che in queste prime fasi di gara sembra riuscire a tenere il passo. Non ci sono stravolgimenti di classifica degni di nota, Barrier continua a “pressare” La Marra con Canepa che tiene la scia, alle loro spalle Jezek è quarto in solitaria a precedere un trio Kawasaki formato da Savadori, Guarnoni e Mercado con Bergman ottavo a precedere Massei, da questa gara tornato al Ten Kate Junior Team.

Mentre ad Alberto Butti, Matthieu Lussiana e Remo Castellarin viene comminato un “ride through” per partenza anticipata, nel corso del quarto giro alla “Tosa” Barrier si fionda all’interno di La Marra, ma questi risponde in uscita riprendendosi il comando delle operazioni. Il sorpasso al Campione in carica riesce alla staccata della “Variante Alta” con la BMW HP4 #1 che detta ora il passo e punta alla fuga. Un proposito impossibile per il portacolori BMW Motorrad GoldBet, le Panigale R di La Marra e Canepa viaggiano sugli stessi tempi, non Bergamn e Castellarin, volati a terra, quest’ultimo per un contatto con Ponsson alla “Variante Bassa”.

Raggiunto e superato il giro di boa della contesa Barrier, La Marra e Canepa hanno ormai staccato Jezek, quarto e pressato da un Savadori in rimonta, a oltre 6″ ci sono invece Mercado e Guarnoni in bagarre tra loro per la sesta piazza. A 4 giri dall’esposizione della bandiera a scacchi Eddi La Marra in 1’50″284 realizza il nuovo primato sul giro in gara proprio nella fase decisiva della corsa, prepara così l’attacco a Barrier, ma suo malgrado al 9° giro incappa in una caduta alle “Acque Minerali”. Pesante zero ai fini campionato per il leader del CIV Superbike, vince così indisturbato Sylvain Barrier a precedere le Ducati Panigale di Niccolò Canepa e Ondrej Jezek, quarto Lorenzo Savadori a precedere Mercado, Guarnoni, Massei, Andreozzi, Bussolotti e Gildenhuys a completare la top-10.

Superstock 1000 FIM Cup 2013
Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” Imola, Classifica Gara

01- Sylvain Barrier – BMW Motorrad GoldBet STK Team – BMW S1000RR HP4 – 12 giri in 22’11.090
02- Niccolò Canepa – Barni Racing Team Ducati 1199 Panigale R – + 2.719
03- Ondrej Jezek – SK Energy Fany Gastro – Ducati 1199 Panigale R – + 13.869
04- Lorenzo Savadori – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 17.103
05- Leandro Mercado – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 19.679
06- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 21.951
07- Fabio Massei – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 1000RR – + 23.037
08- Alessandro Andreozzi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 23.220
09- Marco Bussolotti – Rider Promotion by Team Trasimeno – BMW S1000RR – + 23.539
10- Greg Gildenhuys – BMW Motorrad GoldBet STK Team – BMW S1000RR HP4 – + 31.330
11- Christophe Ponsson – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 36.363
12- Simone Grotzkyj Giorgi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 37.015
13- Romain Lanusse – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 41.953
14- Randy Pagaud – Team OGP – Kawasaki ZX-10R – + 42.070
15- Massimo Parziani – P.M.L. Racing Team – BMW S1000RR HP4 – + 42.282
16- Sebastien Suchet – Team BSR – Honda CBR 1000RR – + 52.013
17- Marc Moser – Triple M by Ducati Frankfurt – Ducati 1199 Panigale R – + 1’00.171
18- Jaroslav Cerny – SK Energy Fany Gastro – Kawasaki ZX-10R – + 1’12.080
19- Jonathan Crea – Team OGP – Kawasaki ZX-10R – + 1’12.386
20- Alberto Butti – Team GoEleven – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy