Supersport Silverstone Prove Libere 2: Gino Rea sorprende

Supersport Silverstone Prove Libere 2: Gino Rea sorprende

Suo il miglior tempo su tracciato umido, secondo Laverty

Commenta per primo!

Il secondo turno di libere Supersport sul circuito di Silverstone ha visto il prevalere dell’inglese Gino Rea, pilota Honda Intermoto, il quale ha fatto segnare un best crono di 2’20.948. Il giovanissimo londinese ha sfruttato al meglio le condizioni di asfalto umido che hanno caratterizzato gli ultimi minuti di sessione, nel quale si è vista una grande bagarre in pista nel tentativo di sfruttare appieno l’asfalto che andava via via asciugandosi.

“Speedy-G” ha dimostrato di essere molto competitivo su ogni condizione di asfalto sin d’ora, grazie al nuovo telaio messogli a disposizione dalla squadra della Repubblica Ceca. Dietro al pilota anglosassone si è classificato Eugene Laverty (Parkalgar Honda), pilota più veloce della giornata di ieri, che precede il turco Kenan Sofuoglu (Honda Ten Kate) e il giapponese Katsuaki Fujiwara in sella alla Kawasaki preparata dal team Provec Motocard.com

Molto veloci su pista bagnata i due fratelli Lowes, Alex (Yamaha Setor Interceptor) e Sam (Honda GNS), rispettivamente quinto e settimo a fine turno, con in mezzo il francese Matthieu Lagrive e la sua Triumph Daytona 675 (ParkinGO BE-1). I due gemelli, ex conoscenze del circus SBK, hanno dimostrato di essere molto a loro agio in condizioni di pista non certo ottimali, una variabile che potrebbe giocare a loro favore in vista di domani.

Ottavo il sostituto di Michele Pirro nella squadra Honda Ten Kate, ovvero il sudafricano Ronan Quarmby, che precede il buon Alexander Lundh (Honda Cresto Guide Racing Team) e il nostro Massimo Roccoli, finalmente in recupero dopo un venerdì speso a metà classifica. Da segnalare la sfortunata caduta a fine turno proprio per Quarmby, il quale è stato trasportato al centro medico del circuito.

Supersport World Championship 2010
Silverstone, Classifica Prove Libere 2

01- Gino Rea – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – 2’20.948
02- Eugene Laverty – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 1.043
03- Kenan Sofuoglu – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – + 1.777
04- Katsuaki Fujiwara – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 1.985
05- Alex Lowes – Seton Interceptor – Yamaha YZF R6 – + 2.072
06- Matthieu Lagrive – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 2.332
07- Sam Lowes – GNS Racing – Honda CBR 600RR – + 2.533
08- Ronan Quarmby – HANNspree Ten Kate – Honda Honda CBR 600RR – + 3.052
09- Alexander Lundh – Cresto Guide Racing Team – Honda CBR 600RR – + 3.753
10- Massimo Roccoli – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – + 3.883
11- Robbin Harms – Harms Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 4.708
12- Billy McConnell – CAME Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 4.957
13- Christian Iddon – Parkalgar Honda – Honda CBR600RR – + 5.137
14- Roberto Tamburini – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 7.051
15- Imre Toth – Team Toth – Honda CBR 600RR – + 7.615
16- Bastien Chesaux – Harms Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 8.308
17- Mark Aitchison – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 9.963
18- Joan Lascorz – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 10.813
19- Fabien Foret – Team Lorenzini by Leoni – Kawasaki ZX-6R – + 10.941
20- Chaz Davies – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 10.975
21- Danilo Dell’Omo – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 13.218
22- David Salom – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 14.508
23- James Westmoreland – CAME Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 15.252
24- Max Hunt – Race Lab Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 15.262
25- Jenny Tinmouth – Sorrymate.com Racing – Honda CBR 600RR – + 16.169

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy