8h Suzuka: Yamaha leader nei primi Test ufficiali, convince Aegerter

8h Suzuka: Yamaha leader nei primi Test ufficiali, convince Aegerter

Nakasuga 1° con la nuova R1

Commenta per primo!

Aspettando il weekend di gara del 23-26 luglio prossimi, a Suzuka è già iniziata la marcia di avvicinamento alla trentottesima edizione della “Suzuka 8 Hours“, la celebre 8 ore dal 1978 a tutti gli effetti la competizione motociclistica più prestigiosa della Terra del Sol Levante. Nelle giornate di mercoledì 3 e giovedì 4 giugno sul tracciato dell’ottovolante si sono disputati i primi Test ufficiali pre-evento annoverando la presenza di 59 squadre, ma con il (preannunciato) forfait dei piloti “europei” che prenderanno parte soltanto alle successive prove di inizio luglio. Bisognerà pertanto attendere ancora un mese per vedere in azione il due volte Campione del Mondo MotoGP Casey Stoner (al via con HARC-PRO Honda insieme a Takumi Takahashi e Michael van der Mark, vittoriosi nel precedente biennio), Pol Espargaro e Bradley Smith (schierati ufficialmente dal Yamaha Factory Racing Team) così come l’iridato Moto2 2010 Toni Elias (iscritto con la Honda #104 del TOHO Racing with Moriwaki), ma nella prima due-giorni di test non sono certamente mancate le tematiche d’interesse. Archiviato un “Day 1” tormentato dalla pioggia tanto da lasciare soltanto una breve finestra di pista asciutta nel pomeriggio, la seconda e conclusiva giornata di attività ha sincerato un acceso confronto al vertice con un primo vantaggio Yamaha. Al rientro in forma ufficiale a distanza di 7 anni dall’ultima partecipazione “Factory” del 2008, la casa dei Tre Diapason ha comandato la graduatoria dei tempi grazie al tester MotoGP, attuale capoclassifica e cinque volte Campione All Japan Superbike (sempre con Yamaha nel 2008, 2009, 2012, 2013 e 2014) Katsuyuki Nakasuga. In sella ad una versione “laboratorio” della Yamaha YZF-R1 2015 con la quale correranno anche Pol Espargaro e Bradley Smith (in “prestito” dal team Tech 3 MotoGP), il pluri-decorato pilota nipponico è stato il più veloce tanto nella prima quanto nella seconda giornata di prove: 2’07″774 mercoledì, 2’07″013 giovedì, non distante dalla pole record 2014 di Takuya Tsuda (Yoshimura Suzuki) di 2’06″703 e già in linea con il crono di 2’07″094 conseguito lo scorso anno con la “vecchia” R1 schierata da YART. Dominique Aegerter con FCC TSR Honda Nakasuga ha così avvicinato il target del 2’06” effettuando diverse prove di distanza nei due turni previsti del “Gruppo B“, aspettando di trovar conferme nei prossimi test del mese di luglio dove sarà affiancato da Pol Espargaro e Bradley Smith. A caccia di una vittoria che manca ormai dal lontano 1996 (all’epoca con il “dream team” formato da Colin Edwards e Noriyuki Haga, successivamente insieme anche nell’edizione 2006), la casa di Iwata guarda con fiducia al prosieguo di questa avventura pur con la consapevolezza che in questi “Official Test” è mancato il confronto diretto con l’equipaggio di punta Honda gestito da HARC-PRO (con Stoner, Takahashi e van der Mark), tenendo tuttavia testa alla formazione in trionfo nel 2006, 2011 e 2012 di F.C.C. TSR Honda. Rispetto al recente passato Technical Sports Racing ha deciso di sposare la “linea verde” puntando su giovani piloti come il talentuoso australiano Josh Hook (rivelazione quest’anno all’esordio nell’All Japan Superbike, già Campione nazionale Supersport e 125 GP con trascorsi nella Red Bull MotoGP Rookies) affiancandogli un volto noto del motociclismo europeo quale Dominique Aegerter, sul podio domenica scorsa in Moto2 al Mugello, al suo secondo gettone di presenza a Suzuka dopo il terzo posto del 2014 al debutto con la Suzuki GSX-R 1000 del Team Kagayama. Il giovane pilota svizzero si è presentato a tempo di record a Suzuka per provare per la prima volta la Honda CBR 1000RR #778 (e gli pneumatici Bridgestone: nel 2014 ha corso con Dunlop) ed ha subito impressionato per il proprio potenziale velocistico staccando un rimarchevole 2’07″966, secondo crono assoluto dei Test e preceduto dal solo Nakasuga. Aegerter, che farà squadra con il già menzionato Josh Hook e Kyle Smith (pilota Pata Honda nel Mondiale Supersport), ha così preceduto il poleman dell’edizione 2014 Takuya Tsuda (2’08″019 e l’unico pilota Yoshimura Suzuki presente ai Test) e la coppia del Team Green, emanazione diretta del Reparto Corse KHI di Akashi con la ZX-10R #87 affidata a Kazuki Watanabe ed al leggendario Akira Yanagawa, alla sua ultima partecipazione in carriera alla 8 ore. Takuya Tsuda su Yoshimura Suzuki Scorrendo la classifica in quinta posizione si colloca la Honda #090 del Kohara Racing Team affidata a Kazuma Watanabe (Campione All Japan ST600 in carica) ed al tre volte vincitore Kousuke Akiyoshi, a seguire in sesta piazza la Suzuki GSX-R 1000 del Team Kagayama con lo stesso Yukio Kagayama in sella, sul podio nel precedente biennio con Kevin Schwantz (2013) e Dominique Aegerter (2014) e Noriyuki Haga, il quale presenzierà soltanto ai prossimi test del mese di luglio. Coca Cola Zero Suzuka 8 hours 2015 Official Test-1, Classifica (Top 10) 01- Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – Katsuyuki Nakasuga – 2’07.013 02- F.C.C. TSR Honda – Honda CBR 1000RR – Hook/Aegerter – 2’07.966 03- Yoshimura Suzuki Shell Advance – Suzuki GSX-R 1000 – Takuya Tsuda – 2’08.019 04- Team Green – Kawasaki ZX-10R – Yanagawa/Watanabe – 2’08.224 05- au & Teluru Kohara RT – Honda CBR 1000RR – Akiyoshi/Watanabe – 2’09.124 06- Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – Yukio Kagayama – 2’09.666 07- Honda Dream RT Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR – Hook/O’Halloran – 2’10.018 08- CONFIA Flex Motorrad 39 – BMW S1000RR – Sakai/Takeishi – 2’10.431 09- Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR – Yasuda/Hiura – 2’10.531 10- EVA RT Test Type-01 Trick Star – Kawasaki ZX-10R – Deguchi/Izutsu – 2’10.584 Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy