8h Suzuka: proseguono i test (privati ed ufficiali) per l’edizione 2012

8h Suzuka: proseguono i test (privati ed ufficiali) per l’edizione 2012

Debutta Tommy Hill

Commenta per primo!

A Suzuka prosegue la marcia di avvicinamento alla 35esima edizione della mitica 8 ore, in programma il prossimo 29 luglio, parte integrante del calendario 2012 del FIM Endurance World Championship. Sabato 7 luglio si è tenuta una giornata di test “supplementare” con cronometraggio ufficiale fornito dagli organizzatori, con la presenza di tutti i principali top-team (F.C.C. TSR Honda, HARC-PRO Honda, Honda Team Asia, Monster Yamaha YART, Yoshimura Suzuki) più di alcune squadre dell’All Japan Superbike (vedi Kawasaki Team Green con Akira Yanagawa) che non prenderanno parte all’evento. Stando ai tempi comunicati, è stato Yoshimura Suzuki con Josh Waters e Nobuatsu Aoki (in attesa di Leon Camier: arriverà soltanto per la disputa della gara) l’equipaggio più veloce in 2’08″609 con gran vantaggio rispetto alla Suzuki di MotoMap Supply condotta da Yoshihiro Konno (pilota dell’All Japan Superbike con la medesima formazione) e da Takuya Tsuda, occasionale portacolori di Yoshimura nella JSB1000 proprio a Suzuka (8° posizione finale), attuale protagonista della ST600 (Supersport). Tuttavia, nella classifica combinata dei tempi “ufficiosa”, si conferma il duello tra Yamaha Austria con Katsuyuki Nakasuga (capoclassifica All Japan Superbike, tester Yamaha MotoGP) autore di un significativo 2’07″416 davanti alla Honda CBR 1000RR #1 di F.C.C. TSR con il bi-campione JSB1000 in carica e vincitore lo scorso anno della 8 ore Kousuke Akiyoshi, arrivato al 2’07″629, l’unico portacolori della squadra complice l’assenza Jonathan Rea convolato a nozze proprio nel fine settimana con la storica fidanzata Tatia. Scorrendo la classifica dei tempi, virtuale 3° crono per i vincitori del 2010 HARC-PRO Honda con Ryuichi Kiyonari (4 vittorie alla 8 ore all’attivo: 2005, 2008, 2010, 2011) ed il vice-campione All Japan Superbike Takumi Takashi in 2’08″266 aspettando l’approdo di Hiroshi Aoyama, seguiti da Yoshimura Suzuki arrivati con Waters e Aoki nella precedente sessione del 3-4 luglio al 2’08″410. Conclusa la “tornata” di test ufficiali, a Suzuka martedì 10 e mercoledì 11 luglio si è disputata una due-giorni di prove private senza cronometraggio ufficiale che ha visto l’esordio con Yamaha Austria di Tommy Hill, campione BSB in carica, reduce dalla “tripletta” nel British Superbike a Oulton Park la vittoria nelle tre gare in programma. Il pilota inglese, all’esordio a Suzuka, ha girato sul passo del 2’09”, un debutto di buon auspicio per la compagine ufficiale Yamaha che ha composto un vero e proprio “dream team” con Nakasuga, Hill ed il grande ritorno a Suzuka di Noriyuki Haga, vincitore nel 1996 insieme a Colin Edwards. Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy