24h Le Mans: pole Suzuki S.E.R.T. davanti a GMT94 e Kawasaki SRC

24h Le Mans: pole Suzuki S.E.R.T. davanti a GMT94 e Kawasaki SRC

Inseguono YART e BMW

Commenta per primo!

Il quarto e conclusivo evento della stagione 2013 del FIM Endurance World Championship con il titolo mondiale in palio. Sul circuito “Bugatti” di Le Mans è in programma la 36esima edizione della 24 Heures Moto con un acceso confronto nelle qualifiche ufficiali che ha premiato i pluri-Campioni del Mondo di Suzuki S.E.R.T. (acronimo del “Suzuki Endurance Racing Team” di Dominique Meliand), in pole nonostante un risicato margine di vantaggio rispetto a Yamaha GMT94 ed i detentori del trofeo del Team Kawasaki SRC. Recentemente in trionfo alla 8 ore di Oschersleben riconfermandosi al comando della classifica di campionato, a Le Mans Suzuki S.E.R.T. non soltanto punta ad una vittoria che sfuma da quattro edizioni a questa parte (l’ultimo centro, il settimo nel proprio palmares, conseguito nel 2008), ma ad aggiudicarsi il tredicesimo titolo mondiale. Per raggiungere questo traguardo la compagine di Dominique Meliand si è presentata sul tracciato della Sarthé con propositi ambiziosi, ma senza l’apporto di uno dei piloti titolari quale Anthony Delhalle, fuori gioco per la frattura della gamba sinistra (in due punti) rimediata nei test pre-gara, sostituito dalla “riserva” Alex Cudlin, promosso “titolare” vantando trascorsi di successo con il Qatar Endurance Racing Team nella classe Superstock. Nonostante questo illustre forfait la Suzuki GSX-R 1000 Yoshimura #1 si è aggiudicata la pole position dell’edizione 2013 della 24 Heures Moto grazie ad una media di 1’37″877 frutto dei tempi fatti registrati dal sei volte iridato Vincent Philippe (1’37″258), medesimo crono spaccato al millesimo siglato da Julien Da Costa, più distanziato invece Alex Cudlin accreditato di un miglior giro in 1’39″116. Suzuki S.E.R.T. si aggiudica così la seconda pole stagionale dopo la 8 ore di Oschersleben, ma in proiezione gara (il via domani alle 15:00) dovrà vedersela con l’agguerrito equipaggio di Yamaha GMT94, ad un soffio dalla pole in 1’37″906 con un velocissimo Matthieu Lagrive (1’37″484), David Checa (1’37″722) e Kenny Foray (1’38″512), senza scordarsi dell’apporto di Maxime Berger in qualità di “riserva” dopo aver corso da titolare ad Oschersleben. Kawasaki SRC punta al poker Senza obiettivi di classifica, punteranno ad aggiudicarsi il “Master of Endurance” e, soprattutto, la quarta affermazione consecutiva a Le Mans il Team Kawasaki SRC di Gilles Stafler, terzo in griglia con la Kawasaki Ninja ZX-10R #11 Pirelli condotta dal capoclassifica FSBK (e tra gli artefici delle vittorie del triennio 2010-2012) Gregory Leblanc (1’37″190), Axel Maurin (miglior privato del campionato francese Superbike, convocato da Kawasaki SRC in sostituzione dell’indisponibile Jeremy Guarnoni e già autore di un rimarchevole 1’39″927) e l’ex iridato Supersport Fabien Foret, protagonista ieri di una rovinosa caduta, ma in grado di fermare i cronometri sull’1’37″608 in questo suo ritorno nell’EWC dopo la comparsata dello scorso anno al Bol d’Or con Suzuki SERT. La formazione di riferimento Kawasaki France e Pirelli cercherà di aggiudicarsi la quarta vittoria di fila sul tracciato della Sarthé e bissare il trionfo dell’aprile scorso al Bol d’Or, mentre in casa BMW Motorrad France Team Thevent l’obiettivo è di regalare alla casa dell’Elica la prima affermazione in una 24 ore per la S1000RR. In pole lo scorso anno, l’equipaggio BMW Michelin ha staccato il quinto crono con una media di 1’38″880 frutto dell’1’38″306 siglato dal Campione Superstock 1000 FIM Cup in carica Sylvain Barrier, il più veloce dell’equipaggio al rientro nell’EWC dopo l’assenza di Suzuka e Oschersleben, più veloce persino rispetto ad un ex-vincitore della 24 ore come Sebastien Gimbert (1’38″987) e l’americano già Campione AMA Formula Xtreme e della 200 miglia di Daytona Jake Zemke (1’39″348), richiamato da Michael Bartholemy dopo l’esperienza dal Bol d’Or nonostante l’apporto di Josh Waters, ingaggiato per l’occasione e “strappato” a Yamaha Austria. Sylvain Barrier con BMW Motorrad France A proposito dei Campioni del Mondo 2009, l’equipaggio #7 di YART (iscritto sotto le insegne di “Monster Energy Yamaha YART”) cercherà di strappare il titolo 2013 a Suzuki S.E.R.T. (13 punti li separano in classifica), presentandosi in griglia dalla quarta casella con il veterano Igor Jerman (1’39″513), Broc Parkes (1’37″917) ed il tri-Campione AMA Superbike in carica Josh Hayes, alla prima presa di contatto con la Yamaha R1 EWC dalle specifiche differenti rispetto alla R1 Graves Motorsports portata in trionfo Oltreoceano, già in grado di staccare un significativo 1’38″974 dopo un gran venerdì dove, a tratti, è stato persino il pilota più veloce dell’equipaggio. YART punta in alto per una 24 ore che presenta diversi outsider di rilievo come la sorprendente Honda #20 del Team FMA Assurances, sesta assoluta con un competitivo equipaggio formato da protagonisti di FSBK, Supersport e Superstock quali Gregg Black (1’39″193), Matthieu Lussiana (1’39″739) e Valentin Debise (1’38″865), poco meglio rispetto al pluri-decorato team National Motos con la Honda #55 affidata ad Arturo Tizon (1’38″737), Gregory Junod (1’39″645) ed un ex-vincitore dell’evento quale Olivier Four (1’39″572). Sempre a proposito della casa dell’ala dorata, Honda TT Legends ha staccato il nono crono assoluto con il leggendario John McGuinness (1’39″910), Simon Andrews (1’39″635) e Michael Rutter (1’39″278) più Michael Dunlop “riserva” d’eccezione (1’39″243 e leader della propria sessione di appartenenza, meglio persino di Josh Waters, Sheridan Morais e Maxime Berger), con le corse su strada in quest’edizione rappresentate anche da Guy Martin, al via con la Suzuki GSX-R 1000 del Team R2CL, autore di un apprezzabile 1’40″499 all’esordio assoluto nell’Endurance non distante dai tempi dei suoi compagni di equipaggio Dylvain Buisson (1’40″318) e un ex-iridato EWC come Gwen Giabbani (1’38″205). Tanti “road racers” al via della 24 ore di Le Mans, ma anche ben 7 nostri portabandiera: cCon la Yamaha R1 #14 del Maco Racing Team Massimo Roccoli (1’41″338) e Alex Baldolini (1’41″512, all’esordio nell’Endurance, ma conoscitore del tracciato Bugatti per i trascorsi nel Motomondiale) si sono qualificati in 22esima posizione assoluta e 13° della top class EWC, meglio rispetto al Flemmbo Leader Team #46 con Emiliano Bellucci sfortunato protagonista ieri di una brutta caduta nelle prime qualifiche. John McGuinness con Honda TT Legends Scatterà invece dalla pole di classe Superstock e ottavo assoluto il cesenate già Campione europeo-italiano 125cc ed attuale protagonista della Superstock 1000 FIM Cup Lorenzo Savadori, in 1’39″149 il più veloce dell’equipaggio del Team Louit Moto 33 su Kawasaki Ninja ZX-10R confermando quanto di buono già espresso al Bol d’Or (poleman di classe con crono-record per la Stock) e alla 8 ore di Oschersleben. Kawasaki strappa così la pole allo Junior Team Suzuki LMS, inaspettatamente non miglioratosi rispetto ai ieri, con il tricolore tra le SST ben rappresentato anche dal No Limits Motor Team di Moreno Codeluppi con la Suzuki #44 conotta da Giovanni Bussei (1’41″450), Andrea Boscoscuro (1’41″677) e Victor Casas (1’41″179) qualificatisi in 25esima posizione e 12° di classe, più staccato il MCS Racing Ipone con la Suzuki #411 condotta anche da Roberto Anastasia (1’42″954). 24 Heures Moto Le Mans 2013 Classifica Qualifiche 01- Suzuki Endurance Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – Philippe/Da Costa/Cudlin – 1’37.877 (EWC) 02- Yamaha France GMT94 Michelin – Yamaha YZF R1 – Checa/Foray/Lagrive – 1’37.906 (EWC) 03- Team Kawasaki SRC – Kawasaki ZX-10R – Leblanc/Foret/Maurin – 1’38.241 (EWC) 04- Monster Energy Yamaha YART – Yamaha YZF R1 – Parkes/Hayes/Jerman – 1’38.801 (EWC) 05- BMW Motorrad France Team Thevent – BMW S1000RR – Gimbert/Barrier/Zemke – 1’38.880 (EWC) 06- Team FMA Assurances – Honda CBR 1000RR – Black/Lussiana/Debise – 1’39.265 (EWC) 07- National Motos – Honda CBR 1000RR – Tizon/Junod/Four – 1’39.318 (EWC) 08- Team Louit Moto 33 – Kawasaki ZX-10R – Marino/Savadori/Jonchiere – 1’39.571 (SST) 09- Honda TT Legends – Honda CBR 1000RR – Rutter/Andrews/McGuinness – 1’39.607 (EWC) 10- Team Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – Fastre/Savary/Lucas – 1’39.619 (SST) 11- AM Moto Racing Competition – Suzuki GSX-R 1000 – Loiseau/Maitre/Hardt – 1’39.631 (SST) 12- Team RC2L – Suzuki GSX-R 1000 – Martin/Buisson/Giabbani – 1’39.674 (EWC) 13- DGSport Herock – Yamaha YZF R1 – Van Keymeulen/McFadden/Mahias – 1’39.680 (SST) 14- Junior Team Suzuki LMS – Suzuki GSX-R 1000 – Guittet/Masson/Dietrich – 1’39.731 (SST) 15- Bolliger Team Switzerland – Kawasaki ZX-10R – Saiger/Morillon/Enjolras – 1’39.735 (EWC) 16- Starteam PAM Racing – Suzuki GSX-R 1000 – Prulhiere/Deletrez/Longearet – 1’40.146 (SST) 17- Synegy Force Trick Star – Kawasaki ZX-10R – Serizawa/Deguchi/Izutsu – 1’40.302 (EWC) 18- Penz13.com Franks Autowelt – BMW S1000RR – Pridmore/Vallcaneras/Mercer – 1’40.359 (SST) 19- Team Hallmotos 02 – Kawasaki ZX-10R – Pilot/Diguet/Ganfornina – 1’40.619 (SST) 20- Atomic Moto Sport – Suzuki GSX-R 1000 – Pierre/Jond/Cholvin – 1’40.807 (SST) 21- Team 18 Sapeurs Pompiers – Kawasaki ZX-10R – Molinier/Tangre/Briere – 1’41.000 (EWC) 22- Maco Racing Team – Yamaha YZF R1 – Roccoli/Baldolini/Rita – 1’41.096 (EWC) 23- Cottard Motosport – Suzuki GSX-R 1000 – Aubry/Levrier/Bourdon – 1’41.234 (SST) 24- RAC 41 Yam’avenue Ipone – Yamaha YZF R1 – Charpin/Depoorter/Dos Santos – 1’41.305 (SST) 25- No Limits Motor Team – Suzuki GSX-R 1000 – Bussei/Boscoscuro/Casas – 1’41.435 (SST) 26- 3D Endurance Moto Center – Kawasaki ZX-10R – Egea/Holub/Clere – 1’41.572 (SST) 27- Metiss JLC Moto – Metiss 100 – Houssin/Hedelin/Cheron – 1’41.595 (Open) 28- Team Flemmbo Leader Team – Kawasaki ZX-10R – Demarey/Prosenik/Bellucci – 1’41.713 (EWC) 29- Rafael Racing – Kawasaki ZX-10R – Sinke/Covena/Bonnet – 1’41.732 (EWC) 30- ZX Moto Le Mans – Kawasaki ZX-10R – Boue/Delegue/Maccio – 1’41.736 (SST) 31- Yamaha Viltais Experience – Yamaha YZF R1 – Bardet/Carrillo/Berthome – 1’41.748 (SST) 32- Ecurie Chrono Sport – Kawasaki ZX-10R – Mecene/Bergeron/Le Bail – 1’41.917 (SST) 33- Equip Moto 50 TRT27 – Kawasaki ZX-10R – Rambure/Gicquel/Chevrier – 1’42.003 (SST) 34- DL Moto Racing – Kawasaki ZX-10R – Morin/Thiuillier/Cuzin – 1’42.080 (SST) 35- Aprilia Le Mans 2 Roues – Aprilia RSV4 – Lerat Vanstaen/Parisse/Gold – 1’42.254 (SST) 36- Reseau Honda – Honda CBR 1000RR – Dupond/Gerard/Bercot – 1’42.462 (SST) 37- TMC 35 – Kawasaki ZX-10R – Aynie/Diard/Billega – 1’42.853 (SST) 38- Probike Team GP Moto – Kawasaki ZX-10R – Boizart/Lanziani/Leroyer – 1’43.088 (SST) 39- MCS Racing Ipone – Suzuki GSX-R 1000 – Ivanov/Saseta/Anastasia – 1’43.130 (SST) 40- Slider Endurance – Yamaha YZF R1 – Ayer/Lalevee/Diller – 1’43.149 (EWC) 41- Volpker Team Schubert – BMW S1000RR – Gantner/Hayato/Stuppi – 1’43.251 (SST) 42- Team Dunlop Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – Putin/Pepin/Dehaye – 1’43.281 (EWC) 43- RS Speedbikes Racing – BMW S1000RR – Albrecht/Altendorfer/Lowe – 1’43.286 (Open) 44- Team Cognage SP Racing – Honda CBR 1000RR – Belloeuvre/Kipp/Goetschy – 1’43.439 (EWC) 45- Team Racing + Oui FM – Kawasaki ZX-10R – Dubarle/Vigneau/Debroise – 1’43.485 (SST) 46- Racing Team Sarazin – Kawasaki ZX-10R – Guerouah/Kokes/Major – 1’43.583 (SST) 47- 3A Courtage Team RPM – Kawasaki ZX-10R – Dumas/Lorillon/Yvin – 1’43.624 (SST) 48- Team Racing 85 – Kawasaki ZX-10R – Gaufreteau/Landreau/Perrin – 1’43.713 (SST) 49- Team Esperanza – BMW S1000RR – Pascal/Serafin/Torchausse – 1’43.729 (SST) 50- Motobox Kremer Racing – Suzuki GSX-R 1000 – Gaziello/Scherrer/Paavilainen – 1’44.094 (EWC) 51- Racing Team 87 – Yamaha YZF R1 – Guyot/Hamard/Bouvier – 1’44.172 (SST) 52- Scuderia Deux Roues – Ducati 1199 Panigale – Teissier/Ancelin/Royer – 1’44.173 (Open) 53- AZ Motos – Suzuki GSX-R 1000 – Mezard/Dumain/Monneret – 1’44.234 (SST) 54- Motos Actives Sport 14 – Kawasaki ZX-10R – Pigeon/Pigeon/Rosa – 1’44.418 (SST) 55- Team Space Moto 37 – Suzuki GSX-R 1000 – Gallerand/Nouvellon/Roche – 1’44.442 (EWC) 56- Team Acceleration – Kawasaki ZX-10R – Enault/Jaulnaut/Dubray – 1’44.643 (EWC) 57- Repli-K Racing ProTwin – Ducati 1199 Panigale – Scherrer/Peyron/Serra – 1’44.633 (Open) 58- SPE Samurai – Suzuki GSX-R 1000 – Piccolo/Fujishima/Hamaguchi – 1’44.951 (EWC) 59- Leek Racing Team – Ducati 1199 Panigale – Bellembois/Leroy/Henry – 1’45.984 (Open) 60- Amazone Fire – Suzuki GSX-R 1000 – Jeannot/Takasugi/Remy – 1’47.454 (SST)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy