CIV Stock 1000: Chris Seaton chiude la stagione anzitempo

CIV Stock 1000: Chris Seaton chiude la stagione anzitempo

Commenta per primo!

I piloti del Campionato Italiano Velocità scenderanno in pista oggi per i primi turni di libere dell’ultimo round in programma questa stagione sul tracciato del Circuito Internazionale del Mugello e tra i protagonisti, nella categoria Supersotck 1000, non ci sarà Chris Seaton, giovane talento australiano del Team Real Racing, costretto a chiudere anzitempo la propria stagione tricolore essendo venuto meno il supporto di uno sponsor.

Il venticinquenne di Albury era stato autore lo scorso anno di una prova magistrale sulla Suzuki del Team Celani nella prova conclusiva della Coppa del Mondo Stock 1000 a Portimao, dominando la prima parte della gara prima di capitolare in favore della velocissima Ducati 1098R di Brendan Roberts e finire secondo sul podio subito dietro al campione del mondo.

Il passaggio alla squadra capitolina guidata da Gianluca Di Carlo per il CIV 2009 è avvenuto a ridosso dell’inizio del campionato e Seaton non ha potuto provare la nuova Yamaha R1 prima della prova inaugurale tenutasi a Misano lo scorso aprile, tornando di fatto in sella sei mesi dopo la prova di Portimao. Nei cinque round tricolori disputati, Chris ha ottenuto dei piazzamenti nella top ten uscendo da Misano, ultima prova in ordine di tempo, ottimista dopo i passi avanti effettuati nel set up della moto.

“Non vedevo l’ora di concludere la stagione al Mugello con un buon risultato sia per me che per la squadra che in questi mesi ha lavorato duro”, ha confessato Seaton. “L’unico motivo per cui non posso finire la stagione è il mio sponsor, incapace di dare il suo supporto al team dopo che il terremoto in Abruzzo ha colpito l’azienda. Ho fatto di tutto per trovare i soldi di cui avevo bisogno per prendere parte alla gara conclusiva ma sembra essere un periodo difficile per tutti. Ora guardo al futuro e alle mie opzioni per il 2010: il mio più grande desiderio è quello di poter competere per il titolo.”

Silvia Lavezzo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy