BSB: Peter Hickman appiedato da MSS Bathams Kawasaki

BSB: Peter Hickman appiedato da MSS Bathams Kawasaki

Per l’apparizione nel mondiale con Suzuki a Donington

Commenta per primo!

Un’esperienza nel Mondiale Superbike costata il posto in squadra a Peter Hickman. Il team MSS Bathams Kawasaki ha infatti annunciato il divorzio con “Hicky”, tra i migliori piloti privati del BSB nelle ultime stagione, a seguito della sua decisione di correre a Donington Park da sostituto dell’infortunato John Hopkins con Crescent Suzuki.

A seguito della sua decisione di correre con una casa costruttrice concorrente a Donington Park nel Mondiale Superbike, Peter Hickman non ha rispettato gli accordi presi con MSS Colchester Kawasaki“, si legge nel comunicato. “Nessuno dal team o da Kawasaki Motors UK ha consentito al pilota di prender parte all’evento: per questa stagione Hickman non fa più parte della nostra squadra.

Va precisato che lo scorso anno il team MSS Colchester (oggi Bathams) Kawasaki aveva consentito ad Alex Lowes di correre con una casa concorrente in due prove del Mondiale Superbike (Brno e Silverstone con Castrol Honda). Nel comunicato del team Crescent Suzuki divulgato nella giornata di giovedì, il team manager Jack Valentine aveva ringraziato MSS Kawasaki per aver “liberato” Hickman per questa sostituzione in corsa di Hopkins a Donington Park.

Ho sempre creduto che un accordo, scritto o sancito attraverso una stretta di mano, sia sempre vincolante“, ha spiegato Nick Morgan, team manager e titolare MSS Bathams Kawasaki. “Hickman non ha rispettato gli accordi e non ci ha lasciato altra scelta. Adesso stiamo cercando un valido sostituto da affiancare a Michael Rutter, dal potenziale per puntare in alto nel BSB 2012.

In questa sua breve avventura con MSS Kawasaki Peter Hickman ha conquistato soltanto un 11° posto a Thruxton, mentre con Crescent Suzuki a Donington Park ha raggiunto un’apprezzabile 9° posizione in Gara 2.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy