BSB: Michael Laverty “Nessun rammarico, ci abbiamo provato”

BSB: Michael Laverty “Nessun rammarico, ci abbiamo provato”

Protagonista di una stagione eccezionale con Suzuki

Commenta per primo!

Tra gli “MVP” della stagione 2010 c’è sicuramente Michael Laverty. Al ritorno nel British Superbike il pilota irlandese, sempre con il team Relentless Suzuki by TAS con cui si era laureato campione tra le Supersport, ha superato le attese tanto da ritrovarsi all’ultima gara in corsa per il titolo. Due vittorie (Oulton Park e Croft), una costanza di rendimento esemplare che gli ha consentito di sognare la vittoria finale.

Soltanto una caduta, ed un successivo fuoripista, non gli ha consentito di combattere con Kiyonari, Brookes e Hill nell’ultima manche stagionale di Oulton Park, anche se per il più esperto dei fratelli Laverty non ci sono particolari “recriminazioni” nel bilancio di un 2010 sicuramente positivo.

Ci abbiamo creduto e provato, ma non è andata bene“, spiega Michael Laverty. “A Oulton Park volevo la vittoria, ma nel weekend abbiamo riscontrato più problemi del previsto, in particolare non siamo riusciti a risolvere il chattering riscontrato sin dalle prime prove libere.

In Gara 2 ho dato davvero il massimo, tanto che sono volato a terra nel tentativo di recuperare su Kiyo. La squadra ha fatto un lavoro eccezionale, mi ha risistemato la moto in pochi minuti e son riuscito a ripartire anche se ho un fuoripista mi ha precluso le residue possibilità di vincere il titolo.

E’ stato un weekend deludente, ma ho concluso quarto in campionato e posso comunque sorridere per come è andato il 2010, non c’è nessun rammarico: ci siamo affermati come squadra il lotta per il campionato, oltre le più rosee aspettative“.

Per il 2011 Michael Laverty dovrebbe restare al team Relentless Suzuki by TAS, anche se i programmi saranno definiti soltanto nelle prossime settimane quando Suzuki GB e TAS Racing completeranno il budget a disposizione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy