Superbike Test Jerez: Tom Sykes risponde a Jonathan Rea

Il campione del Mondo vola a Buckingham Palace per ricevere MBE ma a Jerez ci pensa lo scudiero: primato eguagliato.

Commenta per primo!

Jonathan Rea è volato a Buckingham Palace, Londra, per ricevere l’onorificienza di Member of British Empire, che gli era stata assegnata lo scorso giugno per meriti sportivi. Ma in pista a Jerez ci ha pensato Tom Sykes a far volare la Kawasaki: 1’39″692, ad appena cinque centesimi dal fantastico primato (con gomme da gara!) stabilito il giorno precedente dal tre volte campione del Mondo.

SUPER KAWASAKI – Non ci sono dubbi, la ZX-10R si sta facendo un baffo della riduzione dei giri motore imposta dal regolamento. Anche con il limitatore a 14.100 (invece di 15.000) la verdona viaggia come il vento, con entrambi i due piloti ufficiali scesi oltre un secondo sotto il primato della gara Mondiale di un mese fa. E’ vero che in novembre Jerez è velocissima, ma le condizioni non sono così diverse da quelle di ottobre. E l’asfalto, rifatto, è lo stesso. Rea si è potuto prendere un giorno di riposo perchè la Kawasaki ha programmato ben cinque (!) giornate di collaudo, e siamo veramente curiosi di vedere dove sarà capace di spingersi da qui a venerdi prossimo. Ricordiamo che Rea lunedi ha fatto il tempo dopo soli 23 giri…

BAZ OK – Anche Loris Baz continua a far progressi, al secondo giorno sulla BMW S1000RR. Che il francese sia fortissimo non si scopre adesso e gli otto decimi incassati da Sykes possono essere considerati un divario accettabile, considerando che siamo appena agli inizi dell’avventura. “E’ stato un test molto positivo” ha commentato Loris Baz. “E’ stato strano all’inizio ovviamente, con tante cose alle quali abituarmi, ma abbiamo lavorato duramente e bene. Ho completato tanti giri, necessari per poter trovare il giusto feeling. La moto mi piace molto, soprattutto l’anteriore e la gomma anteriore, mentre ho avuto più difficoltà con la parte elettronica. Fatico ancora con le gomme fresche, un aspetto sul quale continueremo a lavorare, ma in una simulazione di gara che abbiamo fatto stamattina, siamo stati veloci, con tempi in linea con quelli visti durante l’ultima gara che si è disputata su questa pista. Quindi, tutto sommato, sono molto contento e non vedo l’ora di tornare in pista…”
RINCORSA – Anche l’Aprilia con Eugene Laverty ha limato sei decimi rispetto al primo giorno, con Lorenzo Savadori sesto dietro a Leon Haslam con la Kawasaki in specifiche British Superbike, cioè senza limitazione di giri e controlli elettronici. Non è sceso in pista  Yonny Hernandez che lunedi aveva preso contatto con la Kawasaki Pedercini: qui il motivo dell’assenza.

PROGRAMMA – I test di Jerez entrano nel vivo mercoledi 22 novembre con l’arrivo di Aruba.it Ducati, Pata Yamaha e Red Bull Honda. Saranno in pista anche alcune squadre MotoGP, in particolare la Ducati ufficiale con Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo impegnati due giorni, il terzo (venerdi) toccherà a Danilo Petrucci.

I TEMPI di martedi 21 novembre – 1. Sykes (GB-Kawasaki) 1’39″692 (74 giri); 2. Baz (Fra-BMW) 1’40″468 (94);  3. Laverty (Irl-Aprilia) 1’40″551 (73); 4. Torres (Spa-MV Agusta) 1’40″595 (82); 5. Haslam (GB-Kawasaki) 1’40″768 (43); 6. Savadori (GB-Aprilia) 1’40″841 (79; 7. Mossey (GB-Kawasaki) 1’40″984 (29); 8. Mercado (Arg-Kawasaki) 1’41″034 (29).

Superbike Test Jerez Cronaca e tempi di lunedi 20 novembre

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy