MotoGP, Valentino Rossi 2021: Pilota, team owner o capo della Dorna?

Il nove volte iridato andrà avanti (almeno) altri tre anni. Un quarto di secolo in pista. Poi avrà diverse opportunità…

MotoGP of Qatar - Previews

Rossi ha annunciato a breve l’estensione del suo contratto con Yamaha per il 2019 e il 2020, ma cosa succederà dopo? Avrà ancora voglia di correre, porterà in pista una sua squadra, o prenderà il posto di Carmelo Ezpeleta alla guida di Dorna, il promoter del Motomondiale? Valentino ne ha parlato con Oliver Feldtweg e Waldemar Da Rin per l’online tedesco speedweek.com.

Perchè hai rinnovato con Yamaha?

“L’ho fatto perchè mi piace. Amo ancora pilotare una moto, vincere, o almeno provarci, e restare competitivo. Lo faccio perchè amo questa vita, anche i momenti difficili. L’ho sognata quando avevo quattro-cinque anni, come posso dire di averne ormai abbastanza? Impossibile!”

Valentino, hai appena compiuto 39 anni. Significa altri tre anni in top class…

“È possibile che sia fisicamente impegnativo per me, quindi dovrò allenarmi di più, cosa che non mi è mai piaciuta davvero. Come lavorare ai box, essere distratto dai numerosi aggiustamenti, combattere con le gomme e recuperare tutti i dati.Cmunque c’è di peggio, perché sono fortunato ad essere in una squadra fantastica. Tutti amici veri, rende tutto più facile. “

Entro il 2020, sarai da 25 anni di MotoGP

“Chi avrebbe mai osato aspettarsi una cosa del genere all’inizio? Un quarto di secolo. Ricordo il primo anno del 1996. L’amministratore delegato di Aprilia, Ivano Beggio, si fidava di me. Ero solo un ragazzino e non ci ho pensato molto. Non avrei mai immaginato cosa è successo da allora. Invece, quando ho firmato il penultimo contratto due anni fa, ho pensato che forse era l’ultima volta. Immediatamente una specie di tristezza si impadronì di me. “

Quando hai davvero deciso di continuare?

“In effetti, la mia testa è sempre stata chiara. Yamaha mi ha detto a novembre, prenditi tutto il tempo che vuoi. Potevo rispondere istintivamente e dire “sì”. Ma ho pensato, aspetta l’inverno, che è piuttosto noioso con tutti gli allenamenti e le prove. Se tutto va bene, è un segno. “

Intendi dire che la Yamaha M1 funziona perfettamente dopo tutte le incertezze?

“È vero. Il tutto, quindi il motore, il telaio e l’elettronica funzionano meglio rispetto allo scorso anno. Tuttavia, una vittoria e sei podi nel 2017 non è stata male per un vecchio, vero? L’intenzione ora è di finire costantemente tra i primi tre e rimanere in gioco fino alla fine del campionato. “

Prestazioni, competitività, sofferenza: cos’è la cosa più difficile alla tua età?

“Quando si tratta di determinazione, sono all’altezza degli altri. Certo, la MotoGP richiede sempre di più oggi. Il livello è aumentato incredibilmente. Quest’anno, il campionato sarà probabilmente ancora più equilibrato che mai. Almeno dieci piloti  possono vincere sulla carta. Márquez, Dovizioso, Viñales, Zarco, Pedrosa, Iannone, Lorenzo, Crutchlow, Petrucci … »

Sei ossessionato dal vincere il tuo decimo titolo mondiale. Il problema è che se vincerai nel 2018, cosa farai nei prossimi due anni?

“Una buona domanda. Iniziamo vincendo il decimo. Dopo quello? Non cambierà molto. Probabilmente cercherò di vincere l’undicesimo. Continuerò e riproverò. “

Sono passati nove anni dal tuo ultimo titolo MotoGP. Perché non ti sei fermato come campione del mondo nel 2009?

“È molto difficile fermarsi quando sei al massimo. Conosco alcuni di loro, Schumacher, Troy Bayliss, Max Biaggi, che nei loro anni migliori preferivano fermarsi e poi tornare. Lo so molto bene, qualcosa manca dentro. Ecco perché non volevo farlo subito. Preferisco dare tutto e ora. “

Ma ad un certo punto, hai seriamente pensato di fermarti?

“Durante i due anni con Ducati, e dopo la tragedia di Marco (Simoncelli). Ma quella sarebbe stata la risposta sbagliata. E penso di aver preso la decisione giusta. “

Finché partecipi al campionato mondiale, non avrai una squadra MotoGP. Ma è chiaro che potresti diventare il successore del leader di Dorna, Carmelo Ezpeleta.

“Devo ripetere ciò che mi interessa di più al momento? C’è ancora tempo per il resto. Sono felice di occuparmi dei miei ragazzi della VR46 Riders Academy e di competere al Tavullia Ranch. È anche il segreto che mi ha tenuto giovane. “

Leggi qui l’articolo originale di www.paddock-gp.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy