MotoGP: Siamo già nel 2019, Pecco Bagnaia in Ducati Pramac

La marca italiana batte tutti sul tempo e apre il mercato assicurandosi il talentuoso 21enne piemontese. Petrux verso Aprilia?

Non sono ancora cominciati i test della MotoGP 2018 ma siamo già proiettati verso la prossima stagione. Il primo colpo di mercato lo mette a segno la Ducati che si assicura Francesco “Pecco” Bagnaia, 21 anni appena compiuti: nel 2019 debutterà in top class con il team Pramac.

CONTRATTO – Non è stato ancora firmato, ma è praticamente tutto deciso. Bagnaia sarà a tutti gli effetti un pilota Ducati Corse e verrà affidato alla squadra satellite di riferimento, in vista di un ipotetico passaggio nel team interno negli anni futuri. Pecco è uno dei migliori talenti del vivaio italiano: corre nel Motomondiale dal 2013 e nel 2017 ha debuttato in Moto2 con la Kalex del team Sky di Valentino Rossi centrando un fantastico quinto posto finale, con quattro piazzamenti sul podio, due secondi e due terzi. In carriera vanta due successi iridati, nella Moto3.

PETRUX – Bagnaia ha già provato la Ducati MotoGP, compiendo nove giri a Valencia a fine 2016, nella foto d’apertura. Fù il premio che il team Aspar gli fece per le due vittorie nella Moto3 di quella stagione. Il fortissimo torinese aveva la Rossa nel destino e il suo desiderio si è concretizzato con congruo anticipo. Il team Pramac affronterà la stagione 2018 con Danilo Petrucci, al quarto anno di militanza con la formazione toscana, e il neoacquisto australiano Jack Miller. Proprio Petrux è in scadenza di contratto, anche se ha un’opzione 2019 per passare nel team interno Ducati. Che è già alle prese con la difficile conferma di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. Sulle tracce di Petrucci, non è un mistero,  c’è anche l’Aprilia cui farebbe molto comodo – se non altro per motivi promozionali – disporre di un pilota italiano di alto lignaggio.

MotoGP Ducati, fuoco alle polveri: dietro le quinte della presentazione

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy