Pecco Bagnaia MotoGP

MotoGP, Pecco Bagnaia: i primi rivali sono in casa Ducati

Pecco Bagnaia riconosce che Enea Bastianini è andato subito fortissimo al debutto in MotoGP. I primi rivali saranno i suoi colleghi di casa Ducati.

2 gennaio 2022 - 12:01

Nella stagione MotoGP 2022 vedremo una Ducati a otto punte, ben cinque di nazionalità italiana. Pecco Bagnaia, Enea Bastianini, Fabio Di Giannantonio, Luca Marini e Marco Bezzecchi. Una forte competizione all’interno del team che costringerà a spingere al limite per preservare la sella e puntare alla squadra factory. Se nel breve termine è Jack Miller a rischiare il posto, con Jorge Martin accreditato per il team ufficiale nel 2023, dalle retrovie saranno in tanti a spingere nei prossimi anni.

Otto Desmosedici in griglia potrebbero essere di aiuto anche a chi punta al titolo MotoGP, come Pecco Bagnaia. Ma il piemontese della VR46 Academy sa che i primi avversari arrivano proprio dal fronte interno. “Per Ducati non sarà facile gestire otto moto, due in più possono sembrare poca cosa, ma in realtà sono tante. Cercheremo di gestire al meglio, per noi vuol dire più dati su cui lavorare“. Saranno ben tre i piloti dell’Academy in sella alla Rossa, con il rookie Marco Bezzecchi che disporrà di una GP21 con gli ultimi aggiornamenti dello scorso anno. “Sono molto felice di essere con Luca e Bez in Ducati. Adesso abbiamo più storie da raccontarci”.

Dal vivaio made in Italy c’è sicuramente Enea Bastianini che spinge forte, con due podi nella sua prima stagione in classe regina. Si è subito ambientato con la Ducati: “Sin dal primo anno è stato veloce, io ho avuto bisogno di più tempo“. Per Pecco si prospetta una stagione MotoGP ad altissimo livello, ma i primi avversari se li potrebbe ritrovare proprio all’interno della sua squadra…

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”

MotoGP, Michele Pirro: “Sepang è un banco di prova importante”